antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Migrante pestato a sangue a Sassari Un 22enne della Guinea aggredito da cinque ragazzi in pieno centro
- Roma, spedizione razzista contro il fioraio a Cinecittà
- Bagheria, «Calmati fratello» e scatta il pestaggio: immigrato picchiato senza motivo con un cric
- Terracina, sparano piombini da unʼauto contro una bici: ferito operaio indiano
- Bologna Aggressione razzista in via Sant'Isaia
- Palermo, caccia al migrante: cinque minori profughi insultati e pestati
- Aprilia, spari da una finestra. Colpito immigrato
- Pistoia, il prete denuncia: "Spari contro un migrante ospite della parrocchia"
- Napoli, spari da uno scooter contro un gruppo di immigrati: ferito un venditore ambulante senegalese
- Immigrato ucciso ad Aprilia, il sospetto di ronde notturne.
- Follia razzista: Rimini Milano Vicenza Partinico
- Leghista litiga con uno straniero ed estrae la pistola in stazione Centrale a Milano: indaga la Polfer

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Bari, aggressione al corteo antifascista in via Crisanzio: blitz con mazze e catene
- Scontri a Marina Centro, il corteo di Forza Nuova cerca di sfondare il cordone
- Padova Antifascisti cercano di impedire il comizio di Forza Nuova: cariche delle forze dell'ordine in pieno centro
- Grosseto Corteo antifascista, cori e bandiere: in piazza contro il raduno di CasaPound c’è Maremma Antifa
- Roma ricorda Renato Biagetti dodici anni dopo
- Ravenna Scontri e contestazioni durante la cerimonia per Ettore Muti
- Pontida, nel santuario della Lega Salvini contestato da diciassettenne: "Fascista, rovini l'Italia"
- "Sgomberate la sede abusiva di Casapound". L’appello del sindaco Pascucci a Salvini e Raggi
- "Chiedo con forza le dimissioni del Ministro Fontana. Le sue dichiarazioni violano la Costituzione" Carla Nespolo - Presidente nazionale ANPI
- Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova
- Verona, il writer che combatte il fascismo con i colori

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
26.07.18 Trattavia, le motivazioni della sentenza vanno lette ricordando stragi neofasciste, golpe e P2
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 24.02.18
Palermo, il legale dei fermati per il pestaggio del leader di FN: da pm accuse da fantadiritto
·
Palermo, il legale dei fermati per il pestaggio del leader di FN: da pm accuse da fantadiritto

L'avvocato Giorgio Bisagna: "Altro che tentato omicidio, il medico parla di soli 5 giorni di riposo"

23 febbraio 2018

'Sono accuse da fantadiritto quelle nei confronti di Carlo Mancuso e Gianmarco Codraro'', i due antagonisti dei centri sociali accusati di tentato omicidio per il pestaggio di Massimo Ursino, il leader di Forza Nuova di Palermo, avvenuto martedì sera in centro città. Lo ha detto l'avvocato Giorgio Bisagna, il legale dei due giovani arrestati per l'aggressione, nel suo intervento davanti al Gip Roberto Riggio, durante l'udienza di convalida che è in corso nel nuovo Palazzo di giustizia di Palermo. "Non c'è neppure un indizio di elemento di prova - spiega Bisagna - in quanto l'unico elemento dovrebbe essere il riconoscimento del frame del video che è agli atti. Ma avendolo potuto vedere, dire che si possa fare un riconoscimento con quella qualità di significa andare oltre il diritto. Siamo al fantadiritto". La Digos ha allegato agli atti della indagine dei video ripresi da alcuni negozi. Secondo l'accusa sarebbero i visi di Codraro e Mancuso quelli inquadrati. Il legale dei due prosegue: "In ogni caso ho visto il referto del Pronto soccorso di Massimo Ursino, che viene rinviato al medico curante che gli consiglia 5 giorni di riposo. Parlare di lesioni finalizzate all'omicidio, come sostiene il pm, è fuori dalla realtà documentale e fuori dalla realtà dei fatti". In aula è presente, oltre ai due giovani antagonisti, il Procuratore aggiunto Ennio Petrigni che chiede la convalida dei due fermi per tentato omicidio. Il procuratore: avevano la volontà di uccidere I militanti dei centri sociali di Palermo arrestati "avevano la volontà di uccidere". Si era detto convinto di questo ieri il Procuratore aggiunto di Palermo Ennio Petrigni che ha firmato il provvedimento di fermo di Giovanni Codraro e Carlo Mancuso. Un "evento non riuscito - dice il pm - per cause esterne", cioè l'arrivo di passanti che avrebbero evitato il peggio. Nel fermo vengono anche contestati i "futili motivi". Per l'aggiunto, Codraro e Mancuso picchiando a sangue Ursino, che ha riportato la frattura del setto nasale e un leggero trauma cranico, hanno mostrato "la volontà di causare lesioni gravi con l'accettazione del rischio di lesioni legali", cioè la morte di Ursino.

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/palermo-legale-fermati-pestaggio-leader-forza-nuova-da-pm-accuse-fantadiritto-2c9175d0-8555-4a5d-a1de-f966ab3001a1.html




Palermo, l'aggressione al leader di Forza Nuova: i due accusati lasciano il carcere, scatta il divieto di dimora

Convalidato il fermo degli attivisti dei centri sociali Codraro e Mancuso. Non potranno risiedere in provincia di Palermo. Derubricato il reato: l'accusa è ora di lesioni aggravate

Il gip del tribunale di Palermo Roberto Riggio ha convalidato il fermo di Giovanni Codraro e Carlo Mancuso, i due attivisti dei centri sociali accusati del pestaggio del segretario provinciale di Forza Nuova Massimiliano Ursino. I due militanti lasciano il carcere ma scatta la misura cautelare del divieto di dimora in provincia di Palermo con l'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria tre volte alla settimana. Il reato è stato infatti derubricato da tentato omicidio a lesioni aggravate.

Il pestaggio è avvenuto martedì. Ursino è stato accerchiato, legato mani e piedi, e pestato a sangue da un gruppo che con i volti coperti lo ha ferito alla testa a colpi di bastoni. Il pestaggio è accaduto al centro di Palermo, a pochi passi dalla sede di Forza Nuova. Per la vicenda sono stati denunciati a piede libero altri quattro ragazzi, mentre due sono ancora ricercati. Per Giorgio Bisagna, il legale di Codraro e Mancuso, "i frame estratti dalla riprese delle videocamere della zona non sono chiari. Sono bui e ripresi dall'alto e non è per nulla chiaro chi ritraggano. Comunque nomineremo un perito per farli visionare".

Codraro e Mancuso, ieri, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere: i due sono stati interrogati separatamente anche perché non possono avere contatti. Intanto Forza Nuova ha annunciato l'intenzione di costituirsi parte civile.

La decisione del gip arriva nel giorno-chiave per la tensione fra centri sociali e neo-fascisti. Codice alla mano, c'era tempo solo fino a stamattina per decidere sul fermo: la convalida arriva però a poche ore dal corteo dei centri sociali che alle 16,30 sfilerà dal Massimo e dal comizio del leader di Forza Nuova Roberto Fiore, che invece parlerà alle 18,30.

http://palermo.repubblica.it/cronaca/2018/02/24/news/palermo_aggressione_ursino_forza_nuova_codraro_mancuso_fermi-189632954/

repressione
r_sicilia


articolo precedente           articolo successivo