antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Raggi: “Presto saranno rinominate le vie di Roma intitolate a chi aderì al Manifesto della razza”
- Monza, tensione in centro tra Antifascisti e CasaPound. La Polizia carica
- "Niente spazi pubblici ai fascisti": patto di 5 Comuni del Bolognese
- Catania: manifestazione contro l'apertura della sede di Casa Pound
- Banchetto di Leverano Casapound in piazza, volano pugni e parole grosse
- Perugia CasaPound, 47 accademici chiedono no alla manifestazione
- Modena Manifestazione Antifascista Violente cariche della polizia
- Modena venerdi 15 dicembre h.20.30: fermiamo il corteo neonazista!
- Forlì, in 500 al corteo dopo i tafferugli con Forza Nuova
- Blitz fascista, sit-in davanti a Repubblica e Espresso
- Bologna Montagnola, presidio e tensione E fra le fiaccole spunta CasaPound
- Milano, scontri tra militanti di Forza Nuova e antagonisti

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"
8.12.17 Se CasaPound entra anche nelle scuole: la sua associazione studentesca ha 200 rappresentanti in Italia
6.12.17 Fascisti su Facebook, ecco i gruppi segreti con cui la galassia nera fa proseliti sul web
18.11.17 Milano L'avanzata neofascista, l'estrema destra tra periferie e lotte interne
16.11.17 La violenza di CasaPound a Ostia
15.11.17 Tutti i soldi e le società di CasaPound e Forza Nuova: così si finanziano i partiti neofascisti
9.11.17 Ostia, le bugie di CasaPound su Roberto Spada e quegli affari della leader Chiaraluce
7.11.17 La bolla di Casapound ad Ostia e l’eccezionalizzazione dei fascisti
5.11.17 Forza nuova Holding 2: Così ha provato a piazzare anche un quadro di Gauguin
4.11.17 Forza Nuova Holding: dai dentisti ai compro-oro, il tesoro milionario dei "poveri patrioti"
2.11.17 Tartarughe frecciate e inquinamento nero
27.10.17 Ex Forza Nuova:"Ora vi spiego Fiore e a che servono le ronde"
26.10.17 L'alleanza nera degli ultras romani: il caso Anna Frank è solo l'ultimo episodio
15.10.17 Casa Pound Milano S.p.a. – reportage 1 Pivert
2.10.17 Esclusivo: anche Matteo Salvini ha usato i soldi rubati da Bossi
17.09.17 Gran Bretagna: La minaccia dell'estrema destra islamofoba
27.08.17 “Addestrati e armati”. I gruppi neonazisti spaventano l’Europa
26.08.17 Wu Ming La polizia contro Pasolini, Pasolini contro la polizia
24.08.17 «Lealtà e Azione» fa la sua comparsa anche a Bologna
23.08.17 Le Fantasie Virili Di Ludwig

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |

pubblicato il 16.12.17
Perugia CasaPound, 47 accademici chiedono no alla manifestazione
·
L’insicurezza che assale i soggetti spinge a sfogare la paura e la frustrazione contro coloro che percepiamo ancora più deboli

14 dicembre 2017

PERUGIA – Appello di accademici contro la manifestazione di Casa Pound a Perugia. “Come accademici e studiosi – dicono – intendiamo denunciare i valori portati avanti dal movimento di Casa Pound che il 16 dicembre manifesterà nella nostra città di Perugia. La crisi sociale che precipita sempre più in basso, frutto di un capitalismo neo-liberista che accresce le diseguaglianze, togliendo speranza e futuro ai giovani, schiacciati dai fantasmi della disoccupazione e della distruzione del welfare state, produce il ritorno di valori regressivi come il razzismo, la xenofobia, la mixofobia, l’omofobia, il maschilismo.

L’insicurezza che assale i soggetti spinge a sfogare la paura e la frustrazione contro coloro che percepiamo ancora più deboli. In assenza di una soggettivazione di classe che incanali la rabbia contro l’elite economica che sta acquisendo privatamente la gran parte delle risorse economiche, depredando i beni pubblici e comuni, la protesta si rivolge sterilmente ed inumanamente contro gli stranieri, i migranti, i devianti, considerati responsabili del cosiddetto “degrado”.

Lo stesso atomismo competitivo che anima il neo-liberismo, veicolato dall’industria culturale, viene da movimenti come Casa Pound e Forza Nuova rideclinato in chiave collettiva come sistema di esclusione della diversità culturale ed etnica, richiamandosi ad un identitarismo nazional-popolare fuori dal tempo, ma funzionale al depistaggio cognitivo utile ad assolvere i veri responsabili della crisi (investitori finanziari, azionisti delle multinazionali e tutti i politici e professionisti ad essi asserviti nelle varie oligarchie cittadine, in genere composte da “purissimi” italiani)”.

“In tal modo risorge ciò che non si può chiamare che in un modo: il fascismo, che si addensa inquietante all’orizzonte futuro dell’aggravarsi della crisi, come avvenne negli anni trenta. Per questo è necessario che la città di Capitini, la Perugia multietnica e democratica, e la regione di San Francesco dicano un secco no a questo ritorno al passato, riaffermando i valori della Costituzione antifascista nata dalla Resistenza”.

