antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Terracina, sparano piombini da unʼauto contro una bici: ferito operaio indiano
- Bologna Aggressione razzista in via Sant'Isaia
- Palermo, caccia al migrante: cinque minori profughi insultati e pestati
- Aprilia, spari da una finestra. Colpito immigrato
- Pistoia, il prete denuncia: "Spari contro un migrante ospite della parrocchia"
- Napoli, spari da uno scooter contro un gruppo di immigrati: ferito un venditore ambulante senegalese
- Immigrato ucciso ad Aprilia, il sospetto di ronde notturne.
- Follia razzista: Rimini Milano Vicenza Partinico
- Leghista litiga con uno straniero ed estrae la pistola in stazione Centrale a Milano: indaga la Polfer
- Sei episodi, otto vittime, immigrati e rom colpiti e feriti con armi ad aria compressa
- Forlì, tiro all'africano con pallini ad aria compressa
- Sparano allo chef immigrato a Napoli: "Ridevano, credevo di morire”

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Pontida, nel santuario della Lega Salvini contestato da diciassettenne: "Fascista, rovini l'Italia"
- "Sgomberate la sede abusiva di Casapound". L’appello del sindaco Pascucci a Salvini e Raggi
- "Chiedo con forza le dimissioni del Ministro Fontana. Le sue dichiarazioni violano la Costituzione" Carla Nespolo - Presidente nazionale ANPI
- Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova
- Verona, il writer che combatte il fascismo con i colori
- Cesena Forza Nuova al liceo, appello del Comune all’autorità di ps
- Cesena Manifestazione di Forza Nuova davanti ai licei, 50 prof: "Sbagliato autorizzarla lì"
- Roma, corteo di donne affronta militanti CasaPound: "Qui i fascisti non li vogliamo"
- Udine, rassegna jazz lascia la città: “Non collaboriamo con il nuovo sindaco che ha vinto con i voti dei neofascisti”
- Migranti, marcia No Tav contro estremisti di destra: scontri con la Gendarmeria al confine tra Italia e Francia
- Ufficiale: Bologna vieta gadget e spazi pubblici a fascisti e razzisti

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
26.07.18 Trattavia, le motivazioni della sentenza vanno lette ricordando stragi neofasciste, golpe e P2
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 3.02.18
Macerata, Forza Nuova difende l'autore della sparatoria: "Pieno sostegno a Luca Traini"
·
Sparatoria Macerata, Salvini: “Immigrazione incontrollata porta a scontro sociale”. Saviano: “Lui mandante morale”

Mentre i leader di Fratelli d'Italia e Lega vedono in quanto accaduto le conseguenze delle politiche sbagliate del centrosinistra, lo scrittore Roberto Saviano dice: "Il leader del Carroccio è il mandante morale". Forza nuova al fianco di Luca Traini: "Pieno sostegno"

Condanne nette, distinguo, strumentalizzazioni politiche. Ma anche sostegno netto all’autore della sparatoria. Quanto accaduto oggi a Macerata è diventato il tema principale della giornata politica. Il centrodestra accusa la sinistra di esser colpevole dell’insicurezza creata da politiche sbagliate in tema di accoglienza degli immigrati, la sinistra risponde accusando il centrodestra di strumentalizzare i fatti di cronaca e alimentare l’odio. Chi è più a destra di tutti, invece, si divide: Casa Pound condanna l’accaduto e invita a non usarlo per fini politici, mentre Forza Nuova sostiene senza mezzi termini l’autore della sparatoria.

Forza nuova: “Sosterremo le spese legali di Traini” – “Sarà politicamente scorretto, sarà sconveniente, in campagna elettorale nessuno farà un passo avanti, ma oggi noi ci schieriamo con Luca Traini“. Il messaggio che arriva da Forza Nuova è chiarissimo: pieno sostegno all’autore della sparatoria di Macerata, dove il 28enne ha sparato in strada ad alcuni immigrati, ferendone sei. Un sostegno non solo verbale, come spiegato in una nota. “Questo succede quando i cittadini si sentono soli e traditi, quando il popolo vive nel terrore e lo Stato pensa solo a reprimere i patrioti e a difendere gli interessi dell’immigrazione – hanno fatto sapere gli esponenti di estrema destra – Mettiamo a disposizione i nostri riferimenti per pagare le spese legali di Luca, a non farlo sentire solo e a non abbandonarlo”.
Forza Nuova, poi, collega direttamente l’azione di Luca Traini all’omicidio della 18enne Pamela Mastropietro: “Già ci immaginiamo le condanne dell’ANPI, degli antifascisti vari e di chi serve la causa della sostituzione etnica – si legge nella nota – Già sentiamo lo sdegno dei palazzi e dei salotti tv. Noi invece – è la conclusione del comunicato – abbiamo nelle orecchie il pianto straziato della famiglia di Pamela e il grido di rabbia di un’Italia che vuole reagire e non morire d’immigrazione”.

Salvini e Meloni se la prendono con le politiche del centrosinistra – Quella di Forza Nuova è una voce fuori dal coro fino ad un certo punto. Perché se è vero che da destra nessuno sostiene apertamente il raid di Traini (un passato da candidato alle comunali con la Lega Nord e prima ancora vicino a Forza Nuova e Casa Pound, che però smentisce), è altrettanto vero che alle condanne si accompagnano dei distinguo assai significativi. Come quello di Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia. “Italia in piena emergenza sicurezza. Oggi una sparatoria, un gesto folle da criminali squilibrati, senza alcuna possibile giustificazione. Così si è ridotta l’Italia in mano alla sinistra” ha detto la candidata premier di Fdi, strumentalizzando la vicenda di cronaca per fini elettorali. “Chiediamo condanne esemplari e certezza della pena per chi attenta alla sicurezza dei cittadini” ha aggiunto Meloni, sottolineando che “è tempo che gli Italiani tornino a credere in uno Stato che garantisca loro sicurezza, ordine e legalità”. Non troppo diverso il parere di Matteo Salvini: “Non vedo l’ora di andare al governo per riportare sicurezza in tutta Italia, giustizia sociale, serenità. Chiunque spari è un delinquente, a prescindere dal colore della pelle”. Il segretario della Lega, tuttavia, dopo aver condannato gli spari ha inserito l’accaduto in un contesto politico, esattamente come fatto dalla Meloni: “È chiaro ed evidente che un’immigrazione fuori controllo, un’invasione come quella organizzata, voluta e finanziata in questi anni, porta allo scontro sociale – ha precisato il candidato premier – Quindi nei termini previsti dalla legge, con la certezza della pena conto di riportare sicurezza e tranquillità nelle nostre città”. Il leader della Lega, poi, ha aggiunto che “purtroppo violenza chiama violenza”. Poi la spiegazione: “La condanna e la certezza della pena sono alla base di ogni società civile, detto questo bisogna bloccare ulteriori arrivi”. Questo perché “al di là degli omicidi, quanti stupri, scippi, rapine, furti, violenze e aggressioni quotidiane sono fatte da clandestini che non dovrebbero essere in Italia?”.

Saviano: “Salvini è mandante morale di Traini” – Insomma: per Salvini e Meloni quanto accaduto a Macerata è l’effetto nonché la conseguenza delle politiche di accoglienza del centrosinistra. Non tutti, ovviamente, la pensano così. “Invito gli organi di informazione a definire i fatti di Macerata per quello che sono: un atto terroristico di matrice fascista. Ogni tentativo di edulcorare o rendere neutra la notizia è connivenza“: questo il parere di Roberto Saviano su Twitter. Lo scrittore, inoltre, non ha avuto dubbi nell’individuare il colpevole indiretto di quanto accaduto a Macerata: “Il mandante morale è Matteo Salvini – ha detto Saviano – Lui e le sue parole sconsiderate sono oramai un pericolo mortale per la tenuta democratica. Chi oggi, soprattutto ai massimi livelli istituzionali, non se ne rende conto, sta ipotecando il nostro futuro”. Non si è fatta attendere la risposta di Salvini: “La responsabilità morale di ogni episodio di violenza che accade in Italia è di quelli che l’hanno riempita di clandestini”.

Grasso e Renzi: spirale di odio e violenza – Sulla stessa linea d’onda il centrosinistra. L’accusa a Salvini è sempre la stessa: strumentalizzare il fatto di cronaca per fini di propaganda elettorale. “Chi, come Salvini, strumentalizza fatti di cronaca e tragedie per scopi elettorali è tra i responsabili di questa spirale di odio e di violenza che dobbiamo fermare al più presto. Odio e violenza che oggi hanno rischiato di trasformarsi in una strage razziale. Il nostro paese ha già conosciuto il fascismo e le sue leggi razziali. Non possiamo più voltarci dall’altra parte, non possiamo più minimizzare” ha scritto su Facebook Pietro Grasso presidente del Senato e leader LeU. Anche Matteo Renzi ha scelto i social network per esprimere il suo parere: “Dopo i fatti di Macerata, vorrei fare un appello a tutti, ma proprio a tutti, alla calma e alla responsabilità. L’uomo che ha sparato, colpendo sei coetanei di colore, è una persona squallida e folle. Ma lo Stato è più forte di lui. Quell’uomo si è candidato con la Lega Nord e oggi ha sparato anche alla sede del Pd di Macerata: verrebbe facile tenere alta la polemica verso chi ogni giorno alimenta l’odio contro di noi. Ma sarebbe un errore: è tempo di calma e di responsabilità, davvero”. Laura Boldrini, invece, se la prende direttamente con Matteo Salvini: “Quanto accaduto oggi a Macerata dimostra che incitare all’odio e sdoganare il fascismo, come fa Salvini, ha delle conseguenze: può provocare azioni violente e trasforma le nostre città in un far west seminando panico tra i cittadini. Basta odio, Salvini chieda scusa per tutto quello che sta accadendo”.

Gentiloni: “Fermiamo questa spirale di odio”

Berlusconi: “Problema è sicurezza. Rischio scontro sociale” – Diversa l’analisi di Silvio Berlusconi. Per il leader di Forza Italia, infatti, “quanto è accaduto a Macerata sembra il gesto di uno squilibrato, che merita la più ferma condanna, ma che non può essere ricondotto a una lucida connotazione politica“. Per l’ex Cavaliere, invece, “questo drammatico episodio richiama però ancora una volta l’attenzione sul problema della sicurezza nelle città, anche perché è serio il rischio che gravi episodi di cronaca alimentino tensioni e scontri sociali fino a degenerare in folli esplosioni di violenza come quella di oggi”.

L’unica condanna netta? Quella di Casa Pound – Nel fiume di reazioni, tra distinguo e strumentalizzazioni, l’unica condanna netta per l’operato di Luca Traini arriva paradossalmente da Casa Pound. “Il gesto dello squilibrato che a Macerata ha aperto il fuoco sugli stranieri va condannato senza esitazioni, si tratta di un atto criminale per cui non ci sono giustificazioni”. Parola di Luca Iannone, presidente di CasaPound Italia, secondo cui “l’immigrazione incontrollata resta un problema grave, a cui tuttavia va data una risposta politica e nel quadro della legge. Invitiamo la sinistra a non strumentalizzare la vicenda di Macerata – ha detto – che peraltro nei giorni scorsi è stata teatro di una terribile tragedia legata proprio al mondo dell’immigrazione. Affermiamo altresì che il responsabile della sparatoria di Macerata non è tra i tesserati di CasaPound, come qualcuno ha affermato, e che il movimento si tutelerà legalmente contro ogni illazione in questo senso”.

Di Maio: “Silenzio, non strumentalizziamo” – Di Maio invece ha deciso di non schierarsi: “Lancio un appello a tutti i leader dei partiti su quello che è successo a Macerata: stiamo in silenzio e non facciamo campagna elettorale sulla pelle della ragazza uccisa e dei feriti di oggi – ha detto il candidato premier del Movimento 5 Stelle – Ho visto già che è partita la querelle tra i partiti politici, con accuse reciproche. Io faccio un appello alla sobrietà e al rispetto sia dei feriti di oggi sia della vittima di qualche giorno fa. Non è possibile che anche su una tragedia del genere si debba iniziare a fare la campagna elettorale”.

Lega divisa, Maroni: “Criminale fascistoide, non c’entra nulla con la nostra storia” – “Che orrore. Questo è un criminale fascistoide, non c’entra nulla con la gloriosa storia della nostra grande #LegaNord” ha scritto Maroni su Twitter. Un concetto, quello di distinguere la Lega di oggi da quella che fu, riproposto da Gianni Fava, rappresentante della minoranza nel Consiglio federale della Lega e assessore all’Agricoltura della Lombardia: “Questa deriva provoca in me un profondo senso di vergogna. Spero che gli attuali vertici prendano una posizione netta, non solo dissociandosi da questo schifoso episodio, ma ricollocando il movimento sui giusti binari e chiarendo una volta per tutte che un glorioso movimento come la Lega Nord non può diventare il ricettacolo di squilibrati estremisti lontano anni luce dai nostri valori fondanti. Resto in trepida attesa di un segnale inequivocabile”.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/02/03/macerata-forza-nuova-difende-lautore-della-sparatoria-pieno-sostegno-a-luca-traini/4134933/

iniziative_fasciste
r_nazionale


articolo precedente           articolo successivo