antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 16.03.18
Il finto giornalista inglese che è andato a fare casino a stazione Termini
·
Usa lo pseudonimo Tommy Robinson, ma non è un giornalista: è un attivista di estrema destra che fa propaganda travestendosi da 'reporter indipendente'.

mar 15 2018

Negli ultimi anni, e i dati raccolti nel rapporto Notizie da paura sono lì a dimostrarlo, i media italiani hanno dedicato sempre più spazio a temi quali criminalità e sicurezza—legandoli quasi sempre all’immigrazione. Una delle tattiche impiegate con più frequenza è quella di andare nelle aree degradate delle grandi città con inviati e telecamere spianate, suscitando (a volte) le reazioni scomposte dei soggetti ripresi e aumentando così la percezione di insicurezza.

Nel 2017, ad esempio, una troupe di Matrix è stata aggredita in diretta in via Marsala, una delle vie che circondano Termini dove spesso si trovano a dormire migranti e senza fissa dimora. Se ne parlo adesso è perché quel video l’ha visto anche il 'reporter' inglese Tommy Robinson, che la scorsa settimana era in Italia a seguire le elezioni e si è fatto un giro proprio a Termini.

Nella clip, pubblicata il 10 marzo 2018, si vede Robinson girare a piazza Vittorio Emanuele e poi intorno alla stazione. A un certo punto, dei migranti gli vanno incontro e chiedono di non riprendere. Ne nasce un alterco, con Robinson che dice cose come “ti stendo” e infine tira un pugno in faccia a un uomo. La sua riflessione finale è che certe zone d’Italia somigliano al “Medio Oriente e al Sudafrica” e che non c’è da sorprendersi per l’esito delle elezioni.

Il video, che ha totalizzato più di un milione di visualizzazioni su YouTube, è stato ripreso anche in Italia. Tra gli altri si segnalano il sito di estrema destra VoxNews (“Giornalista inglese aggredito a stazione Termini, filmava degrado”) e il giornalista Franco Bechis, che ne ha parlato nella sua video-rubrica per il Corriere dell’Umbria con un post intitolato “Un inglese aggredito a Roma: capisco il voto degli italiani.”

Entrambi lo qualificano come “giornalista.” Ma se si dà una sommaria occhiata al video, salta subito all’occhio che Robinson non si comporta esattamente come tale—e infatti, non è un giornalista.

Il suo vero nome è Stephen Yaxley-Lennon, e nel Regno Unito è conosciuto principalmente per essere un estremista di destra. Come mi ha spiegato Henry Langston di VICE UK, “era un membro del British National Party (BNP), che al suo apice è stato il principale partito neofascista inglese.” Dopodiché, è stato “il fondatore e il leader della English Defence League—un ‘movimento di protesta’ islamofobo che ha attirato persone di destra di tutti i tipi, dai conservatori ai neo-nazisti.” Nel 2013 è uscito dalla EDL, e nel 2015 ha cercato di far nascere la sezione inglese di Pegida, altro movimento islamobofo nato in Germania. Nel suo curriculum figurano diversi arresti per rissa, nonché una condanna per frode ipotecaria (non collegata alla sua attività politica) che l’ha portato in carcere per poco più di sei mesi.

Nonostante questo pedigree, continua Langston, Robinson “non sopporta la definizione di estremista di destra, e sostiene di dire solo la verità sull’Islam. Assicura anche di non essere razzista, perché 'l’Islam non è una razza’, e che l’islamofobia è una reazione naturale. Mark Rowley, il capo uscente dell’antiterrorismo britannico, ha dichiarato che Tommy non è diverso dai predicatori d’odio islamici: sono due facce della stessa medaglia. Noi, infatti, lo definiamo proprio così: un predicatore d’odio.”

Dopo la scarcerazione e il fallito tentativo di creare Pegida UK, Robinson si è reinventato scrittore (con l’autobiografia Enemy of the State) e “giornalista d’assalto.” Ha così iniziato a collaborare con Rebel Media—un sito canadese di estrema destra ricompreso nel calderone dell’alt-right americana—insieme al giovane blogger d’estrema destra Caolan Robertson. La loro “specializzazione,” mi spiega Langston, era quella di andare nei tribunali per “svelare scandali di pedofilia” e di “infastidire i giornalisti e gli utenti di Twitter che non gli piacevano.”

All’inizio del 2017, dopo che Rebel Media ha messo un paywall sul sito, Robinson lascia e diventa una specie di youtuber indipendente con un pagina Facebook da quasi settecentomila fan. I suoi bersagli sono sempre gli stessi: l’Islam, i media mainstream, i migranti, le femministe e gli antifascisti. La scorsa settimana, mi dice Langston, “si è presentato a una conferenza antifascista a Londra con le telecamere al seguito ed è stato picchiato. Ovviamente ha provato a fare la vittima, ma visto chi è non dovrebbe sorprendersi di non essere il benvenuto a conferenze del genere.”

Un’altra tendenza visibile dai suoi canali è quella di intervistare attivisti-giornalisti nordamericani ed europei—come Martin Sellner di Generazione Identitaria Austria, la “nazionalista bianca” americana Brittany Pettibone (compagna di Sellner) e la “reporter” canadese Lauren Southern—e presentarli sempre e comunque come come dei martiri della libertà d’espressione.

Anche qui, non c’è nulla di casuale. Ai tempi della nave anti-Ong di Generazione Identitaria, le stesse persone appena menzionate avevano spinto l’iniziativa sia mediaticamente che politicamente. “Stanno chiaramente cercando di stringere legami più forti,” mi dice Langston. “Tommy sta anche cercando di espandere il suo raggio d’azione, per aumentare il pubblico britannico e raggiungere quello europeo.”

Robinson, insomma, fa parte di quella ristretta—ma influente sui social—schiera di provocatori di destra che puntano ad abbattere le frontiere tra giornalismo, attivismo e propaganda. Come hanno scritto su VICE UK Simon Childs e James Poulter in un recente pezzo dedicato a figure ibride come Robinson, presentarsi come “giornalisti” permette di “offrire la loro controversa visione del mondo—basata su mezze verità e distorsioni—come una serie di ‘fatti’ che l’élite mediatica ha nascosto al pubblico.”

Questo metodo, continuano, “annacqua la loro islamofobia in una sorta di saggezza mondana e conoscenza superiore, dà alla loro isteria urlata ai quattro venti un senso di legittima urgenza, e derubrica le loro provocazioni razziste a ‘difesa della libertà d’espressione’.” Così facendo, la loro fissazione sull’Islam “non è più un’ossessione razzista, ma diventa un argomento di cronaca da sviscerare.” I loro stunt pubblicitari, infine, non sono mai del tutto isolati nell’ecosistema mediatico; anzi, si sovrappongono con quello che pubblica regolarmente la stampa “istituzionale” di destra.

Per quanto ridicolo e respingente possa essere lo stile di Tommy Robinson, analizzarlo serve a capire quanto e come stia cambiando la strategia mediatica e propagandistica dell’estrema destra europea. “Ha capito che le proteste di strada non funzionano granché,” mi spiega Langston, “e portano a scissioni interne che spesso sfociano in violenza—com’è accaduto alla EDL. Come ‘giornalista’ invece può avere una parvenza di legittimità, soprattutto per chi non conosce il suo passato.”

Purtroppo, messaggi come i suoi possono avere conseguenze molto concrete: secondo la polizia inglese Darren Osborne—autore dell’attentato alla moschea di Finbury Park che ha ucciso una persona e ne ha ferite dodici—si è radicalizzato principalmente a causa del grande consumo di “materiale online prodotto dall’estrema destra, tra cui le dichiarazioni di Tommy Robinson, Britain First e altri.”

https://www.vice.com/it/article/wj4wdb/tommy-robinson-giornalista-inglese-termini

news
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo