antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena Bomba carta e bottiglie molotov contro il centro di accoglienza per migranti
- Sondrio, insulti razzisti poi calci e pugni: senegalese in ospedale
- Raid punitivo contro alloggio di migranti: Piacenza, tre indagati
- Pisa, ancora un’aggressione omofoba: “Fate schifo”, poi sputi e pugni
- Genova Frasi razziste a immigrato, poi botte
- Sparano a uno straniero ed esultano, due persone nei guai nel Modenese
- Migrante pestato a sangue a Sassari Un 22enne della Guinea aggredito da cinque ragazzi in pieno centro
- Roma, spedizione razzista contro il fioraio a Cinecittà
- Bagheria, «Calmati fratello» e scatta il pestaggio: immigrato picchiato senza motivo con un cric
- Terracina, sparano piombini da unʼauto contro una bici: ferito operaio indiano
- Bologna Aggressione razzista in via Sant'Isaia
- Palermo, caccia al migrante: cinque minori profughi insultati e pestati

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake
- Libro sulle "atrocità partigiane", l'Anpi di Reggio Emilia contrattacca: presidio e minacce di denuncia
- San Lorenzo: Forza Nuova sfregia murales ai partigiani, che viene ripristinato dopo un’ora
- Trieste, doppio corteo: CasaPound e antifascisti in piazza
- Venaria, il sindaco toglie i fiori lasciati sulla tomba da CasaPound: “Non c’è spazio per i fascisti”
- Comunicato ANPI – La Liberazione di Predappio
- Cristiani, islamici, ebrei: a Trieste tutti uniti contro CasaPound
- Aggressione squadrista a Lanciano: risarcimento alla vittima e donazione a Ong Mediterranea
- Pizzarotti nega la sala civica a Forza Nuova: "Parma è antifascista"
- Trento C'è Di Stefano per CasaPound e gli anarchici lo ''accolgono'' con fumogeni e petardi: ''Via i fascisti''
- Bari, aggressione al corteo antifascista in via Crisanzio: blitz con mazze e catene

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
18.11.18 CasaPound e Forza Nuova a confronto
14.11.18 FBI: Milizia neo-nazista addestrata dall'esercito americano in Ucraina, ora prepara i Suprematisti bianchi degli USA
12.11.18 Veneto Fronte Skinheads, radiografia dell'associazione
12.11.18 Così i neofascisti assediano Brescia
11.11.18 Il governo di Varsavia marcia con l’estrema destra europea
29.10.18 CasaPound non paga neppure le bollette: debiti per centinaia di migliaia di euro
17.10.18 Processo Cavallini, Ansaldi parla di Fioravanti: ''È un uomo della P2''
12.10.18 I legami pericolosi tra il partito di Matteo Salvini e la 'ndrangheta
24.09.18 Stati nazisti d’America, tra svastiche, Hitler e sostenitori dello "sterminio necessario"
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
26.07.18 Trattavia, le motivazioni della sentenza vanno lette ricordando stragi neofasciste, golpe e P2
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 6.08.17
Mantova, giovane aggredito da dieci naziskin in un bar del centro storico: nessuno interviene
·
Ragazzo pestato dai naziskin nel centro di Mantova

E' successo sabato sera davanti ad un locale di via Calvi. I partecipanti al raid sarebbero stati tutti identificati dai testimoni

Spedizione punitiva di un gruppo di naziskin in pieno centro città. Sono volati sedie e tavoli. Un ragazzo è stato brutalmente colpito in pieno volto ed è finito in ospedale. Decine di giovani hanno assistito alla violenta e fulminea aggressione e alcuni di loro sono rimasti colpiti nella colluttazione prima della rapida fuga della banda. È accaduto nella tarda serata di sabato in via Calvi, di fronte alla Camera di Commercio. Due Volanti, a sirene spiegate, sono arrivate sul posto nel giro di pochissimi minuti, ma i nazi se n’erano già andati.

Con le descrizioni fornite dai testimoni, però, e dalla stessa vittima del pestaggio, gli aggressori sarebbero stati tutti identificati. Si tratta di giovani già noti per la loro appartenenza ai gruppi neofascisti e per essere già stati coinvolti in altre analoghe azioni. Con loro anche alcune ragazze. Ma veniamo all’episodio di sabato sera. Sono circa le undici. Il Teatro delle birre di via Calvi è pieno di ragazzi e molti di loro sono seduti sui tavolini di fronte al locale. All’improvviso irrompe nella piazza un gruppo di giovani. Teste rasate e croci celtiche tatuate sulle braccia. Si muovono come se stessero cercando qualcuno. Tra di loro ci sono anche tre ragazze che entrano nel pub e ordinano una birra.
I maschi invece, dopo essersi aggirati tra i tavolini del locale, individuano la loro preda. Si chiama Lorenzo. I neofascisti si avvicinano a lui e uno di loro sbotta: «Ti abbiamo cercato e ti abbiamo trovato». Il giovane tenta di reagire ma viene di nuovo insultato, ce l’hanno con la maglietta che indossa.
Lo strattonano e poi, all’improvviso, viene colpito da una sberla. Subito dopo uno del gruppo, grande e grosso, si avvicina e gli sferra un pugno violentissimo al volto. Uno contro cinque. Lorenzo cade a terra. Volano le sedie e i tavoli.
La piazza si riempie di urla e di testimoni. Qualcuno chiama la polizia e sul posto accorrono, a sirene spiegate due volanti. Ma il gruppo di naziskin è già sparito.
Gli agenti cominciano a raccogliere le testimonianze dei presenti, compresa quella della vittima del pestaggio. Gli aggressori vengono riconosciuti, uno in particolare che, a quanto pare, abita a San Benedetto Po.
Dopo aver reso le sue dichiarazioni ai poliziotti Lorenzo si è fatto accompagnare al pronto soccorso dove si è fatto medicare.
Quando i naziskin sono arrivati in via Calvi qualcun altro, che si trovava nella birreria, li ha riconosciuti e si è dileguato: «Temevo che se la prendessero anche con me e con un amico – racconta un giovane – allora ho preferito andarmene per evitare altri guai al gestore del locale».
La polizia nel frattempo avrebbe già identificato l’intero gruppo protagonista del blitz. La maggior parte dei nazi proviene dalla provincia di Verona.

http://gazzettadimantova.gelocal.it/mantova/cronaca/2017/08/06/news/aggressione-fascista-in-centro-picchiato-un-giovane-1.15701693

Il sindaco: pestaggio dei naziskin fatto molto grave. La Boje: un’azione preparata


«Un fatto grave che non va sottovalutato». Così il sindaco Mattia Palazzi commenta l’aggressione subìta sabato sera da un ragazzo ad opera di un gruppo di naziskin

MANTOVA. «Un fatto grave che non va sottovalutato». Così il sindaco Mattia Palazzi commenta l’aggressione subìta sabato sera da un ragazzo ad opera di un gruppo di naziskin. «I responsabili - aggiunge il primo cittadino - vanno puniti». Non solo. «È necessario - ammonisce Palazzi - che tutte le forze politiche e sociali condannino il formarsi di gruppi di estrema destra, neofascisti, che nella storia hanno sempre e solo prodotto violenza e razzismo». La conclusione: «Devono sapere che Mantova non può essere la loro città». Solidarietà al giovane pestato viene espressa anche da Fausto Banzi, segretario provinciale di Sinistra italiana: «Siamo a sua disposizione nel caso avesse bisogno di qualcosa». E aggiunge: «In tutt’Italia le organizzazioni xenofobe e neo fasciste stanno rialzando la testa. Visto che si tratta di gente che viene da fuori il questore dia loro il foglio di via». Di «azione preparata» parla Enrico Lancerotto di la Boje: «Lo schema è semplice - dice -: attaccare chi non è direttamente attivista per intimidirlo e creare paura verso chi rifiuta il sistema di idee reazionarie proposte da Forza Nuova, Casa Pound e Veneto fronte skinhead».




La vittima ha detto ai poliziotti di essere stato picchiato perché di sinistra. Aggressori già identificati: sono neonazisti della provincia di Verona



Un gruppo di naziskin, teste rasate e tatuaggi celtici sulle braccia, ha aggredito un giovane di 25 anni mentre era al bar con gli amici nel centro storico di Mantova. "Mi stavano cercando per le mie simpatie di sinistra", ha poi spiegato alla polizia il giovane che si è fatto medicare al pronto soccorso dell'ospedale Poma per una serie di pugni ricevuti al volto. La spedizione punitiva è avvenuta nella tarda serata
di ieri alla presenza di molti avventori del locale che non avrebbero alzato un dito per difendere il giovane aggredito.

I naziskin, una decina di persone, dopo aver picchiato il giovane, alla vista degli agenti di Polizia sono fuggiti facendosi strada tra le persone sedute ai tavolini. Grazie poi alle testimonianze di alcuni presenti, gli aggressori sono già stati identificati: si tratterebbe di giovani appartenenti a un gruppo neonazista della vicina provincia di Verona.

http://milano.repubblica.it/cronaca/2017/08/06/news/mantova_aggredito_dai_naziskin-172532311/?ref=fbplmi

azioni_fasciste
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo