antifa home page
Il Progetto

magliette
Sostieni il progetto

Segnalazioni e commenti


su Twitter @Infoantifa
manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
� Profughi e accoglienza: alta tensione e scontri a Carpi. Forza Nuova e antagonisti a contatto
â? Bologna due agosto: La strategia delle stragi non è mai finita
� Pontedera Verso la costituzione di un comitato antifascista
� Padova Scontro sullo ius soli, guerriglia nelle piazze
� Ostia: 80 migranti al mare nella spiaggia delle ronde di CasaPound
â? Chioggia, lido fascista con immagini di Mussolini: indaga la Digos. L’Anpi chiede la revoca della concessione balneare
� Virginia, scontri tra membri del Ku Klux Klan e manifestanti antirazzisti
� Roma. Un popolo sbarra la strada ai fascisti sulla Tiburtina
â? Bologna Cariche al S.Stefano per difendere l’iniziativa fascista
â? Educazione all’affettività, USB Bologna: 29 giugno in piazza contro bufala”Gender”

ARCHIVIO COMPLETO
INTERNAZIONALE
ARCHIVIO REGIONI

Links
¡ ANCR
¡ ANPI
¡ ANPI Pianoro
¡ ANPPIA
¡ Antifascismo
¡ Archivi della Resistenza
¡ Brigata Fratelli Rosselli
¡ Brigate di Solidarietà Attiva
¡ Campi di Sterminio
¡ Circolo Giustizia e Libertà
¡ controappuntoblog
¡ dax resiste
¡ Fondazione Cipriani
¡ Fondazione Memoria della Deportazione
¡ fuochi di resistenza
¡ Giuseppe Scaliati
¡ Informa-azione
¡ La resistenza sconosciuta
¡ Maldestra radio
¡ Misteri d'italia
¡ Ngvideo antifa
¡ Nuova alabarda
¡ Osserv. dem. antifa
¡ Paolo Dorigo
¡ Parma Antifascista
¡ puglia antagonista
¡ Radio Vostok
¡ rednest.org
¡ Reti invisibili
¡ Staffetta
¡ Storie dimenticate
¡ Stragi di stato ipertesto
¡ Trento antifascista
¡ Valerio Verbano
¡ Verità per Renato
¡ Wu Ming
¡ Zic

calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |

pubblicato il 1.07.17
Bologna Cariche al S.Stefano per difendere l’iniziativa fascista
·
Lo segnala Làbas, invitando chi può a raggiungere via Orfeo: la polizia è intervenuta fuori dal centro sociale “senza alcun motivo”, dopo che il quartiere è stato “sequestrato con centinaia di agenti”.

“La Polizia ha caricato le persone fuori da Làbas senza alcun motivo! Durante il mercato, con i bambini che fanno le attività e i cittadini e le cittadine che sono venute a fare la spesa al mercato biologico di Campi Aperti. Vergogna! Tutto questo per mettere in sicurezza i fascisti che faranno un incontro stasera al Baraccano! Venite tutte e tutti a Làbas”. E’ il messaggio diffuso poco fa dal centro sociale di via Orfeo su Facebook, in riferimento all’annunciata presentazione di un libro su Sergio Ramelli. Poco prima, Làbas aveva segnalato che le forze dell’ordine per consentire l’iniziativa “stanno sequestrando un intero quartiere con centinaia di poliziotti”. A quanto si apprende, le forze dell’ordine hanno di fatto chiuso via Orfeo.

http://www.zic.it/cariche-al-s-stefano-per-difendere-liniziativa-fascista/




Manganellate di fronte a Làbas. “Hanno sigillato la via per difendere i fascisti”

Bologna, 28 giu. – “Fate girare, la polizia ha caricato le persone fuori da Làbas senza alcun motivo”. E’ questo lo status facebook apparso poco prima delle 19 sulla pagina facebook del centro sociale occupato di via Orfeo. Gli attivisti e i frequentatori dell’ex caserma, che il mercoledì tra le altre cose ospita un affollato mercatino contadino, raccontano dell’arrivo di due camionette della celere che, alle 18.30, “hanno sigillato via Orfeo da due lati senza lasciare passare più nessuno”. A quel punto i militanti del centro sociale sono usciti correndo e sono stati caricati dagli agenti. Qualche manganellata, alcuni attivisti contusi e qualche attimo di paura soprattutto per le famiglie con bimbi che ancora affollavano il centro sociale prima dell’acquazzone della serata: questo il risultato dell’azione degli agenti, in forze nel quartiere per presidiare la presentazione di un libro edito da una casa editrice di estrema destra. “Un raduno di fascisti“, l’avevano bollata così gli attivisti di Làbas, che però, al momento dell’arrivo delle camionette (18.30), non avevano dato vita a nessuna forma di protesta contro la presentazione che sarebbe arrivata solo ore dopo. Un’azione preventiva degli agenti? “La verità è che hanno voluto colpire Làbas“, dice Detjon Begaj, attivista del centro sociale e consigliere di quartiere per Coalizione Civica.

“Ero andata in Sala Borsa per prendere dei libri e poi sono tornata a Làbas ma non mi hanno fatto lasciare. Via Orfeo era chiusa, non si poteva passare”, spiega Angela, abitante del quartiere e frequentatrice di Làbas.

“Ho visto la polizia chiudere la strada – racconta Lino, un contadino che il mercoledì vende i suoi prodotti a Làbas – Poi i ragazzi sono usciti e a un certo punto il capo della polizia ha detto ‘caricate’, e gli agenti hanno caricato”.

“Ho visto correre fuori i ragazzi del Labàs e altri che stavano facendo la spesa – racconta Veronica – Dentro i bambini piangevano terrorizzati da quel stava succedendo. All’inizio gli agenti sembravano voler impedire a tutti di uscire o di entrare, e chi stava dentro pensava ad uno sgombero”.

Sui fatti il deputato di Sinistra italiana Giovanni Paglia annuncia un’interrogazione. “In data 28 giugno 2017 a Bologna presso il centro sociale Baraccano è prevista la presentazione di un libro su Sergio Ramelli – scrive Paglia – con la presenza di esponenti di formazioni neofasciste. Tale evento è in evidente contrasto con la memoria antifascista della città e offende tante e tanti cittadini, che hanno chiesto di impedirne lo svolgimento. Per ragioni che dovrebbero essere spiegate, vengono invece inviati blindati delle forze di polizia presso il centro sociale Labas, distante circa 500 metri dal Baraccano, dove è in corso di svolgimento il consueto mercato del mercoledì, frequentato da numerose famiglie della zona. All’uscita di alcune persone dal centro sociale Labas, scattano inoltre cariche da parte della celere, che colpiscono con violenza ripetuta. Non è accettabile, a parere dello scrivente che anziché tutelare la democrazia da forze apertamente neofasciste, si garantisca loro la piena agibilità politica, mentre si utilizzano le forze dell’ordine in contesti pacifici, con modalità che non possono trovare alcuna giustificazione. Chiede Quali siano le ragioni che abbiano indotto ad inviare camionette e celere presso il centro sociale Labas. Perché si siano autorizzate cariche di polizia in un contesto frequentato da famiglie e bambini. Quali misure si adottino a Bologna per contrastare la propaganda e l’iniziativa politica di matrice neofascista”.


http://www.radiocittadelcapo.it/archives/manganellate-di-fronte-a-labas-hanno-sigillato-la-via-per-difendere-i-fascisti-184324/




La Questura racconta la sua, Làbas: “Tutte bugie”


Il collettivo respinge la ricostruzione di piazza Galilei su mercoledì. Solidarietà dall’Xm24. Il Comune si sveglia dopo i saluti romani, perfino dal Pd critiche alla polizia. Dall’ex Masini, intanto, ci si prepara al G20 di Amburgo.
30 giugno 2017 - 17:08

E la Questura, guarda caso, prova a ribaltare tutto: le cariche di mercoledì sera davanti a Làbas sarebbero scattate dopo che il personale di polizia era stato “aggredito” dagli attivisti. Per fornire la propria versione dei fatti, ieri da piazza Galilei è partito addirittura un comunicato stampa. Tutte “bugie”, replica Làbas, diffondendo le testimonianze raccolta tra le persone presenti.