A firmarlo Salvatore Cingari, Mauro Volpi, Enrico Terrinoni, Elisa Fiorucci, Annalisa Volpone, Alessia Fiorillo, Manuel Anselmi, Renato Tomei, Carlo Belli, Fabrizio Scrivano, Piera Margutti, Roberto Dolci, Andrea Maori, Filomena Laterza, Laura Diafana, Gianluca Gerli, Daniela Francisci, Mauro Pichiassi, Derek Boothman, Maristella Pitzalis, Livio Fanò, Enza Caruso, Paola Falteri, Matteo Duranti, Scilla Passeri, Federica Lanzi, Giulia Vitali, Flavia Baldassarri, Daniela Gigante, Giorgia Ballarani, Simone Pacetti, Aurora Caporali, Giovanna Scocozza, Daniele Parbuono, Fabrizio Pompei, Roberta Pompili, Carlo Cardellini, Valeria Marsili, Andrea Capotorti, Cristina Montilli, Stefania Tusini, Manuela Casasoli, Stefano Anastasia, Federico Batini, Irene Scierri, Michele Capurso e Roberto Vetrugno.

http://www.umbriajournal.com/politica/casapound-47-accademici-chiedono-no-alla-manifestazione-255763/




Corteo CasaPound, M5S difende antifascismo e prende distanze

Ma si comincino a pretendere risposte rispetto ai bisogni dei cittadini
15 dicembre 2017

Il M5S condivide la necessità di difendere il valore costituzionale dell’antifascismo, un patrimonio acquisito del nostro Paese, ed è contrario a qualsiasi tentativo di strumentalizzazione a fine politico delle problematiche, che oggettivamente la nostra città da tempo vive sul tema sicurezza, anche a causa della politica del negazionismo portata avanti per anni. Riteniamo che alcuno, nel manifestare liberamente il proprio pensiero, così come prevede la Costituzione, possa predicare valori e sentimenti che non rientrIno nel patrimonio acquisito di valori del nostro Paese; in primis, lo ripetiamo, l’antifascismo.

Rifuggiamo l’idea che politiche della contrapposizione tra “autoctoni” e “stranieri” possa ritenersi legittima e fruttifera. Occorre combattere con determinazione, ciascuna Istituzione con le proprie competenze, fenomeni di degrado e delinquenziali, da chiunque provengano. Purtroppo, le politiche repressive non sono sufficienti ad arginare fenomeni, anche di microcriminalità, spesso dettati dalla mancanza di politiche sociali e di prevenzione, di competenza anche degli enti locali, di cui le Forze dell’Ordine hanno assoluto bisogno per poter arginare con la repressione i fenomeni delinquenziali.

Ed, allora, si comincino a pretendere risposte dalle Istituzioni competenti, rispetto ai bisogni dei cittadini, anche quelli maggiormente in difficoltà, se si vuole essere interlocutori politici seri, anziché – e speriamo che ciò non accada – fomentare sentimenti di contrapposizione, che non hanno ragione di esistere.

Le istanze in tal senso del M5S sono una voce isolata, nel panorama politico locale. E, la conferma che la necessità di fare politiche serie di prevenzione, anche di carattere sociale, sia strumento indispensabile ed oggi mancante, ce lo hanno confermato tutte le Istituzioni che hanno poi il compito di agire sul piano della repressione. Anche nella visita fatta, taluni mesi or sono, al Carcere di Capanne, è emerso che tale aspetto è fondamentale.

La rieducazione e il reinserimento sociale non sono, infatti, possibili senza che le Istituzione preposte facciano, prima e dopo, le politiche sociali e di sostegno che servono. Ormai, le seconde generazioni di persone immigrate nel nostro territorio sono parte integrante del nostro tessuto sociale, come lo sono i loro genitori, e perché l’integrazione proceda secondo i giusti binari e produca quella ricchezza di cui l’incontro di culture è fonte, occorre che quartieri e frazioni della città, come Ponte San Giovanni, abbiano il giusto sostegno e le giuste politiche di valorizzazione e lotta al degrado, sotto qualsiasi forma, anche con politiche di riqualificazione, oggi mancanti.

Pertanto, il M5S, pur rispettando il diritto costituzionale alla libertà di manifestare il proprio pensiero, prende e prenderà le distanze da qualsiasi atteggiamento, pensiero e tentativo di strumentalizzazione volti a denigrare quartieri della città, che sicuramente hanno le loro difficoltà, ma che non hanno bisogno della contrapposizione, ma, piuttosto di isolare i fenomeni che impediscono i giusti percorsi di integrazione. E, riteniamo che i cittadini di Ponte San Giovanni, come hanno già fatto, sapranno dare la giusta risposta.
M5S Perugia

http://www.umbriajournal.com/politica/corteo-casapound-m5s-prende-distanza-255933/

manifestazioni antifa


articolo precedente           articolo successivo