antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Giulietti: "La Costituzione antifascista non è in lockdown, guai se la Rai dà spazio agli squadristi"
- Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
19.12.20 Casapound: convegni, nuovi slogan e alleanze elettorali. L'idillio tricolore tra la "tartaruga nera" e Meloni
19.12.20 L'ultradestra torna a casa: abbandona Salvini e abbraccia Fratelli d'Italia
12.12.20 Report: Cinque sfumature di nero 07/12/2020
10.12.20 Anastasia, la setta bio-nazista che spaventa la Germania dalla nostra corrispondente
3.12.20 I vecchi mostri La destra estrema è qui per restare, ma non si deve smettere di combatterla
12.11.20 Neonazisti, franchisti e ultradestra: la rete fascista che cavalca le proteste in tutta Europa
9.11.20 Stati Uniti, i 940 "gruppi d'odio" che mettono in stato d'allerta l'Fbi dopo la sconfitta di Trump
8.11.20 Chi c’è dietro il gruppo di Giorgia Meloni
6.11.20 Covid, se l’ultra destra arruola negazionisti e capi delle proteste
27.10.20 Sicilia: Galassia nera, ultrà e capipopolo: ecco chi soffia sul fuoco dell’ira
21.10.20 Il popolo no mask che nasconde l’ultradestra
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Report: Il virus nero
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 4.05.14
Perugia contro lâ??apertura della sede di Casapound
·
Il presidio antifascista a Rimbocchi

Mentre al chiuso di via Valentini Casapound inaugurava la sua sede di Perugia, sotto la pioggia, al Parco dei Rimbocchi, tanti si sono riuniti per ribadire che «Perugia rifiuta la presenza di neofascisti» e rivendicare «la costruzione di una città sicura in quanto antisessista, antirazzista e antifascista». La manifestazione si è tenuta nonostante le restrizioni imposte dalla questura per evitare contatti con i militanti di Casapound.

Assemblea Pubblichiamo la nota di Perugia Antifascista, che dĂ  appuntamento a lunedì 5 maggio alle 21 per unâ??assemblea partecipata presso il Circolo Arci Island a Madonna Alta:

Tira unâ??ariaccia dice il detto popolare, ed è così in tutta Europa: venti di intolleranza, attacco ai diritti, retoriche liberticide allâ??autodeterminazione, sono gli strumenti con cui il capitalismo mette a valore i desideri e le vite di tutti. Un sistema di potere in cui la precarietĂ  è una condizione sistemica, lo sfruttamento diventa quasi naturale e la paura verso il diverso si conferma come il modo ovvio di neutralizzare la rabbia degna di coloro che vi si oppongono. Oggi la governance neoliberale governa, infatti, crisi e austeritĂ  a colpi di leggi paternalistiche e repressive, utilizzando le differenze razziali, di genere, di orientamento sessuale con il chiaro scopo, tra lâ??altro, di produrre un immaginario allarmistico da dare in pasto al populismo reazionario, come mettono ben in mostra il caso dellâ??Ucraina, le politiche autoritarie del democraticissimo Putin, la becera politica del governo Rajoy.

Il globale è locale, lo sappiamo, e Perugia lo dimostra: politiche securitarie esasperanti, trasformazione della rabbia sociale in razzismo, svendita degli spazi pubblici a interessi privati. Si dice che Perugia sia una cittĂ  ormai svuotata, ma si omette di dire che tale fenomeno è frutto di politiche mirate e noi ci chiediamo: a chi conviene? Forse alla â??ndrangheta, che ha nel narcotraffico il suo centro nevralgico e che usa Perugia come una delle piazze principali in Europa? Forse a renderci tutt* un poâ?? piĂą divisi, spaventati e quindi piĂą governabili? La risposta la dĂ  lâ??apertura di Casapound: unâ??associazione, di per sĂ© insignificante, ma che rappresenta la mano violenta a sostegno di tali politiche.

Che cosâ??è Casapound? Nasce in qualitĂ  di primo spazio di rivendicata ispirazione fascista che si fa conoscere sul territorio nazionale per le numerose aggressioni di stampo razzista e sessista. A Perugia, il 3 maggio in via Valentini 33 ad Elce, questa stessa organizzazione ha inaugurato uno spazio alla presenza del vice presidente nazionale, Andrea Antonini.

Chi è Andrea Antonini? Secondo la ricostruzione della Procura, a Giugno 2008 Antonini avrebbe dichiarato il falso per confermare lâ??identitĂ  di Mario Santafede, latitante di origine napoletana ricercato per una condanna a 13 anni per associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti, facendogli così ottenere una falsa carta di identitĂ . Ecco allora svelata la falsitĂ  della retorica che vorrebbe Casapound in prima fila contro spaccio e degrado, tematiche centrali anche nel dibattito pubblico cittadino, in cui si parla di sicurezza a fini elettorali e poi si permette lâ??insediamento in cittĂ  di individui che usano lâ??aggressione verso lâ??altro e lâ??odio contro il diverso come mezzi di azioni quotidiane.

Il nostro presidio di oggi è stato solo la prima di una serie di azioni nella nostra mobilitazione contro la presenza fascista a Perugia e per rivendicare una sicurezza che non invoca maggiore controllo e polizia, ma ha a che fare con il diritto alla casa, al reddito e ad una mobilità per tutte e tutti!

Fonte: umbria24.it

manifestazioni antifa
r_umbria


articolo precedente           articolo successivo