Torniamo alla Questura: secondo il comunicato, durante il servizio di ordine pubblico predisposto per la presentazione del fumetto su Sergio Ramelli al Baraccano, “personale della Polizia di Stato ivi impiegato- in Questura si parla così- veniva aggredito da un gruppo di attivisti provenienti dal centro sociale Làbas, ubicato nella vicina via Orfeo”. Poco dopo le 18, sempre secondo la Questura, “alla vista degli operatori di Polizia e dei mezzi del Reparto mobile fermi in piazza del Baraccano, in attesa di posizionarsi, con ancora tutto il personale a bordo, una decina di esponenti del collettivo Làbas che stazionavano nei pressi dell’ingresso del centro sociale si avvicinavano al personale in servizio urlandogli in modo esagitato di allontanarsi e spintonando ripetutamente un operatore di Polizia”. Si sarebbero poi aggiunte altre “30-40” persone, che “venivano in contatto fisico e spintonavano gli operatori del Reparto che nel frattempo erano scesi dai mezzi e si erano posizionati alla fine di via Orfeo. Data l’inefficacia delle intimazioni verbali a cessare la condotta violenta, il personale disperdeva i manifestanti, facendoli arretrare fino all’ingresso del centro sociale”.

Tutto falso, replica Làbas. “Le bugie della Questura di Bologna hanno le gambe corte. Tra le centinaia di messaggi di solidarietà che ci stanno arrivando”, il centro sociale segnala su Facebook “tre testimonianze di chi c’era. Persone che non si conoscono nemmeno tra di loro ma che esprimono lo stesso punto di vista”. L’immagine che segue ripropone una delle testimonianze (l’articolo continua sotto):

Su quanto accaduto al Santo Stefano sera interviene anche l’Xm24: non c’è stata solo la presentazione di un fumetto su Ramelli, perchè “le strade di Bologna ieri sera (mercoledì, ndr) hanno visto qualcosa di molto più triste ed inaccettabile: slogan ‘boia chi molla’ declamati a gran voce da decine di militanti neo-fascisti, polizia e celere che scortano una manifestazione non autorizzata che si lascia passeggiare nelle adiacenze di porta Santo Stefano mentre si scaglia contro il Circolo Anarchico Berneri. Tutto questo avviene dopo che la stessa celere nel pomeriggio aveva caricato manganellando alcun* compagn* alle porte del Làbas, impedendogli di uscire dal proprio spazio. E’ chiara la doppia misura con la quale vengono gestite le operazioni di ‘degrado’ e ‘sicurezza’: si manganellano gli antifascisti che operano da anni in quartiere, mentre si scortano e proteggono neofascisti che gridano ‘boia chi molla’ facendo braccia tese. Non è una novità l’affetto che lega questura e neo-fascisti, in continuità con i tempi oscuri della storia, tristemente noti specialmente nella nostra città. Non smetteremo per questo di lottare contro tutti i fascismi: quel fascismo declamato ieri sera (mercoledì, ndr) a gran voce da nostalgici in camicia nera, ma anche quello che più strisciante stanno continuando a costruire con un regime di segregazione nelle nostre città, come anche il nuovo cantiere dell’hub, le carceri, i fogli di via e le cariche poliziesche ci ricordano. Al fianco dei compagni e delle compagne colpiti dai manganelli della questura e dagli assalti delle camicie nere, al fianco di chi difende i propri spazi e non permette ai fascisti di strisciare sulle strade della città, al fianco di chi si oppone ad ogni forma di autorità. Al fianco di chi pensa e agisce, si organizza e risponde al concreto pericolo derivante direttamente dal fascismo mai scomparso delle istituzioni”.

Sull’episodio delle cariche davanti a Làbas, intanto, è stata presentata anche un’interrogazione parlamentare (da Sinistra italiana) al ministro dell’Interno, Marco Minniti. E il Comune? Ha battuto un colpo a cose fatte, con una dichiarazione rilasciata oggi dall’assessore Riccardo Malagoli: “Quanto è avvenuto può essere base per il futuro per non contrapporre mai le esigenze della democrazia con la sicurezza delle persone. La democrazia è esigente, perchè dà la possibilità a tutti di esprimersi, all’interno però del dettato costituzionale”. E della Costituzione, continua Malagoli, “non fanno parte le mani tese e i saluti fascisti che si sono visti alla fine in via Santo Stefano, quando un gruppetto di partecipanti usciti dall’iniziativa e scortato dalla Polizia si è esibito con quelle modalità. Un fatto che deploriamo e che ci fa dubitare che la volontà dell’inziativa fosse la semplice presentazione di un fumetto. Bologna citta’ medaglia d’oro della Resistenza non merita tutto questo”. Peccato, però, che il Comune non abbia mosso un dito per evitare il tutto. A questo proposito, Malagoli precisa comunque che il centro sociale Baraccano, dove si è svolta l’iniziativa, ha una convenzione quadro con il Quartiere e “gode di autonomia gestionale. Non concorda col Quartiere le iniziative e il Quartiere non le autorizza”, dunque “non ha potere di vietare le iniziative”.

Che in via Orfeo sia successo qualcosa di particolarmente grave, però, lo dimostra anche il fatto che perfino il Pd abbia deciso di criticare il comportamento della Polizia. “Io non riesco a capire- ha affermato oggi in aula la consigliera Simona Lembi- come sia possibile immaginare la nostra Polizia impegnata a caricare quelli di Làbas, circondati da verdure biologiche mentre giocano coi i bambini, insieme col fatto che la sera sono chiamati a tutelare e difendere un’iniziativa politica in cui si esprime amore per la razza bianca. Siamo sicuri che tutto sia andato per il meglio?”.

Tornando a Làbas, l’episodio di mercoledì non ha ovviamente fermato le attività del centro sociale. Che, tra le altre cose, si prepara a partecipare alla mobilitazione in programma ad Amburgo in occasione del G20, che si svolgerà dal 7 al 9 luglio. Questo il comunicato diffuso insieme al Tpo: “I capi di Stato delle venti potenze economiche globali, insieme a delegazioni di altri Paesi, si incontreranno sulle rive dell’Elba per discutere delle politiche di (non) gestione della crisi economica e sociale che da quasi dieci anni colpisce miliardi di persone in tutto il mondo. Politiche di ristrutturazione del capitale che divergono all’interno dello stesso G20, tra un’opzione conservatrice e sovranista incarnata da Trump, Putin, Erdogan da un lato e dall’altro un’opzione liberal-europeista che trova in Macron, Merkel e Gentiloni i propri rappresentanti. Il teatrino dei ‘buoni’, capeggiati dalla Merkel, che si oppongono alle politiche di chiusura e negazione di Trump, già visto a Bologna durante il G7 sull’ambiente, andrà in scena anche nella città anseatica, in un clima di chiusura degli spazi di agibilità democratica e di vivibilità della città deciso dal governo socialdemocratico amburghese. In quei giorni quelle stesse strade, che i potenti vogliono chiuse e controllate da oltre 10 mila poliziotti, saranno attraversate da centinaia di migliaia di persone, che porteranno ad Amburgo la ricchezza delle lotte che quotidianamente costruiscono nei loro territori. Centri sociali, comitati territoriali, partiti e associazioni si ritroveranno per discutere e connettere le diverse esperienze dirette alla costruzione di un’alternativa da quella impostaci dal capitale fatta di povertà, sfruttamento e guerre. Dal Summit for the global solidarity, al grande corteo unitario dell’8 luglio, passando per il corteo anticapitalista del 6 e le azioni di blocco del 7, le strade di Amburgo saranno percorse e agitate da un conflitto che oppone il basso contro l’alto, le pratiche di autorganizzazione e accoglienza solidale contro le politiche di chiusura e di esclusione, la riappropriazione diretta allo sfruttamento e alla rapina dei territori e delle vite di milioni di persone. Anche da Bologna saremo presenti ad Amburgo per affermare che un altro mondo è possibile e necessario, già presente nella ricchezza dei nostri spazi che costruiamo quotidianamente, insieme a tanti e diversi, per connettere la nostra esperienza di conflitto con le altre e costruire un’Europa delle lotte. Prenderemo parola per confrontarci con altri nelle assemblee durante tutta la settimana, il 6 luglio attraverseremo la città senza accettare i divieti del governo di Amburgo, il 7 bloccheremo il vertice e sanzioneremo le zone blu, gialle e rosse imposte dalla polizia, per concludere nel grande corteo globale dell’8 insieme alle altre realtà della sinistra radicale europee e non. See you in the streets, struggles make Europe. Block G20!”.

http://www.zic.it/la-questura-racconta-la-sua-labas-tutte-bugie/

manifestazioni antifa
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo