antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Giulietti: "La Costituzione antifascista non è in lockdown, guai se la Rai dà spazio agli squadristi"
- Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
19.12.20 Casapound: convegni, nuovi slogan e alleanze elettorali. L'idillio tricolore tra la "tartaruga nera" e Meloni
19.12.20 L'ultradestra torna a casa: abbandona Salvini e abbraccia Fratelli d'Italia
12.12.20 Report: Cinque sfumature di nero 07/12/2020
10.12.20 Anastasia, la setta bio-nazista che spaventa la Germania dalla nostra corrispondente
3.12.20 I vecchi mostri La destra estrema è qui per restare, ma non si deve smettere di combatterla
12.11.20 Neonazisti, franchisti e ultradestra: la rete fascista che cavalca le proteste in tutta Europa
9.11.20 Stati Uniti, i 940 "gruppi d'odio" che mettono in stato d'allerta l'Fbi dopo la sconfitta di Trump
8.11.20 Chi c’è dietro il gruppo di Giorgia Meloni
6.11.20 Covid, se l’ultra destra arruola negazionisti e capi delle proteste
27.10.20 Sicilia: Galassia nera, ultrà e capipopolo: ecco chi soffia sul fuoco dell’ira
21.10.20 Il popolo no mask che nasconde l’ultradestra
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Report: Il virus nero
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 9.09.18
Scontri a Marina Centro, il corteo di Forza Nuova cerca di sfondare il cordone
·
Evitato il contatto con gli esponenti della sinistra insediati alla fontana dei Quattro Cavalli

08 settembre 2018

E' stata necesaria una carica di alleggerimento da parte delle forze dell'ordine per evitare che, nella serata di sabato, il corteo di Forza Nuova venisse a contatto con quello della sinistra. Momenti di tensione a Marina Centro per le due opposte manifestazioni che hanno visto come protagoniste le strade di Rimini. Le forze dell'ordine, in tenuta anti sommossa, hanno dovuto disporre una carica di alleggerimento contro i militanti di Forza Nuova arrivati in viale principe Amedeo poiché stavano cercando di sfondare il cordone di sicurezza per raggiungere gli antagonisti che stavano manifestando in piazzale Fellini. Tutta la zona, per motivi di sicurezza, è stata chiusa al traffico causando non pochi disagi. A scatenare le tensioni, secondo quanto emerso, sarebbe stato un gruppo di antagonisti che, non autorizzato, avrebbe cercato di raggiungere da Marina Centro il cuore di Rimini e, in particolare, la zona della stazione ferroviaria dove era stato organizzato il corteo di Forza Nuova. Le forze dell'ordine hanno bloccato il passaggio ai militanti di sinistra, nel tentativo di evitare l'incontro dei due gruppi, e questi hanno poi ripiegato verso il mare raggiungendo piazzale Fellini. Circa 300 i militanti di Forza Nuova arrivati a Rimini per manifestare contro gli stupri commessi dagli immigrati e, allo stesso tempo, per contestare la presenza in città dell'ex presidente della Camera, Laura Boldrini. Nella carica di alleggerimento, tre agenti sono rimasti contusi.

IL VIDEO DEGLI SCONTRI

La Boldrini era intervenuta al Teatro degli Atti di Rimini, ospite della rete femminista Rebel Network, tesa a cercare alternative all'odio non solo online che polarizza sempre più le discussioni politiche e sociali. Alla giornata avevano risposto oltre 140 associazioni. La manifestazione era stata organizzata in collaborazione con l'associazione riminese Rompi il silenzio. Laura Boldrini ha lasciato Rimini senza incidenti nonostante fosse stata contestata in anticipo da Forza Nuova che ha indetto proprio per il pomeriggio una manifestazione un centinaio di persone nel piazzale della stazione contro le violenze sessuali compiute dagli stranieri. Importanti le misure di sicurezza disposte dalla Questura anche in vista di una terza e opposta manifestazione a Rimini organizzata dall'Anpi in piazza Tre Martiri una settantina di persone con Arci Arcigay Grotta rossa Cgil e Pd. "La violenza e gli stupri sono gravi e sono sempre da condannare a prescindere che siano messi in atto da un italiano o che a compierli sia uno straniero - sottolinea Laura Boldrini ai microfoni del Tgr Rai. - La gravità non cambia".


