antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti
- "Ammazza il negro", altre minacce contro la famiglia del Milanese che ha adottato senegalese
- Donna aggredita in pizzeria a Mereto di Tomba perché non parla friulano
- Ascoli, barista caccia cliente omosessuale: “Sono nazista, non voglio gay nel mio locale”
- Brescia Danno fuoco alle roulotte, poi sparano contro chi scappa: “Zingari di me**a, vi ammazzo tutti”
- Torino, aggressione omofoba in un condominio: «Sei gay, ti ammazziamo»
- Modena Bomba carta e bottiglie molotov contro il centro di accoglienza per migranti
- Sondrio, insulti razzisti poi calci e pugni: senegalese in ospedale
- Raid punitivo contro alloggio di migranti: Piacenza, tre indagati

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake
- Libro sulle "atrocità partigiane", l'Anpi di Reggio Emilia contrattacca: presidio e minacce di denuncia
- San Lorenzo: Forza Nuova sfregia murales ai partigiani, che viene ripristinato dopo un’ora
- Trieste, doppio corteo: CasaPound e antifascisti in piazza

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra
13.01.19 La sede dei fascisti di Avanguardia Nazionale è in uno stabile del Comune di Roma
13.01.19 Calcio, la piaga nera del tifo fascista
17.12.18 Le sfumature nere della Lega di Salvini
20.11.18 Bolivia: Il neofascista italiano Diodato tra i registi della strage di Pando
18.11.18 CasaPound e Forza Nuova a confronto
14.11.18 FBI: Milizia neo-nazista addestrata dall'esercito americano in Ucraina, ora prepara i Suprematisti bianchi degli USA
12.11.18 Veneto Fronte Skinheads, radiografia dell'associazione
12.11.18 Così i neofascisti assediano Brescia
11.11.18 Il governo di Varsavia marcia con l’estrema destra europea
29.10.18 CasaPound non paga neppure le bollette: debiti per centinaia di migliaia di euro
17.10.18 Processo Cavallini, Ansaldi parla di Fioravanti: ''È un uomo della P2''
12.10.18 I legami pericolosi tra il partito di Matteo Salvini e la 'ndrangheta
24.09.18 Stati nazisti d’America, tra svastiche, Hitler e sostenitori dello "sterminio necessario"
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 22.06.19
Cinema America, gli identificati per l'aggressione sono 5: ecco chi sono
·
19 Giugno 2019

C'è il leader romano del Blocco Studentesco, Marco Ciurleo: sarebbe stato lui, secondo polizia e carabinieri, ad aver sferrato la testata al volto di David Habib, il ragazzo che indossava la t-shirt del Cinema America. Ciurleo ha precedenti di polizia per danneggiamento, interruzione di pubblico servizio, e resistenza a pubblico ufficiale. E poi, tra gli identificati da polizia e carabinieri, ecco Matteo Vargiu, classe 1996, anche lui con numerosi precedenti e sottoposto a Daspo: avrebbe colpito al sopracciglio con una bottiglia Valerio Colantoni. E poi il più anziano del gruppo: Stefano Borgese, classe 1981, parrucchiere in zona Casalotti. La sera di sabato scorso, era a Trastevere con i suoi amici, per festeggiare il suo addio al celibato. Dalle indagini è emerso che sarebbe stato il fomentatore dell'aggressione. Uno degli identificati è Matteo Mecucci (classe 1998), già noto alle forze dell'ordine per i fatti di piazza Cavour del 2016. Il ragazzo, la sera del 14 ottobre, secondo gli inquirenti, partecipò alla rissa nella quale venne ferito un 16enne di Primavalle: insieme a lui altri coetanei di destra, suoi amici e frequentatori della piazza luogo di ritrovo degli estremisti di Roma Nord. Secondo gli investigatori, Mecucci avrebbe fatto parte del branco dei dieci, a Trastevere, ma non avrebbe partecipato al pestaggio (sul braccio destro ha alcuni tatuaggi molto visibili e facilmente riconoscibili). Il quinto identificato è Alex Muratori, classe ’96, militante di Casapound, con precedenti per lesioni e violenza privata.

Formalmente gli indagati sono 3, mentre un quarto, che avrebbe avuto un ruolo minore, resta denunciato a piede libero. Più pesante è la posizione del più grande dei quattro, Borgese, che secondo gli inquirenti, anche come emerge dai filmati delle telecamere di videosorveglianza, avrebbe fomentato l'aggressione, dicendo a un ragazzo di togliersi la maglietta del 'Cinema Americà e accusandolo di essere «antifascista». Da lì poi sono partite le botte. Sono accusati anche di violenza privata oltre che di lesioni aggravate.

L’indagine della Digos e dei carabinieri, complessa e serrata, è iniziata acquisendo e visionando tutte le immagini riprese nei luoghi di Trastevere, teatro dell’aggressione. I volti immortalati dalle telecamere di videosorveglianza, però, non erano riconducibili a soggetti noti. E’ allora che si è iniziato a scandagliare, in maniera certosina, tra tutti i personaggi conosciuti all’ambiente della Digos. Individuato uno degli autori dell’aggressione si è proceduto con una attività sul web, per riscostruire la sua rete di amicizie, e accertare così chi fossero i soggetti presenti con lui quella notte a Trastevere. Ininterrotti match tra le foto di Facebook e i frame delle riprese della videosorveglianza hanno consentito di individuare gli artefici dell’aggressione: i quali, dopo aver fiutato che la le forze dell'ordine li avevano scoperti, hanno iniziato ad oscurare i loro profili sul web, sperando di ostacolare le indagini.

https://www.ilmessaggero.it/italia/cinema_america_ultime_notizie_identificati_news_casapound_blocco-4567165.html?fbclid=IwAR2CqFXZKDlq3WM2F4p3VOPjMfr9gk4EAcHgap7LDvDO9d8JTD2TvCi-ZQ4

repressione_F
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo