antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti
- "Ammazza il negro", altre minacce contro la famiglia del Milanese che ha adottato senegalese
- Donna aggredita in pizzeria a Mereto di Tomba perché non parla friulano
- Ascoli, barista caccia cliente omosessuale: “Sono nazista, non voglio gay nel mio locale”
- Brescia Danno fuoco alle roulotte, poi sparano contro chi scappa: “Zingari di me**a, vi ammazzo tutti”
- Torino, aggressione omofoba in un condominio: «Sei gay, ti ammazziamo»
- Modena Bomba carta e bottiglie molotov contro il centro di accoglienza per migranti
- Sondrio, insulti razzisti poi calci e pugni: senegalese in ospedale
- Raid punitivo contro alloggio di migranti: Piacenza, tre indagati

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake
- Libro sulle "atrocità partigiane", l'Anpi di Reggio Emilia contrattacca: presidio e minacce di denuncia
- San Lorenzo: Forza Nuova sfregia murales ai partigiani, che viene ripristinato dopo un’ora
- Trieste, doppio corteo: CasaPound e antifascisti in piazza
- Venaria, il sindaco toglie i fiori lasciati sulla tomba da CasaPound: “Non c’è spazio per i fascisti”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra
13.01.19 La sede dei fascisti di Avanguardia Nazionale è in uno stabile del Comune di Roma
13.01.19 Calcio, la piaga nera del tifo fascista
17.12.18 Le sfumature nere della Lega di Salvini
20.11.18 Bolivia: Il neofascista italiano Diodato tra i registi della strage di Pando
18.11.18 CasaPound e Forza Nuova a confronto
14.11.18 FBI: Milizia neo-nazista addestrata dall'esercito americano in Ucraina, ora prepara i Suprematisti bianchi degli USA
12.11.18 Veneto Fronte Skinheads, radiografia dell'associazione
12.11.18 Così i neofascisti assediano Brescia
11.11.18 Il governo di Varsavia marcia con l’estrema destra europea
29.10.18 CasaPound non paga neppure le bollette: debiti per centinaia di migliaia di euro
17.10.18 Processo Cavallini, Ansaldi parla di Fioravanti: ''È un uomo della P2''
12.10.18 I legami pericolosi tra il partito di Matteo Salvini e la 'ndrangheta
24.09.18 Stati nazisti d’America, tra svastiche, Hitler e sostenitori dello "sterminio necessario"
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 9.09.18
Padova Antifascisti cercano di impedire il comizio di Forza Nuova: cariche delle forze dell'ordine in pieno centro
·
È successo nella mattinata di sabato in via San Francesco, davanti alla tomba di Antenore: polizia e carabinieri hanno allontanato la trentina di manifestanti assiepatisi in zona Prefettura

08 settembre 2018

Sembrava essere pacifica. Ma è degenerata: una manifestazione antifascista in pieno centro a Padova è terminata con le cariche delle forze dell'ordine.

È successo nella mattinata di sabato in via San Francesco, davanti alla tomba di Antenore: una trentina di antifascisti si erano radunati nell'omonima piazza dinanzi alla Prefettura per occuparla con l'intenzione di impedire il comizio del leader di Forza Nuova, Roberto Fiore. Dopo qualche slogan le forze dell'ordine hanno deciso di sgomberare la piazza, trovando però l'opposizione degli antagonisti. Sono dunque partite le cariche di alleggerimento da parte di polizia e carabinieri, che stavano presidiando la zona: il gruppo Globalproject.info ha pubblicato sulla propria pagina Facebook un video degli scontri, sostenendo che "alcune persone sono rimaste ferite". Nel post di accompagnamento, invece, si legge: "Gli attivisti e le attiviste si sono immediatamente ricompattati andando in corteo sotto il comune di Padova per denunciare quanto accaduto nel corso della mattinata". Global Project ha fornito poi questa foto alla stampa.

La versione della Questura

Stando a quanto riportato dalla Questura di Padova nella mattinata di sabato alle ore 9 una quarantina di militanti del Pedro si sono radunati in piazza Antenore. Alle 9.30 gli antifascisti sono stati invitati ad andarsene: alcuni hanno acconsentito, mentre uno sparuto gruppo è rimasto nei pressi della tomba di Antenore. Sempre secondo la questura, uno degli antagonisti avrebbe tirato un pugno a un carabiniere: ne è scaturita una piccola carica di alleggerimento, e un manifestante è rimasto leggermente ferito al sopracciglio. Nessun ferito tra le forze dell'ordine e nessun fermato tra i manifestanti.
Piazza Antenore

Si è poi regolarmente svolto il presidio, autorizzato, di Forza Nuova: nessun problema con gli iscritti al partito di destra che sono arrivati in tram, circa in venticinque, in una blindatissima Piazza Antenore. Il leader Castellini, già noto anche per vicende legate alla curva del Verona, ha fatto srotolare uno striscione indirizzato all'ex prefetto Impresa. Il tutto è durato una ventina di minuti circa.

https://www.padovaoggi.it/cronaca/cariche-forze-ordine-antifascisti-comizio-forza-nuova-padova-piazza-antenore-08-settembre-2018.html




Padova - Gli antifascisti occupano la piazza concessa a Forza Nuova. Cariche di polizia e carabinieri.

8 /9/2018

Intorno alle 9 di stamattina, decine di antifascisti e antifasciste hanno occupato la piazza davanti alla Prefettura di Padova. Qui era previsto un comizio indetto da Forza Nuova contro l’accoglienza e per i rimpatri dei migranti, con la presenza del leader nazionale Roberto Fiore. «Nessuno spazio ai fascisti. Diritti e accoglienza per tutti/e» lo striscione esposto in piazza, che sottolinea la volontà di fermare ogni speculazione sulla pelle dei migranti.

«In questi giorni infatti si rincorrono le notizie delle "porcherie" fatte tra Prefettura ed Ecofficina rispetto alla gestione degli HUB di Bagnoli Cona, la cui esistenza è frutto del rifiuto della presenza dei migranti nei comuni della Provincia di Padova gestiti dalla Lega. Forza Nuova compare in città solo per buttarsi nell'onda mediatica e propagandare odio e nazionalismo. Le realtà antifasciste e antirazziste che per tutto lo scorso anno hanno dato vita alle "passeggiate antifasciste" del mercoledì hanno spiegato in una conferenza stampa il quadro della situazione e la falsa narrazione che la Lega sta dando delle proprie responsabilità amministrative». Con queste parole il centro sociale Pedro spiega le motivazioni dell’iniziativa.

Decine di poliziotti e carabinieri in assetto antisommossa si sono schierati all’interno della piazza, con la chiara intenzione di sgomberare i presidianti e di far svolgere il comizio neo-fascista. Una violenta carica ha allontanato gli antifascisti e le antifasciste, che non avevano alcuna intenzione di abbandonare la piazza spontaneamente.

Alcune manganellate hanno colpito al volto e in testa alcuni manifestanti e uno di loro ha riportato una profonda ferita sulla fronte.

Gli attivisti si sono ricompattati subito dopo la carica e si sono mossi in corteo fino al Liston, sotto la sede del Comune di Padova, spiegando alla cittadinanza i fatti della mattinata e il contesto politico con cui sono maturati. «Padova anche oggi ha espresso una forza antifascista determinata e consapevole, ribadendo che ogni qual volta i neo-fascisti provassero ad avere agibilità, questa verrà loro negata dal basso con forza e determinazione!». Così si conclude il comunicato del Pedro sui fatti di oggi.

https://www.globalproject.info/it/in_movimento/padova-gli-antifascisti-occupano-la-piazza-concessa-a-forza-nuova-cariche-di-polizia-e-carabinieri/21605

manifestazioni antifa
r_veneto


articolo precedente           articolo successivo