https://www.riminitoday.it/cronaca/scontri-a-marina-centro-antagonisti-centro-sociale-antifascista-corteo-di-forza-nuova-cerca-di-sfondare-il-cordone.html



Rimini, guerriglia a Marina centro. Volano le manganellate

Militanti di Forza Nuova attaccano la polizia. E oltre cento antagonisti hanno occupato piazzale Fellini. Tre agenti contusi

9 settembre 2018

Guerriglia in viale Principe Amedeo. Forza Nuova da una parte, antagonisti dall’altra. Per ore, ieri pomeriggio, Marina centro è rimasta ostaggio dei due schieramenti che si sono fronteggiati a poca distanza gli uni dagli altri, trattenuti solo da un imponente cordone di forze dell’ordine che i militanti di estrema destra hanno cercato di sfondare per arrivare in piazzale Fellini, dove c’erano i ‘nemici’, costringendo le divise a fare entrare in azione i manganelli per respingere la carica. Tre agenti sono rimasti contusi.

Era cominciato alle 17,30, con oltre 250 di Forza Nuova che armati di bandiere e striscioni «prima gli italiani» che manifestavano alla stazione ferroviaria. Si sarebbero dovuti muovere verso piazzale Fellini, dove però a un certo punto sono comparsi un centinaio fra antagonisti e anarchici incappucciati, senza alcuna autorizzazione a manifestare e pronti ad armare la lite. Oltre 200 le divise messe in campo, inclusi i cani antisommossa e l’elicottero.

Se i due schieramenti fossero venuti a contatto sarebbe successo il finimondo. Arrivati all’altezza del grattacielo, quelli di Forza Nuova sono stati fermati, per impedire di raggiungere gli altri, mentre l’intera zona veniva transennata. I militanti di Forza Nuova, capeggiati dal leader, Roberto Fiore, e da Mirco Ottaviani, hanno pazientato per un po’, poi sono partiti alla carica delle forze dell’ordine, decisi a proseguire la marcia a ogni costo. Sono volate manganellate e le divise sono riusciti a respingerli prima che accadesse il peggio. Tensione alle stelle fino a poco dopo le 20,20, quando Forza Nuova ha deciso di smobilitare.

La mattinata si era aperta al Teatro degli atti con ‘Network day’, l’incontro nazionale per la politica dei diritti che ha visto sul palcol l’ex presidente della Camera, l’onorevole Laura Boldrini. Accogliendo l’invito di ‘Rompi il silenzio’. all’appello hanno risposto 140, tra associazioni e movimenti che hanno dato vita a una giornata di riflessioni per parlare dei diritti delle donne, ma anche di contrasto al razzismo, rifugiati, lavoto e omofobia.

Nel suo intervento, la Boldrini ha parlato di discriminazione, stigmatizzando «i tempi difficili incui viviamo in cui domina la paura». «Le violenze – ha detto l’ex presidente della Camera – sono tutte uguali che gli autori siano italiani o stranieri. Invece di prendersela con me, Forza Nuova si rivolga a Salvini, in questo Paese è lui il responsabile della sicurezza». La Boldrini era stata contestata da Forza Nuova che aveva indetto appunto la manifestazione contro le violenze sessuali compiute dagli stranieri. Alle 16, in piazza Tre Martiri, si era svolto invece il presidio antifascista ‘Porta un fiore ai partigiani’, ricordando l’8 Settembre, giorno dell’armistizio, a cui hanno partecipato un centinaio di persone.

manifestazioni antifa
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo