antifa home page

Il Progetto

MAPPA GEOGRAFICA AGGRESSIONI FASCISTE

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba ad Anzio, 22enne preso a pugni mentre passeggia insieme al fidanzato
- Torino, 13enne picchiata per la borsa arcobaleno: “Mi urlavano cagna e lesbica schifosa”
- Palermo, due ragazzi gay aggrediti con lancio di bottiglie. Uno ha il naso fratturato
- Foggia, sparano da un fuoristrada in corsa contro un gruppo di migranti: ferito al volto un 30enne del Mali
- “Gravissima violenza a San Berillo: lavoratrici del sesso massacrate dalla polizia”
- Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Renoize 21 Focene per Renato 27/08 e 3-4-5/09
- Desenzano, il no dello scrittore Francesco Permunian: "Non presento il mio libro dove manifesta Forza Nuova"
- "Milano è antifascista": il Comune estende l'obbligo di rispetto della Costituzione per chi prende in affitto gli spazi pubblici
- Genova, i pompieri si rifiutano di togliere uno striscione antifascista. Usb: “Non creava nessun pericolo, non è nostro compito”
- Vietata manifestazione estrema destra oggi pomeriggio. Raggi: “I fascisti a Roma non sfilano”
- Petizione dell'ANPI Veneto per le dimissioni di Elena Donazzan
- Roma, protesta Anpi: occupazione di Casapound a Ostia Associazioni antifasciste chiedono sgombero via delle Baleniere
- Presentato “Neofascismo in grigio”, ultimo libro di Claudio Vercelli
- Giulietti: "La Costituzione antifascista non è in lockdown, guai se la Rai dà spazio agli squadristi"
- Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
21.10.21 L’impero offshore del neofascista Delfo Zorzi gestito dall’avvocato svizzero di Licio Gelli
20.10.21 Forza Nuova, i milioni dei neofascisti all’estero tra società del giro di Fiore e di un ex Nar
12.10.21 Da dove arriva Forza Nuova
11.10.21 Fiore e Castellino, la folle escalation: «Dietro la lotta interna con Casapound»
1.10.21 Inchiesta Fanpage, Fidanza autosospeso da capodelegazione FdI a Parlamento Ue: “Attacchi strumentali”
1.10.21 Fanpage, Lobby Nera: inchiesta sulla destra neofascista
5.09.21 Ungheria Ultime notizie sul paese - Rapporto Amnesty International
26.06.21 La lunga ombra nera. Una mappa delle aggressioni fasciste
20.06.21 “Fascisti”, l’eterna scorciatoia di usare il termine sbagliato: da Trump a Salvini. “Veri rischi? Leader democratici senza ideali”
1.05.21 Fascisti su Marche: così la Regione diventa laboratorio della nuova destra
7.04.21 Per i Servizi tedeschi l'Afd è un partito di "estrema destra" da sorvegliare
31.03.21 L'eroe Mussolini e gli immigrati assassini: i fascio-fumetti invadono le scuole
1.03.21 Argentina Voli della morte
12.02.21 Bugie contro Falcone sul delitto Mattarella: il neofascista Fioravanti torna sotto accusa
7.02.21 Dalla difesa della razza all’apologia del fascismo le Marche laboratorio della destra più nera
23.01.21 Neonazisti. Gruppi armati sono presenti anche in Italia
23.01.21 Il delirio del suprematista di Savona: “Hitler come Cristo guida luce”. La missione di una guerra la razziale “contro negri e degenerati”
19.12.20 Casapound: convegni, nuovi slogan e alleanze elettorali. L'idillio tricolore tra la "tartaruga nera" e Meloni
19.12.20 L'ultradestra torna a casa: abbandona Salvini e abbraccia Fratelli d'Italia
12.12.20 Report: Cinque sfumature di nero 07/12/2020
10.12.20 Anastasia, la setta bio-nazista che spaventa la Germania dalla nostra corrispondente
3.12.20 I vecchi mostri La destra estrema è qui per restare, ma non si deve smettere di combatterla
12.11.20 Neonazisti, franchisti e ultradestra: la rete fascista che cavalca le proteste in tutta Europa
9.11.20 Stati Uniti, i 940 "gruppi d'odio" che mettono in stato d'allerta l'Fbi dopo la sconfitta di Trump
8.11.20 Chi c’è dietro il gruppo di Giorgia Meloni

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 7.08.21
Sottosegretario leghista Durigon: ‘Intitolare parco Falcone-Borsellino ad Arnaldo Mussolini’.
·
Maria Falcone: ‘Allibita’. M5s: ‘Via dal governo’

Il 4 agosto sul palco di un comizio insieme a Matteo Salvini l'esponente del Carroccio propone di dedicare al fratello del duce l'area pubblica attualmente intitolata ai due giudici antimafia. Il suo leader in due giorni non ha preso le distanze né commentato. Oggi il video ha iniziato a circolare sui social e i 5 stelle chiedono la sua uscita dall'esecutivo. Anche il Partito democratico definisce la sua presenza "un problema" dopo queste parole "inaccettabili"

6 Agosto 2021

Re-intitolare il parco cittadino di Latina, non più dedicato ai giudici antimafia Falcone e Borsellino, ma ad Arnaldo Mussolini, fratello del duce. Parole che “lasciano allibiti tanto da credere impossibile che siano state realmente pronunciate”, le ha definite Maria Falcone, sorella di Giovanni Falcone, il magistrato ucciso dalla mafia nel 1992. Eppure sono state pronunciate davvero, da un sottosegretario all’Economia, il leghista Claudio Durigon, mentre la sera del 4 agosto era sul palco di un comizio insieme a Matteo Salvini, pronto a prendere la parola. Per il M5s “non ci sono alternative alla sua uscita dal governo”, dice Eugenio Saitta, capogruppo della commissione Giustizia alla Camera. Anche secondo la deputata del Pd Alessia Morani, la presenza nel governo di Durigon è “un problema” perché la sua proposta ” è inaccettabile. Inaccettabile”. “Confidiamo che il presidente del Consiglio e il Consiglio dei Ministri prendano le distanze da questa proposta che non merita commenti”, aggiunge la sorella di Falcone rivolgendosi al premier Mario Draghi. Chi in due giorni non ha ritenuto necessario prendere le distanze o dire nulla è stato Salvini, che pure era presente sul palco.

“La storia di Latina è quella che qualcuno ha voluto anche cancellare, cambiando il nome a quel nostro parco che deve tornare ad essere quel parco Mussolini che è sempre stato. Su questo ci siamo e vogliamo andare avanti”, ha detto il sottosegretario al Mef parlando dal palco di Latina. L’intervento, che precedeva quello del leader Salvini dallo stesso palco, è stato pubblicato sul profilo fb ‘Lega Salvini Premier Lazio‘ e ha iniziato oggi a circolare sui social. Su Twitter, però, Durigon non ha rinnegato la sua proposta: “Mai e poi mai penserei di mettere in discussione il grande valore del servizio prestato allo stato dai giudici Falcone e Borsellino: ciò non toglie che è nostro dovere considerare anche le radici della città“. Il Parco Comunale di Latina ha cambiato nome ufficialmente nell’estate del 2017 assumendo quello di ‘parco Falcone-Borsellinò. Ma sin da allora, l’iniziativa nel capoluogo pontino aveva portato con sé uno strascico di polemiche: il giardino, infatti, era legato da molti decenni nell’uso cittadino al nome di Arnaldo Mussolini, fratello del duce, e il centrodestra si era opposto in Consiglio comunale ad un atto considerato “contro la storia della città”.

“La Lega lancia un messaggio grave e pericoloso con un atto del genere, anzi un doppio gravissimo messaggio: da una parte manifesta ancora una volta la volontà di archiviare il contrasto alla criminalità organizzata, cancellando i due eroi della lotta alle mafie nel nostro Paese, e dall’altra strizza l’occhio alla destra estrema in vista delle elezioni amministrative”, commenta il pentastellato Saitta. “Pensavamo che Durigon avesse toccato già il fondo quando, grazie a un’inchiesta di Fanpage, fu ripreso mentre millantava di aver influenzato la nomina di un generale della Guardia di Finanza chiamato a indagare sui 49 milioni di fondi pubblici della Lega. Nel servizio di Fanpage, Durigon afferma, tra le alte cose, che “quello che indaga della Guardia di Finanza […] il generale lo abbiamo messo noi“. I 5 stelle già a maggio aveva sottolineato l’inopportunità che Durigon conservasse la sua posizione al Mef, ma era stato poi il premier Draghi, in un intervento in Parlamento, a liquidare la questione allontanando l’ipotesi di dimissioni. “Ora, dopo l’ultima pessima sortita di Durigon, non ci sono alternative alla sua uscita dal governo”, conclude Saitta. Il presidente della commissione Antimafia, Nicola Morra, sottolinea come su quel palco ci fosse anche Salvini: “Durigon fa parlare di sé chiarendo quanto sia per lui importante il duce, tanto da preferire lo stesso a Falcone e Borsellino. Poi il suo leader gira con la mascherina con l’effigie di Borsellino“, scrive su Twitter.

Per il deputato Pd Carmelo Miceli “il leghista Durigon ha scelto di guardare alla campagna elettorale del capoluogo pontino, dove a ottobre si voterà per il nuovo sindaco, con lo sguardo rivolto al passato più buio del nostro Paese. Addirittura con la volontà di cancellare due tra le figure più alte e più amate dell’Italia: due magistrati che hanno dato la vita per tutti noi. Durigon si fermi e la smetta di ammiccare squallidamente al fascismo“. “Ripetiamolo insieme: per Durigon merita celebrazione pubblica il fratello di un dittatore fascista e non due giudici servitori dello Stato trucidati dalla mafia”, dichiara la senatrice del Pd Monica Cirinnà. “Una proposta indegna per un membro del governo che dovrebbe avere nella lotta alla criminalità organizzata una priorità. Direi che la misura è colma. Chiedo al premier Draghi, sulla cui onestà nessuno può sollevare dubbi, di rimuovere Durigon dal suo incarico. Per il bene del Governo che lui presiede e del Paese”, conclude Cirinnà.

A chiedere le dimissioni del sottosegretario leghista è anche Nicola Fratoianni, segretario nazionale di Sinistra Italiana: “Il braccio destro di Salvini nel Lazio non dovrebbe stare nel governo Draghi da tempo, da ben prima della genialata di intitolare il parco Falcone/Borsellino a Mussolini, non avendo chiarito alcunché dei rapporti opachi con i clan di Latina”. “Fanno bene ad indignarsi i suoi colleghi di maggioranza – prosegue Fratoianni – ma potrebbero evitare di stupirsi solo ora. Oggi Durigon, ricordando le sue origini fasciste – conclude – ha semplicemente oltrepassato un altro limite“.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/08/06/il-sottosegretario-leghista-durigon-parco-falcone-borsellino-intitolarlo-ad-arnaldo-mussolini-maria-falcone-costernata-m5s-via-dal-governo/6285410/




“Il parco Falcone-Borsellino? Intitoliamolo ad Arnaldo Mussolini”. Parola del sottosegretario leghista Durigon sul palco con Salvini


Intitolare il parco ad Arnaldo Mussolini, fratello di Benito, togliendo così il nome dei giudici antimafia Falcone e Borsellino. La proposta l’ha fatta il sottosegretario all’Economia, il leghista Claudio Durigon, dal palco del comizio di Matteo Salvini a Latina del 4 agosto. “Qualcuno (l’attuale sindaco, il civico Damiano Coletta, ndr) ha voluto cancellare la storia di questa città con quel cambio di nome a quel nostro parco, che deve tornare a essere quel parco Mussolini che è sempre stato” ha detto prima di introdurre il segretario Salvini che si trovava lì accanto. Il parco comunale di Latina ha cambiato nome nell’estate del 2017, quando è stato intitolato ufficialmente ai due giudici assassinati dalla mafia. Già allora il centrodestra si era opposto, giudicando l’iniziativa un atto “contro la storia della città”. Ora torna la polemica e questa volta però va oltre la stampa locali. L’intervento del sottosegretario infatti è rimbalzato sui social scatenando una pioggia di reazioni. Secondo la deputata del Pd Alessia Morani, “la presenza nel governo di Durigon” è “un problema. Questa roba è inaccettabile. Inaccettabile“. Per il collega Carmelo Miceli è “sconcertante il tentativo di togliere i nomi di Falcone e Borsellino dal parco centrale di Latina per sostituirli con il fratello del duce, Arnaldo Mussolini. Ma tant’è: il lupo perde il pelo, ma non il vizio. E infatti il leghista Claudio Duringon ha scelto di guardare alla campagna elettorale del capoluogo pontino, dove a ottobre si voterà per il nuovo sindaco, con lo sguardo rivolto al passato più buio del nostro Paese. Addirittura con la volontà di cancellare due tra le figure più alte e più amate dell’Italia: due magistrati che hanno dato la vita per tutti noi. Durigon si fermi e la smetta di ammiccare squallidamente al fascismo”. Anche Eugenio Saitta, capogruppo M5s della commissione Giustizia alla Camera, chiede un passo indietro del leghista. “La Lega lancia un messaggio grave e pericoloso con un atto del genere, anzi un doppio gravissimo messaggio: da una parte manifesta ancora una volta la volontà di archiviare il contrasto alla criminalità organizzata, cancellando i due eroi della lotta alle mafie nel nostro Paese, e dall’altra strizza l’occhio alla destra estrema in vista delle elezioni amministrative. Pensavamo che Durigon avesse toccato già il fondo quando, grazie a un’inchiesta di Fanpage, fu ripreso mentre millantava di aver influenzato la nomina di un generale della Guardia di Finanza chiamato a indagare sui 49 milioni di fondi pubblici della Lega a quanto pare scomparsi nel nulla”. “In quell’occasione, a nome del Movimento 5 stelle, chiesi al ministro dell’Economia Daniele Franco di riferire in Aula. Ora, dopo l’ultima pessima sortita di Durigon, non ci sono alternative alla sua uscita dal governo”, conclude Saitta. Nel servizio di Fanpage Durigon afferma, tra le altre cose, che “quello che indaga della Guardia di Finanza […] il generale lo abbiamo messo noi“. I 5 stelle avevano già a maggio sottolineato l’inopportunità che Durigon conservasse la sua posizione al Mef, ma era stato poi il premier Draghi, in un intervento in Parlamento, a liquidare la questione allontanando l’ipotesi di dimissioni

https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/08/06/il-parco-falcone-borsellino-intitoliamolo-ad-arnaldo-mussolini-parola-del-sottosegretario-leghista-durigon-sul-palco-con-salvini/6285366/

iniziative_fasciste
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo