antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 4.05.14
Svezia, antifascista condannato a sei anni e mezzo di carcere
·
Joel Bjurströmer Almgren, compagno antifa svedese sotto processo per aver autodifeso una manifestazione antirazzista dall'aggressione di una banda nazista nel dicembre scorso, è stato condannato martedì a 6 anni e mezzo di carcere da una corte distrettuale. L'assurdità della condanna è proporzionale allo scandaloso e consueto doppio binario utilizzato dalle autorità nei confronti degli aggressori e dal comportamento della polizia, il cui non intervento altrove ha fatto la sua parte nel martirio di Pavlos Fyssas. Nel rinnovare a Joel la nostra solidarietà pubblichiamo qui la lettera che ha redatto alla vigilia del verdetto ed invitiamo a scrivergli in inglese all'indirizzo: Joel Almgren, Box 1274, 141 25 Huddinge, Sweden.



Così oggi scoccherà l'ora del verdetto. La domanda è: sarà proporzionato a quanto accaduto nel sobborgo di Karrtorp a Stoccolma? Sarà proporzionato ai verdetti comminati ai nazisti? Probabilmente no. Il pubblico ministero ha chiesto una pena di 7 anni. E' quello stesso pubblico ministero soddisfatto dei pochi mesi di carcere per i nazi che avevano attaccato la manifestazione pacifica. Lo stesso pubblico ministero che, nell'arringa finale, disse che era sufficiente il chiedere alla gente di partecipare ad una manifestazione pacifica per essere processato come un leader.

Non mi faccio illusioni di uscirne oggi da uomo libero. Mentirei se vi dicessi che non penso sia dura sopportare 7 anni di prigione, ma non cambierebbe nulla. Sono e sempre rimarrò un fedele antifascista, e all'esterno qualcun'altro si troverà al posto mio. Questa lettera sarà l'ultima che scriverò su questa pagina, dopo di che il mio desiderio è che venga usata per sostenere altri antifascisti. La caccia alle streghe agli antifascisti è appena iniziata, e molti altri stanno aspettando il loro turno di affrontare il processo per quanto avvenuto a Karrtorp. In ogni caso, questa è la mia lettera. Sono cresciuto nella città di Linkoping durante gli anni '80 e '90. All'epoca, Linkoping era il centro di produzione della musica del white power in tutta Europa. C'erano varie organizzazioni naziste e le strade pullulavano di fascisti. I nazi assassinavano, assalivano e minacciavano la gente. Per certo, nel 1997 attaccarono una manifestazione antirazzista pacifica con le stesse modalità che hanno recentemente impiegato a Karrtorp.

Ricordo quando fui chiamato sporco immigrato* per la prima volta all'età di sette anni. Era il 1986. Ora siamo nel 2014 ed oggi, quando mio figlio di 6 anni si stava recando a visitarmi, è stato apostrofato nello stesso modo. Alcune cose non cambiano mai. I razzisti diffondono il loro odio stomachevole ed i fascisti attaccano chiunque osi ergersi contro di loro.

La polizia è stata incapace di difendere la manifestazione antirazzista a Linkoping nel 1997, proprio come è stata incapace di difendere la manifestazione di Karrtorp sedici anni dopo. La differenza è che a Linkoping solo in pochi hanno osato difendersi, a Karrtorp eravamo oltre un centinaio. Siamo rimasti uniti ed abbiamo cacciato via i nazi!

Quindi, a proposito della violenza. Ecco dove entrano in gioco le discussioni sulle diverse facce della stessa moneta. I narcisisti come i cosidetti giornalisti Janne Josefsson e Jan Guillou piangono lacrime di coccodrillo e parlano di come sia impossibile rivendicare l'autodifesa quando qualcuno è stato accoltellato alla schiena. Ma per capire la violenza, dobbiamo rivolgere lo sguardo a ciò che è effettivamente accaduto. Circa 30 nazi attaccano una manifestazione pacifica. I nazi si sono armati di mazze, bottiglie di vetro e coltelli. Almeno uno dei nazi è corso incontro alla manifestazione pacifica con un coltello sguainato in mano. Diverse lame sono state successivamente rinvenute nei pressi del luogo in cui i nazi sono stati infine arrestati. Diversi dei nazi che avevano partecipato all'attacco sono stati precedentemente imputati per violenti attacchi in cui delle persone sono state accoltellate, e persino uccise. Al momento dell'attacco erano presenti solo sei poliziotti, i quali hanno tutti dichiarato di non avere avuto alcuna possibilità di proteggere la manifestazione, essendo soverchiati. Il nazi che è stato colpito dal coltello era nella prima linea degli aggressori, pesantemente coinvolto nella mischia con i manifestanti antirazzisti. E' stato colpito nella piazza di Karrtorp, prima che arrivassero i rinforzi di polizia. Di tutto questo ci sono già le prove, è tutto comprovato.

Può sembrare freddo e spietato colpire qualcuno con un coltello. Ma, per favore, considerate la situazione e quello di cui si è mostrato capace il movimento nazista svedese (vari accoltellamenti e persino assassinii negli ultimi anni) e che gli stessi poliziotti hanno dichiarato di non avere avuto modo di proteggerci. Ed il fatto che almeno uno dei nazi, e probabilmente altri di loro, avesse la lama sguainata nel corso dell'aggressione. Fate la somma di tutto ciò e forse potrete avere un'istantanea di tutte le cose che sono sfrecciate nella mia mente in quel momento. Detto questo voglio aggiungere che la violenza non deve mai diventare un fine a sé, deve sempre essere analizzata ed altre modalità d'azione devono sempre venire considerate. Il contrattaccare a Karrtorp è stata una necessità tattica. Infine voglio ringraziare ancora tutti quelli che hanno mostrato il loro sostegno a me ed alla mia famiglia. Per me significa il mondo. E a tutti quelli che di voi continuano la lotta contro il razzismo ed il fascismo nelle proprie scuole, posti di lavoro, nell'arte e nella musica o sulle strade - vi amo!

State uniti e prendetevi cura gli uni degli altri.

Keepers of the Faith /Joel

*qui con una connotazione di riferimento all'area mediterranea

Fonte: infoaut.org

news
r_internazionale


articolo precedente           articolo successivo