antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 16.11.08
Bologna: L'arcipelago della destra violenta ora accusata anche di atti terroristici
·
L'arcipelago della destra violenta ora accusata anche di atti terroristici

Da Casa Pound a Forza Nuova fino agli ultras ex Mods. Una scia di aggressioni razziste, raid punitivi e pestaggi
di Paola Cascella

La grisaglia non si addice a Forza nuova. Nonostante gli sforzi dell´organizzazione di Roberto Fiore di accreditarsi come partito delle regole, sempre più spesso la cronaca testimonia il contrario. Dice che i gruppi della destra estrema (in città un centinaio di persone in tutto) rappresentano una realtà per molti versi osmotica, con svariati tratti comuni, come i momenti di aggregazione, i concerti di area, le manifestazioni musicali. Vincenzo Gerardi per esempio è il perfetto "border line": viaggia tra Fn, di cui è un attivista convinto, e skin heads, una quarantina di "fuoriusciti" dal partito (alcuni cacciati) considerato troppo moderato.

E infatti non è un caso se lo troviamo nel processo 2007 dei pm Morena Plazzi e Paolo Giovagnoli contro una trentina di naziskin accusati di aggressioni a sfondo razzista. Nel 2003 Gerardi è protagonista di uno degli episodi più gravi: con Tommaso Paternoster, il fratello Michele e ad Andrea Sgallari, gli ultimi due all´epoca minorenni, organizza una spedizione punitiva contro un ragazzino marocchino che si era ribellato ai soliti insulti razzisti che Michele gli aveva rivolto. Una vendetta: lo straniero finisce con i denti rotti.

Anche Luigi Guerzoni, responsabile provinciale per i giovani di Forza nuova, figurava in quel processo per il pestaggio nel 2005 di un altro straniero a Corticella, dopo che una ragazza era stata violentata a pochi metri dalla fermata del bus. E anche in altre inchieste dei primi anni 2000, ma è sempre stato assolto o addirittura prosciolto all´udienza preliminare. «Gli skin oggi sono demodè», dice l´avvocato Gabriele Bordoni. «Sul finire degli anni ´90 questo movimento che aveva un grosso bacino, ha subito un dimagrimento. In parte fisiologico, perché l´ideologia non passa, ma le mode sì. In parte per effetto dei procedimenti giudiziari nei quali tanti sono inciampati».


Nel processo Plazzi, Bordoni difende tra gli altri Alessandro Vigliani, passato dai redskin antifascisti, gli Sharp, ai naziskin e da qualche mese ai vertici di Casa Pound che propone meno violenza e più iniziative politiche. Ipertatuati, iperriconoscibili, si incontrano al bar, in gelateria, a casa dell´uno o dell´altro, come facevano anche i giovani del processo naziskin. Molti dei quali sono confluiti nella nuova formazione importata da Roma. Si dicono impegnati nel sociale, la casa per esempio, ovviamente in una prospettazione di destra: diritti agli italiani, non agli immigrati.

Un capitolo a parte gli ultras del calcio, gli ex Mods. Le tifoserie di destra non hanno alcun interesse per la politica e per i partiti. Al di là del pallone non c´è niente o quasi.

Un duro colpo Forza nuova l´ha subito pochi giorni fa dalla Corte di Cassazione. I supremi giudici hanno dato ragione alla pm della Dda bolognese Elisabetta Melotti: il tentativo di un anno fa di dare alle fiamme un centro sociale occupato dalla sinistra antagonista a Rimini «fu un atto di eversione dell´ordine democratico». Giusto perciò contestare ai nove imputati di Forza nuova l´aggravante terroristica.
(16 novembre 2008)

http://bologna.repubblica.it/dettaglio/Larcipelago-della-destra-violenta-ora-accusata-anche-di-atti-terroristici/1546776



precedenti:

agosto 2007

Razzismo, Forza Nuova difende i naziskin

Dalla formazione di estrema destra dicono: "Li candidiamo alle elezioni". Uno degli arrestati già in lista con la Mussolini. Erano pronti a colpire rischiando anche la vita. Negli sms che si scambiavano il riferimento ad azioni criminose Il pm Giovagnoli tre anni fa chiese (inutilmente) un intervento
di Paola Cascella

Una manifestazione di Forza Nuova
«La morte è un rischio che sono disposto a correre». Alessandro Carapezzi, risponde con questo sms ad Alessandro Limido che meno di un´ora prima gli ha scritto «Rasoio, artiglio e pungiglione». E´ il 15 giugno dell´anno scorso. «E´ chiaro il riferimento alla voglia di porre in essere altre azioni criminose violente», chiosa la gip Gabriella Castore nel provvedimento di 51 pagine con il quale tre giorni fa dà il via all´arresto dei due (altri cinque ai domiciliari, 27 gli indagati), l´operaio 34enne di Sasso Marconi e il montatore di piscine varesotto di 29, considerati capi e promotori dell´organizzazione naziskin e delle violenze e insulti contro neri, ebrei, punk, tifoserie avverse, simpatizzanti di sinistra e omosessuali. Attorno a Carapezzi e Limido che rivendicano la necessità di essere «bad in the gang» cioè (cattivi nella banda di strada), «come unica soluzione per sopravvivere in questi tempi selvaggi», gravitano decine di nomi. Tre sono legati al partito di estrema destra Forza nuova.

Lo conferma il vicesegretario Gianni Correggiari: «Sì, Luigi Guerzoni e Chiara Melchionda sono vicini alla nostra formazione. In passato c´era anche Laura Marchini. Se sono indagati dalla Procura, che ha collezionato soltanto brutte figure, è sicuro che sono innocenti. Perciò preannuncio fin d´ora che li candideremo alle prossime elezioni» (Melchionda lo è già stata alle scorse amministrative in Alternativa sociale, il partito di Alessandra Mussolini).

Molti degli indagati dell´inchiesta odierna sono vecchie conoscenze. E anche qualcosa di più. Prima delle richieste di cattura firmate nel maggio 2007 dalla pm Morena Plazzi c´erano state (una decina) quelle del pm Paolo Giovagnoli nel 2004. La stessa gip Castore le rigettò perché riguardavano episodi del 2003: troppo il tempo trascorso, non potevano essere considerate attuali. Ora il fascicolo di Giovagnoli è confluito in quello di Plazzi. Ci hanno pensato gli indagati ad attualizzarle, dandosi da fare con pestaggi, furti e intolleranza, fino al 2006. E la gip scrive: «E´ necessario evitare che l´attività dell´associazione prosegua. …gli interventi dell´autorità giudiziaria nei confronti di Fabio Carlini, Carapezzi e Paternoster non hanno rallentato il funzionamento del gruppo, ma solo reso più guardinghi e prudenti gli aderenti».


Dunque oggi come ieri, Vincenzo Gerardi e Tommaso Paternoster insieme al fratello Michele e ad Andrea Sgallari, gli ultimi due minorenni all´epoca dei fatti, figurano nell´ordinanza per la spedizione punitiva dell´aprile 2003 ad Argelato contro un ragazzo marocchino che sei mesi prima aveva reagito a uno dei soliti insulti razzisti che Michele gli aveva rivolto. Michele, scrive la gip, «cercava sempre lo scontro che infine arrivò», ma ebbe la peggio: prese le botte. Per questo ad aprile la vendetta. Otto camerati con le teste rasate, vestiti da naziskin, aggredirono lo straniero e lo mandarono all´ospedale coi denti rotti. A suo tempo Giovagnoli gli contestò anche di aver dato l´assalto alla manifestazione di solidarietà al marocchino, organizzata dagli abitanti di Argelato, (sempre travestiti da naziskin). Sotto la protezione dell´anonimato, invece, scrissero anche una lettera di minacce al sindaco per avvertirlo: «Qui comandiamo noi».

Carapezzi invece ha una storia ancora più "antica", che risale alla fine degli anni ´90 quando viene smantellata la sezione Bonaccorsi formata da elementi del disciolto Fronte della gioventù. Carapezzi ne è il leader e dalla Bonaccorsi dove la Polizia sequestra molto materiale razzista nasce la nuova formazione naziskin. Il nome? Curiosamente non ce l´ha. Ma dalle intercettazioni si capisce, scrive la gip, che la toppa col simbolo e la scritta della vecchia sezione (conferita ai "migliori") «è ancora segno distintivo di appartenenza al sodalizio, così come molti dei vecchi sodali ora appartengono al nuovo gruppo». Nel giugno del 2003 Carapezzi è già "in carriera". Con Guerzoni e altri attualmente indagati se la prende con un ragazzo punk al Parco nord e poi con altri due giovani che hanno il torto di difenderlo. Di recente è condannato a due anni e due mesi per l´aggressione a due persone vicino ad un banchetto di Forza nuova in via Indipendenza, nel gennaio 2006. Ma, mentre è ai domiciliari «viene costantemente interpellato per ogni decisione da assumere».
(05 agosto 2007)

http://bologna.repubblica.it/dettaglio/Razzismo-Forza-Nuova-difende-i-naziskin/1350345

documentazione
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo