antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti
- "Ammazza il negro", altre minacce contro la famiglia del Milanese che ha adottato senegalese
- Donna aggredita in pizzeria a Mereto di Tomba perché non parla friulano
- Ascoli, barista caccia cliente omosessuale: “Sono nazista, non voglio gay nel mio locale”
- Brescia Danno fuoco alle roulotte, poi sparano contro chi scappa: “Zingari di me**a, vi ammazzo tutti”
- Torino, aggressione omofoba in un condominio: «Sei gay, ti ammazziamo»

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake
- Libro sulle "atrocità partigiane", l'Anpi di Reggio Emilia contrattacca: presidio e minacce di denuncia
- San Lorenzo: Forza Nuova sfregia murales ai partigiani, che viene ripristinato dopo un’ora
- Trieste, doppio corteo: CasaPound e antifascisti in piazza

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra
13.01.19 La sede dei fascisti di Avanguardia Nazionale è in uno stabile del Comune di Roma
13.01.19 Calcio, la piaga nera del tifo fascista
17.12.18 Le sfumature nere della Lega di Salvini
20.11.18 Bolivia: Il neofascista italiano Diodato tra i registi della strage di Pando
18.11.18 CasaPound e Forza Nuova a confronto
14.11.18 FBI: Milizia neo-nazista addestrata dall'esercito americano in Ucraina, ora prepara i Suprematisti bianchi degli USA
12.11.18 Veneto Fronte Skinheads, radiografia dell'associazione
12.11.18 Così i neofascisti assediano Brescia
11.11.18 Il governo di Varsavia marcia con l’estrema destra europea
29.10.18 CasaPound non paga neppure le bollette: debiti per centinaia di migliaia di euro
17.10.18 Processo Cavallini, Ansaldi parla di Fioravanti: ''È un uomo della P2''
12.10.18 I legami pericolosi tra il partito di Matteo Salvini e la 'ndrangheta
24.09.18 Stati nazisti d’America, tra svastiche, Hitler e sostenitori dello "sterminio necessario"
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 29.03.18
Benevento Picchiato a scuola per alcuni adesivi
·
28/03/2018
La denuncia dell'episodio è arrivata da parte dell'Assemblea Antifascista Beneventana.

"Un gravissimo episodio". Viene definito così, dall'Assemblea Antifascista Beneventana quanto accaduto martedì 27 marzo all'interno di uno degli istituti superiori beneventani. I militanti antifascisti raccontano: "Due studenti, durante l'orario curriculare, hanno raggiunto un loro coetaneo all'interno di uno dei bagni dell'Istituto e sorprendendolo vigliaccamente alle spalle hanno cominciato, dopo averlo strattonato e aggredito verbalmente a prenderlo a pugni in testa. Il motivo sarebbe la comparsa di alcuni adesivi antifascisti all'interno dell'istituto di cui i due aggressori addebitavano la 'paternità' alla vittima.Per l'aggredito, fortunatamente, solo alcune contusioni al volto e alla testa".

E sottolineano: "Ciò che preoccupa è che gli aggressori non abbiano avuto remore ad agire tale violenza pubblicamente, probabilmente consapevoli dell'impunità e della legittimità che sembrano ormai essere garantite nell'ultimo periodo in Italia alle formazioni neofasciste. Uno dei due aggressori, quello più 'fomentato' dall'impresa, si era già reso protagonista dell'aggressione a suon di calci e bastonate avvenuta solo qualche settimana fa nei pressi dell'Ospedale Civile ai danni di un altro giovane, colpevole di aver contestato in strada la presenza dell'organizzazione neofascista Casapound”.

Secondo l'Assemblea Antifascista: "L'episodio si somma a quello altrettanto grave verificatosi solo 24 ore dopo una manifestazione di un'altra organizzazione neofascista, 'Forza Nuova', in cui tre balordi, uno dei quali esibisce sui social fotografie con lo stragista nero Roberto Fiore, avevano aggredito nei pressi di via Napoli un migrante che stava rientrando nel centro di accoglienza cui era assegnato, arrivando a colpirlo con mattonate in testa".

E continuano: "Denunciamo con sdegno le responsabilità e le coperture politiche garantite a questi fatti e a questi figuri da parte di settori della stampa locale, ma soprattutto da parte delle Istituzioni territoriali, Prefettura, Questura, Amministrazione Comunale, che a vario titolo hanno operato per minimizzare quelle che sono vere e proprio violenze squadriste che stanno pericolosamente legittimando il dilagare dell'odiosa ideologia fascista soprattutto tra giovani che vivono esclusione, ignoranza e degrado culturale. La violenza che storicamente contraddistingue i metodi delle squadracce fasciste non troverà da parte nostra alcuna agibilità".

E concludono: "Siamo consapevoli che solo la costruzione di percorsi solidali, unitamente al contrasto attivo e determinato della presenza fascista in strada, possano fungere da motore per arginare queste deprecabili violenze e allo stesso tempo costruire una società che sia realmente equa e giusta.
Forte è il pugno che si abbatte sul fascismo".

http://www.ilquaderno.it/quotpicchiato-a-scuola-per-alcuni-adesiviquot-la-denuncia-dellassemblea-antifascista-127396.html




Studente aggredito per motivi politici, compagni indignati
Lettera degli studenti della V A del Galilei - Vetrone: "Vergognoso episodio di violenza"


28 marzo 2018

“Con questa nota vogliamo esprimerci sul vergognoso episodio di violenza verificatosi ieri mattina, 27 marzo 2018, nel nostro istituto”.
A scrivere sono gli studenti della V A dell'Istituto Galilei – Vetrone di Benevento, la scuola dove ieri uno studente è stato aggredito sembra per motivi politici. Un episodio denunciato con un'altra nota dall'Assemblea antifascista cittadina.

“Due studenti – spiegano gli alunni della V A del Galilei – Vetrone che hanno portato in redazione la missiva di persona -, hanno pensato bene di 'dare la caccia' ad un coetaneo 'reo', secondo loro, di aver attaccato alcuni adesivi recanti la scritta “Benevento Antifascista” all'interno della scuola. Lo hanno raggiunto nel bagno che è di fianco alla sua classe e gridando ed inveendo contro di lui, hanno cominciato a colpirlo con pugni al volto ed alla testa, sotto gli occhi attoniti di alcuni di noi, provando infine a trascinarlo a staccare con loro gli adesivi.

Tornato in classe, lo studente aggredito, visibilmente molto scosso, è stato opportunamente circondato dalla solidarietà dei presenti, anche loro ancora increduli per l'accaduto.
L'avvenimento lascia tutti noi esterrefatti e turbati, ed è per questo che sentiamo l'esigenza di condannare fermamente ogni episodio di violenza all'interno della nostra scuola come delle altre.

Ci sembra assurdo che per un adesivo che per di più ricorda i valori della Resistenza Partigiana al Fascismo (ricordiamo che la Costituzione Repubblicana vieta la riorganizzazione di partiti fascisti secondo qualsiasi forma) un ragazzo possa essere aggredito nel luogo che dovrebbe essere il massimo simbolo della cultura (argine fondamentale a qualsiasi dittatura o totalitarismo) ed in cui le individualità dovrebbero crescere libere e senza pregiudizi ed imparare una coesistenza pacifica nel segno del rispetto reciproco tra tutti.

Non è un caso – spiegano ancora gli studenti della V A - che al contrario, nel mondo dell'imbarbarimento culturale e morale, dove la scuola viene a configurarsi solo come il luogo di addomesticamento della futura forza lavoro, precaria e da sfruttare alcuni giovani possano arrivare a cadere preda delle organizzazioni neofasciste e della violenza e dell'odio xenofobo di cui sono portabandiera.

Ribadiamo la nostra ferma condanna verso ogni tipo di violenza ed esprimiamo la nostra solidarietà allo studente aggredito, auspicando al contempo la creazione di percorsi scolastici formativi e momenti di riflessione collettiva.

Ci auguriamo che tali episodi non accadano più all'interno del nostro istituto, anche grazie al contributo attivo di tutti gli altri studenti e del personale docente e tecnico-amministrativo”.

https://www.ottopagine.it/bn/cronaca/153782/studente-aggredito-per-motivi-politici-compagni-indignati.shtml

azioni_fasciste
r_campania


articolo precedente           articolo successivo