antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti
- "Ammazza il negro", altre minacce contro la famiglia del Milanese che ha adottato senegalese
- Donna aggredita in pizzeria a Mereto di Tomba perché non parla friulano
- Ascoli, barista caccia cliente omosessuale: “Sono nazista, non voglio gay nel mio locale”

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake
- Libro sulle "atrocità partigiane", l'Anpi di Reggio Emilia contrattacca: presidio e minacce di denuncia

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra
13.01.19 La sede dei fascisti di Avanguardia Nazionale è in uno stabile del Comune di Roma
13.01.19 Calcio, la piaga nera del tifo fascista
17.12.18 Le sfumature nere della Lega di Salvini
20.11.18 Bolivia: Il neofascista italiano Diodato tra i registi della strage di Pando
18.11.18 CasaPound e Forza Nuova a confronto
14.11.18 FBI: Milizia neo-nazista addestrata dall'esercito americano in Ucraina, ora prepara i Suprematisti bianchi degli USA

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 4.04.19
Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
·
I primi rom trasferiti dal centro di accoglienza di Torre Maura dopo le violente proteste. Erano arrivati 24 ore prima

Continua il presidio, pesanti insulti verso i nomadi nel Centro di accoglienza comunale. Uno degli ospiti risponde dal cortile: "Sì, ce ne andiamo". Accolto tra gli applausi di un centinaio di manifestanti, inclusa Casapound, il pulmino che comincia a spostare i nomadi in altre strutture. Nonostante Raggi avesse garantito: "Non possiamo cedere all'odio razziale". Reato per il quale la Procura ha aperto un fascicolo

"A noi gli sfratti e a loro date una casa". L'abisso dell'odio
Torre Maura, i primi rom lasciano centro accoglienza: applausi e saluti romani

Tensione ancora alta a Torre Maura dopo la rivolta del quartiere per l'arrivo di una settantina di rom accolti in una struttura del Comune. Una bomba carta è stata fatta esplodere nel tardo pomeriggio negli stessi momenti in cui un pulmino del servizi sociali del Comune si era recato nel centro di accoglienza di via dei Codirossoni per avviare il trasferimento dei primi rom.

Ma alla fine è stata una giornata di vittoria per gli abitanti del quartiere, spalleggiati da esponenti di estrema destra, che da ieri erano scesi in piazza contro l'arrivo dei rom nel centro comunale. Nonostante le dichiarazioni della sindaca Raggi ("Non cederemo all'odio razziale"), il Campidoglio in meno di 24 ore ha deciso di spostare quei rom in altri luoghi. E la gente è rimasta in strada a vigilare, a non arretrare sul territorio. E anche a provocare quei rom indesiderati.

Da metà pomeriggio i primi nomadi hanno lasciato la struttura su un pulmino scortato dai vigili urbani, mentre alcuni residenti, affiancati da esponenti di Casapound e Forza Nuova, hanno urlato insulti e minacce contro gli altri nomadi affacciati alle finestre. Non solo. Contro il furgone sono stati scagliati qualche calcio e alcune manate e una ventina di persone hanno intonato l'inno d'Italia, esibendo il saluto fascista. Ieri sera i manifestanti avevano anche buttato in terra e calpestato i panini che dovevano essere consegnati per cena agli ospiti del centro.

E sono volate parole pesantissime: "Scimmia di mer.., te ne devi andare, esci fuori che ti ammazzo" e uno dei rom rimasti all'interno è uscito nel cortile rivolgendosi alla folla: "Sì, ora ce ne andiamo". Subito dopo un altro manifestante ha urlato: "Bruciateli vivi". La metà dei rom ospitati (ancora per poco) nella struttura sono minorenni.

Poco dopo le 21, altri sette rom, tra uomini e donne, hanno lasciano la struttura sul furgone comunale, in aggiunta agli altri tre portati via nel tardo pomeriggio. In strada resistono ancora qualche residente e militanti di estrema destra con fumogeni e bandiere italiane. E i trasferimenti sono continuati fino a tarda notte, 18 su 70 sono già stati accompagnati in altre strutture. Alcuni di loro però a tarda notte avrebbero rifiutato il nuovo centro di accoglienza cui erano stati destinati e di fatto sono rimasti in strada.

Le operazioni riprenderanno domani, così come il presidio dei manifestanti. Ne rimangono dentro circa 50, dei quali 33 sono minori. Verranno spostati e sistemati nelle prossime ore in altre strutture dislocate sul territorio, comunque lontane dal VI municipio.

"Non cederemo all'odio razziale". Ma poco dopo partono i trasferimenti
Nel tardo pomeriggio era arrivato tra gli applausi di un centinaio dei manifestanti il pulmino dei servizi sociali del Campidoglio che si sarebbe occupato del trasferimento dei primi dei circa 70 rom (33 bambini, 22 donne delle quali tre in stato avanzato di gravidanza) ospitati nella struttura di via dei Codirossoni. La protesta era servita, la cacciata si è compiuta, anche se la sindaca Virginia Raggi in un tweet ieri aveva stigmatizzato la protesta: "Non possiamo cedere all'odio razziale, non possiamo cedere contro chi continua a fomentare questo clima e continua a parlare alla pancia delle persone, e mi riferisco prevalentemente a Casapound e Forza Nuova".

E Raggi aveva anche spiegato di "essere intervenuta per evitare che la situazione degenerasse. C'era un clima molto pesante, di odio. Voglio tutelare i tanti cittadini onesti di quel quartiere e i 33 bambini (del gruppo dei nomadi, ndr) che rischiavano la vita e l'incolumità personale. Dovere dell'amministrazione è quello di tutelare la vita e l'incolumità delle persone". Dopo poche ore il cambio di strategia: nel giro di poche ore, al massimo pochi giorni, il Campidoglio ha disposto che tutti i rom che avevano appena raggiunto il centro sarebbero stati ricollocati altrove.

Salvini: "Zero campi rom entro la fine del mio mandato da ministro"
"No a ogni forma di violenza, no allo scaricare sulle periferie ogni genere di problemi. Ribadisco il mio obiettivo per cui sto lavorando da mesi: zero campi rom entro la fine del mio mandato da ministro. Chi si integra è benvenuto, chi preferisce rubare verrà mandato altrove" aveva sottolineato il ministro dell'Interno Matteo Salvini.

La Procura indaga per "odio razziale"
La Procura di Roma intanto ha aperto un fascicolo di indagine sui primi scontri avvenuti nella tarda serata di martedì. A piazzale Clodio sono in attesa di una informativa dalle forze dell'ordine intervenute. I reati ipotizzati, al momento, sono di danneggiamento e minacce aggravate dall'odio razziale durante una vera e propria rivolta in cui sono stati dati alle fiamme un cassonetto e un'auto. Nel corso dei tafferugli sono stati calpestati e distrutti i panini destinati ai rom: "Devono morire di fame" hanno urlato alcuni. "Dateci i terremotati, gli zingari non li vogliamo".

Il movimento Kethane: "Il prefetto impedisca presidio umiliante"
"Chiediamo al prefetto e al questore di Roma di impedire il presidio intimidatorio e umiliante davanti al centro e di tutelare la sicurezza di 70 persone innocenti". Lo dice in una nota Il Movimento Kethane-Rom e Sinti per l'Italia. "Chiediamo alla magistratura di individuare e assicurare alla giustizia gli autori degli atti vandalici esercitati contro la presenza innocua di 33 bambini, 22 donne, di cui 3 incinte, e 15 uomini documentati e vantati sui social come trofei di una crociata che stabilisce una scala diversa tra
persone umane. Altrettanto chiediamo per le forze politiche che hanno istigato l'attacco". L'associazione chiede inoltre "che l'amministrazione di Roma operi una mediazione preventiva con la popolazione quando è necessario inserire delle comunità, siano immigrati o rom e sinti, in contesti difficili".

https://roma.repubblica.it/cronaca/2019/04/03/news/torre_maura-223206812/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P8-S1.8-T1

aggressioni_razziste
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo