antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti
- "Ammazza il negro", altre minacce contro la famiglia del Milanese che ha adottato senegalese
- Donna aggredita in pizzeria a Mereto di Tomba perché non parla friulano
- Ascoli, barista caccia cliente omosessuale: “Sono nazista, non voglio gay nel mio locale”
- Brescia Danno fuoco alle roulotte, poi sparano contro chi scappa: “Zingari di me**a, vi ammazzo tutti”
- Torino, aggressione omofoba in un condominio: «Sei gay, ti ammazziamo»
- Modena Bomba carta e bottiglie molotov contro il centro di accoglienza per migranti
- Sondrio, insulti razzisti poi calci e pugni: senegalese in ospedale
- Raid punitivo contro alloggio di migranti: Piacenza, tre indagati

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake
- Libro sulle "atrocità partigiane", l'Anpi di Reggio Emilia contrattacca: presidio e minacce di denuncia
- San Lorenzo: Forza Nuova sfregia murales ai partigiani, che viene ripristinato dopo un’ora
- Trieste, doppio corteo: CasaPound e antifascisti in piazza
- Venaria, il sindaco toglie i fiori lasciati sulla tomba da CasaPound: “Non c’è spazio per i fascisti”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra
13.01.19 La sede dei fascisti di Avanguardia Nazionale è in uno stabile del Comune di Roma
13.01.19 Calcio, la piaga nera del tifo fascista
17.12.18 Le sfumature nere della Lega di Salvini
20.11.18 Bolivia: Il neofascista italiano Diodato tra i registi della strage di Pando
18.11.18 CasaPound e Forza Nuova a confronto
14.11.18 FBI: Milizia neo-nazista addestrata dall'esercito americano in Ucraina, ora prepara i Suprematisti bianchi degli USA
12.11.18 Veneto Fronte Skinheads, radiografia dell'associazione
12.11.18 Così i neofascisti assediano Brescia
11.11.18 Il governo di Varsavia marcia con l’estrema destra europea
29.10.18 CasaPound non paga neppure le bollette: debiti per centinaia di migliaia di euro
17.10.18 Processo Cavallini, Ansaldi parla di Fioravanti: ''È un uomo della P2''
12.10.18 I legami pericolosi tra il partito di Matteo Salvini e la 'ndrangheta
24.09.18 Stati nazisti d’America, tra svastiche, Hitler e sostenitori dello "sterminio necessario"
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 15.02.19
Bollino antifascista: CasaPound porta il Comune di Parma in tribunale
·
Ricorso al Tar del movimento di estrema destra. Pizzarotti: "Chi non si riconosce nella Costituzione si mette fuori da solo"

14 febbraio 2019

L'associazione di estrema destra, infatti, non ha gradito la delibera varata dall'Amministrazione - approvata in Consiglio comunale lo scorso 19 novembre - sul bollino antifascista richiesto alle associazioni che vorranno usufruire di immobili comunali, occupare un'area pubblica per una manifestazione, avanzare una richiesta di contributo economico o di patrocinio del Comune per una manifestazione e, ancora, candidarsi alla gestione di impianti sportivi.

Tutte istanze per cui, in base alle modifiche applicate a ben quattro regolamenti comunali, chi le presenta dovrà firmare al momento della domanda agli uffici del municipio un documento in cui attesta "di riconoscersi nella democrazia costituzionale, di ripudiare il fascismo e la xenofobia e di non propugnare la violenza come forma di lotta politica".

Con un ricorso presentato al Tribunale amministrativo regionale (Tar) e notificato il 5 febbraio al Comune, Casapound ha quindi chiesto l'annullamento degli atti emanate da piazza Garibaldi e di sospenderne in via cautelare l'applicazione fino alla sentenza.

La Giunta guidata dal sindaco Federico Pizzarotti - si legge in una delibera assunta nella seduta di mercoledì di cui dà conto l'agenzia Dire - ha deciso così di presentarsi in giudizio "a tutela delle ragioni dell'ente", incaricando il dirigente dell'avvocatura municipale, di individuare "il professionista o i professionisti interni cui affidare l'incarico di difesa dell'ente" e "di impegnare le somme eventualmente necessarie per il loro compenso".
Bollino antifascista: CasaPound porta il Comune di Parma in tribunale
Condividi

"Il 'regolamento antifascista' del Comune di Parma è un provvedimento che, in nome della democrazia, limita gli spazi di agibilità politica delle formazioni non gradite al sindaco. Un controsenso che peraltro travalica le competenze assegnate dalla legge ai Comuni. Noi ci riconosciamo nella Costituzione - scrive CasaPound - quella fondata sul lavoro in cui la sovranità appartiene al popolo. E non avremmo nessun problema a sottoscrivere di riconoscerci nella stessa visto che peraltro ci presentiamo regolarmente alle competizioni elettorali. Ma riconoscerci nella Costituzione ed essere antifascisti sono due cose completamente diverse. È per questo che abbiamo presentato ricorso. Perchè non può essere un Pizzarotti qualsiasi a decidere chi, a Parma come nel resto d'Italia, può fare attività politica o meno".

Pizzarotti, a Bologna per una serie di appuntamenti politico elettorali di Italia in Comune, replica così: "Non vietiamo niente a nessuno, ma se uno non si riconosce in principi ampiamente condivisibili in una repubblica democratica è lui che si mette fuori".

"Abbiamo adottato un regolamento, così come hanno fatto altre città - ricorda - in cui chiediamo semplicemente a chi prenota una sala o uno spazio comunale di sottoscrivere che si riconosce nei valori della Costituzione e nei valori dell'antifascismo. Se uno non lo sottoscrive e quindi non ha diritto ad avere una sala...". (Fra.Na)

https://parma.repubblica.it/cronaca/2019/02/14/news/bollino_antifascita_casapound_porta_il_comune_di_parma_in_tribunale-219139031/?ref=RHRS-BH-I0-C6-P1-S1.6-T1

repressione_F
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo