antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti
- "Ammazza il negro", altre minacce contro la famiglia del Milanese che ha adottato senegalese
- Donna aggredita in pizzeria a Mereto di Tomba perché non parla friulano
- Ascoli, barista caccia cliente omosessuale: “Sono nazista, non voglio gay nel mio locale”
- Brescia Danno fuoco alle roulotte, poi sparano contro chi scappa: “Zingari di me**a, vi ammazzo tutti”
- Torino, aggressione omofoba in un condominio: «Sei gay, ti ammazziamo»

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake
- Libro sulle "atrocità partigiane", l'Anpi di Reggio Emilia contrattacca: presidio e minacce di denuncia
- San Lorenzo: Forza Nuova sfregia murales ai partigiani, che viene ripristinato dopo un’ora

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra
13.01.19 La sede dei fascisti di Avanguardia Nazionale è in uno stabile del Comune di Roma
13.01.19 Calcio, la piaga nera del tifo fascista
17.12.18 Le sfumature nere della Lega di Salvini
20.11.18 Bolivia: Il neofascista italiano Diodato tra i registi della strage di Pando
18.11.18 CasaPound e Forza Nuova a confronto
14.11.18 FBI: Milizia neo-nazista addestrata dall'esercito americano in Ucraina, ora prepara i Suprematisti bianchi degli USA
12.11.18 Veneto Fronte Skinheads, radiografia dell'associazione
12.11.18 Così i neofascisti assediano Brescia
11.11.18 Il governo di Varsavia marcia con l’estrema destra europea
29.10.18 CasaPound non paga neppure le bollette: debiti per centinaia di migliaia di euro

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 5.10.18
Pisa, ancora un’aggressione omofoba: “Fate schifo”, poi sputi e pugni
·
5 ottobre 2018

Ennesima aggressione omofoba, questa volta a Pisa. Ancora violenza a danno di persone che hanno “la colpa” di essere fuori dai canoni della norma prescritta. La denuncia, ancora una volta, arriva su Facebook dal profilo del diretto interessato, Christian Murgo: «Questo è quello che succede in questo paese di merda» dichiara il ragazzo aggredito «dove essere omosessuali e camminare vicini senza nemmeno toccarsi consegue nel vedere il proprio ragazzo prendersi un pugno in faccia da tre ragazzi». I tre, come precisa la vittima, erano italiani e adolescenti. «Si sono divertiti a sputarci in faccia, a dirci che gli facevamo schifo ed infine a spaccare gli occhiali in faccia a Marco rischiando di fargli perdere un occhio».
Il branco: tre adolescenti tra i 16 e i 18 anni

Uno dei due ragazzi aggrediti

Raggiunto da Gaypost.it, Christian ci racconta cosa è successo la sua versione dei fatti: «Ieri sera» il 4 ottobre «verso le undici sono uscito dal lavoro. Il mio ragazzo è venuto a prendermi e ci siamo fatti un tratto di strada, in una delle strade principali del centro di Pisa». Qui, in pieno centro, avviene lo spiacevole incontro: «Siamo stati intercettati da questi tre ragazzi, dall’età tra i sedici e i diciotto anni che ci chiedono se siamo omosessuali». Il ragazzo di Christian, Marco, risponde di sì, e così comincia l’escalation di violenza da parte del branco.

Gli sputi, poi l’aggressione

Uno di loro, dice ancora Christian, dice all’altro: «Fra’, spostati, questi fanno schifo. Noi continuiamo a camminare, fregandocene. Fino a che non ci arriva uno sputo alle spalle». Quindi scatta l’aggressione fisica. I tre se la prendono con l’altro ragazzo, con un pugno in faccia che ha spaccato gli occhiali di Marco – i vetri hanno mancato di poco i suoi occhi – e infine hanno anche aggredito e picchiato il suo fidanzato, che è riuscito tuttavia a metterli in fuga. La denuncia è stata fatta e per fortuna non ci sono conseguenze gravi. Ma quest’ennesimo atto di violenza, contrario alla dignità delle persone Lgbt, ci fa capire quanto colma sia la misura.

http://www.gaypost.it/pisa-aggressione-omofoba-sputi-pugni




Pisa la denuncia di due ragazzi: "Ci hanno aggrediti perché gay"


Indagano i carabinieri: "Ci hanno presi a pugni". Controllate le telecamere del centro

Aggrediti e picchiati perché gay: la denuncia è di una coppia di giovani, uno di Pietrasanta (Lucca) che camminava assieme al suo compagno per le strade del centro storico di Pisa. I due sarebbero stati prima derisi e poi colpiti con dei pugni al volto da tre giovanissimi, pare minorenni. La denuncia dopo essersi fatti medicare in ospedale, è stata formalizzata dai carabinieri. Il ragazzo di Pietrasanta ha pubblicato su Facebook la foto delle ferite al volto: un pugno gli ha mandato in frantumi gli occhiali, lacerandogli la pelle sotto gli occhi. Il compagno si è gettato nella mischia per difenderlo e a sue volte ha subito alcune contusioni.

Secondo quanto riferito ai carabinieri i tre aggressori sarebbero italiani: "Questo è quello che succede in questo paese di m..., dove essere omosessuali e camminare vicini senza nemmeno toccarsi consegue nel vedere il proprio ragazzo prendersi un pugno in faccia da 3 ragazzi - scrive uno dei due aggrediti - . Ci tengo a specificare che erano italiani, prima che girino le solite stronzate sugli immigrati tanto per cambiare, ragazzi più piccoli di noi, che si sono divertiti a sputarci in faccia, a dirci che gli facevamo schifo ed infine a spaccare gli occhiali in faccia a marco rischiando di fargli perdere un occhio..".

La coppia ha fornito agli inquirenti anche un'accurata descrizione di quella che pare una baby gang, in particolare dei vestiti che i presunti aggressori indossavano. Nella zona ci sono molte telecamere e i filmati potrebbero dare un contributo alle indagini.

"Non volevo credere alla notizia e invece, purtroppo, il vile gesto raccontato dal giovane pietrasantino è accaduto davvero ed è accaduto a Pisa. Una città aperta, inclusiva, vivace che non permetteremo si trasformi nella sua brutta copia", afferma la consigliera regionale pisana del Pd, Alessandra Nardini. "Questa vicenda fa male - aggiunge Nardini - e fa ancora più male perché riguarda giovani: due ragazzi che hanno la sola 'colpà di amarsi e altri che si lasciano accecare dall'odio e manifestano la loro foga con la violenza verso altri coetanei. Fermiamoci tutti. Siamo ancora in tempo". Solidarietà ai due ragazzi è stata espressa anche dalla Scuola Sant'Anna di Pisa, di cui uno dei due giovani è allievo: "E' superfluo ribadire la condanna verso questo gesto, come per ogni atto che implica violenza, ma è sconcertante notare come gli autori siano tre giovani che, in quanto tali, dovrebbero avere il rifiuto di ogni discriminazione come uno dei riferimenti, civili e culturali, alla base di ogni comportamento", fa sapere l'università. "L'aggressione conferma anche la necessità di proseguire azioni educative per contrastare l'intolleranza, che, nel caso specifico, si è espressa con una escalation di violenza nei confronti di persone giudicate estranee rispetto al proprio modo di pensare e di agire", conclude la nota.

https://firenze.repubblica.it/cronaca/2018/10/05/news/aggressione_pisa_omofobia-208250351/?ref=RHRS-BH-I0-C6-P17-S1.6-T1

aggressioni_razziste
r_toscana


articolo precedente           articolo successivo