antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Modena venerdi 15 dicembre h.20.30: fermiamo il corteo neonazista!
- Forlì, in 500 al corteo dopo i tafferugli con Forza Nuova
- Blitz fascista, sit-in davanti a Repubblica e Espresso
- Bologna Montagnola, presidio e tensione E fra le fiaccole spunta CasaPound
- Milano, scontri tra militanti di Forza Nuova e antagonisti
- Como, marcia Pd dopo blitz skinheads. Boldrini: “Fronte comune”. Ma Salvini: “Vogliono immigrazione fuori controllo”
- Il blitz degli skinhead a Como, il questore blocca la contromanifestazione di Forza Nuova
- Bologna, sarà vietato concedere sale comunali a chi discrimina in base all’etnia, alla religione o al sesso
- Neofascismo, Milano dice basta: "Mai più raduni dell'ultradestra negli spazi pubblici"
- Milano, luoghi pubblici vietati all'ultradestra: carta dei valori antifascisti contro l'offensiva nera
- Torino, Pd e M5S uniti nell’antifascismo: votano sì a mozione per vietare le piazze. La Lega di Salvini si defila e non vota
- Bologna Corticella Sabato 11 nov h.15.30: Presidio Antifa

ARCHIVIO COMPLETO ARCHIVIO REGIONI

Ricerca per parole chiave | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |

pubblicato il 10.10.17
Bologna Annullato il seminario del Fuan sulla Siria: "Vittoria degli studenti antifa"
·
L'ateneo sospende tutte le iniziative per il pomeriggio e nega di aver mai accordato il patrocinio all'iniziativa della destra universitaria. In Comune opposizione all'attacco anche sulla gestione del Nautilus di via San Giacomo.

L'incontro sulla guerra in Siria organizzato dagli studenti di Fuan - Azione universitaria, in programma per le 17 in via Zamboni 22, sede di Giurisprudenza, non si farà. A dirlo sono la presidente della Scuola di Giurisprudenza Nicoletta Sarti e il direttore del dipartimento di Scienze Giuridiche, Giovanni Luchetti, che hanno anche deciso la chiusura della sede di via Zamboni 22 ad ogni attività didattica dalle ore 14. Inoltre, in merito all'iniziativa, spiegano che "a differenza da quanto affermato dalla rappresentanza studentesca promotrice e da alcuni organi di stampa", l'iniziativa non ha mai avuto "il patrocinio nè alcun contributo da parte dell'Ateneo e della Scuola di Giurisprudenza".

Questo il commento del Collettivo Universitario Autonomo: "Dopo il presidio permanente cominciato alle prime ore di stamattina davanti alla sala armi, che avrebbe dovuto ospitare il dibattito fascista, e la seguente irruzione all'interno della presidenza, l'università decide di annullare la conferenza neofascista. Una grande vittoria degli studenti e delle studentesse che dalle prime ore di stamattina si sono mobilitati! Viva l'antifascismo! Viva la rivoluzione in Rojava!".

Anche gli attivisti di Hobo, che entrando con striscione e cartelli negli uffici avevano chiesto alla presidente della Scuola di prendersi la responsabilità politica di aver autorizzato l'iniziativa, parlano di "grande vittoria degli studenti e delle studentesse antifa!" e rilanciano l'appuntamento previsto alle 16 in piazza Verdi per ribadire: "fuori i fascisti dall'Università".

Contro l'annullamento dell'iniziativa di Azione Universitaria e contro le iniziative del Cua si sono levate nel pomeriggio le voci della destra cittadina, anche in relazione al fatto che nei giorni scorsi l'Ateneo aveva mandato una diffida al collettivo a svolgere feste nella sede assegnata all'associazione Zeropuntozero in via San Giacomo, che ospita il Nautilus Autogestito, legato appunto al Cua.

http://www.zic.it/annullato-il-seminario-del-fuan-sulla-siria-vittoria-degli-studenti-antifa/



Fuan cacciato, i collettivi: che figuraccia l'Università

Dopo l'annullamento dell'iniziativa a Giurisprudenza di ieri, Hobo: "Quando ci si mobilita con determinazione vincere è possibile". Cua: "Grande battaglia di libertà impedire ai fascisti di parlare".
10 ottobre 2017 - 00:57

E' finito con con gli studenti in corteo da piazza Verdi verso rettorato e complesso di via Belmeloro il lunedì di lotta contro l'annunciato seminario del Fuan, che su pressione della protesta l'ateneo ha deciso in extremis di bloccare.

I collettivi universitari hanno affidato a Facebook i propri bilanci della giornata. Così Hobo: "E' stata una grande giornata di mobilitazione antifascista in università e a Bologna. Questo pomeriggio (ieri, ndr) nella sede di giurisprudenza in via Zamboni 22 si sarebbe dovuta tenere un'iniziativa organizzata dall'associazione Azione Universitaria - Fuan, figlia del Msi, giunta ai giorni nostri grazie ai finanziamenti dell'Università (15mila euro all'anno!). Nel convegno avrebbero dovuto parlare 'giornalisti' della rivista Eurasia, il cui direttore risponde al nome di Claudio Mutti, fondatore dell'organizzazione neofascista Ordine Nuovo e impunito stragista degli anni '70. Dalla mattina a giurisprudenza in tanti e tante abbiamo di fatto occupato la Presidenza della scuola con il preciso intento di non lasciarla finché il convegno fascista non venisse annullato. Qui abbiamo avuto una conversazione con la preside Sarti la quale ha finto di non conoscere (o ha colpevolmente ignorato) i contenuti di questo dibattito. Alle h.14 è arrivata la notizia della cancellazione del convegno fascista. Vittoria dovuta alle pressioni degli studenti antifascisti. L'università ha al contempo ordinato la totale chiusura della sede di giurisprudenza, nel vano tentativo di additare le colpe della chiusura anticipata ai 'violenti' e 'più fascisti dei fascisti' dei collettivi. Nel pomeriggio infine si è comunque mantenuto il presidio antifascista in Piazza Verdi, che si è mosso fino al Rettorato per individuare nel rettore Ubertini e in tutta l'amministrazione universitaria la loro manifesta incapacità e i gravissimi rapporti con gruppi dichiaratamente fascisti".

Prosegue il post: "Il dato che dobbiamo avere a mente, e su cui è necessario costruire un ragionamento collettivo, è il senso che si dà al concetto di libertà d'espressione. Dov'è la libertà d'espressione di fronte a saperi di guerra e fascisti? Quale opinione può mai essere quella propugnata da complici del neofascismo e dello stragismo nero? L'università così come il PD in città si è dimostrata ancora una volta connivente con tali squadracce. La giornata di oggi (ieri, ndr) dimostra che quando ci si mobilita con determinazione, non limitandosi al piano simbolico ma praticando l’obiettivo, vincere è realmente possibile. Quando lo diciamo lo manteniamo: fuori i fascisti dall'università!".

Queste le parole del Collettivo Universitario Autonomo: "Quest’oggi (ieri, ndr), alle 17, in Via Zamboni 22, avrebbe dovuto tenersi un dibattito organizzato dall’associazione fascista studentesca Azione Universitaria. Dibattito che, a partire da una discussione sulla guerra in Siria, avrebbe condotto negli spazi della nostra università non solo i membri di questa spregevole associazione, ma al loro seguito redattori e editorialisti della rivista Eurasia, il cui direttore, Claudio Mutti, è noto per le simpatie stragiste e le amicizie nel noto gruppo terroristico fascista Ordine Nuovo. Per questo, sin dalle 8:30, abbiamo chiuso e presidiato l’aula dove avrebbe dovuto svolgersi il convegno, per impedire senza se e senza ma che questi signori avessero diritto di parola in Università. Senza possibilità di presentarsi pubblicamente per quello che sono, grazie alla gloriosa resistenza antifascista e alle lotte che per 70 anni mai si sono domate, senza possibilità di riemergere dalle fogne ecco che – sotto mentite spoglie – in giacca e cravatta tentano di insinuarsi di nuovo dentro le università. Cacciati dalla storia, si mascherano da intellettuali per propagandare odio. Scovata la dirigenza universitaria abbiamo preteso l’immediata revoca dell’autorizzazione al convegno. A maggior ragione dal momento che l’Università risultava patrocinante l’iniziativa. Preside e sodali sono caduti dalle nuvole, quasi scoprendo seduta stante che Azione Universitaria è un gruppo di estrema destra. Dopo ore di pressione il convegno è stato annullato ma, non sia mai che si assumano fino in fondo la responsabilità, ecco che l’università chiude i battenti di fatto sospendendo le lezioni nell’ira degli studenti".

Si legge poi: "Se da una parte quanto accaduto stamani non smentisce la pericolosa e colpevole attitudine dell’Unibo di Ubertini ad accogliere nei suoi spazi ex stragisti, leghisti e celerini, dall’altra ci conferma che, oggi più che mai, non abbiamo bisogno di testimoniare la nostra presenza, ma l’urgenza collettiva di impedire con ogni mezzo necessario che tossiche e mortifere cellule fasciste proliferino nelle nostre città: nessuno spazio ai fascisti è la parola d’ordine, occupando gli spazi, cacciandoli. Solo così difenderemo le belle, libere e positive relazioni sociali che negli anni abbiamo costruiti in territori come la zona universitaria. Se Ubertini, fatta l’ennesima imbarazzante figura, vorrà dare un segnale semplice, di ostilità ad ogni fascismo, che rimuova dal rettorato l’immagine di Goffredo Coppola, rettore fascista. Per quanto ci riguarda, 24 ore su 24, ai nostri posti ci troverete. E’ una grande battaglia di Libertà impedire ai fascisti di parlare".

http://www.zic.it/fuan-cacciato-i-collettivi-che-figuraccia-luniversita/

manifestazioni antifa
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo