antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Milano, luoghi pubblici vietati all'ultradestra: carta dei valori antifascisti contro l'offensiva nera
Torino, Pd e M5S uniti nell’antifascismo: votano sì a mozione per vietare le piazze. La Lega di Salvini si defila e non vota
Bologna Corticella Sabato 11 nov h.15.30: Presidio Antifa
Genova, doppia manifestazione antifascista
Roma, mobilitazione antifascista dell'Anpi. Smuraglia: "Nuova era di tolleranza zero"
Cagliari, in piazza contro Casapound
Trento Attacco anarchico contro Forza Nuova in centro città
Ventimiglia: lancio di urina e feci contro il gazebo di Casapound
Bologna Annullato il seminario del Fuan sulla Siria: "Vittoria degli studenti antifa"
Milano, lancio di uova e sputi contro Salvini in via Giambellino: “Via i fascisti, qui non ti vogliamo”
Genova Via Montevideo, scritte e letame davanti dalla sede di CasaPound: “Chiudere i covi fascisti”
Cesena, approvato il regolamento "antifascista" che spacca il consiglio comunale

ARCHIVIO COMPLETO ARCHIVIO REGIONI

calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |

pubblicato il 1.02.17
Ostia: ragazzo aggredito da cinque fascisti di Casapound
·
Ostia, un ragazzo aggredito da cinque militanti di Casapound mentre si dirigeva verso la sua macchina. Era stato minacciato più volte. Gli abitanti di Ostia denunciano l'escalation di aggressioni di matrice fascista.

Diego Gianella – questo il nome del ragazzo che è stato picchiato da cinque militanti di Casapound – è un attivista di Alternativa Onlus, associazione che opera da tempo sul territorio occupandosi di assistenza ai senza fissa dimora e alle ragazze che vogliono uscire da giri di prostituzione, racket e usura. Molto attivo a Ostia, era già stato minacciato in passato dagli appartenenti all'organizzazione neofascista, che stavolta sono passati all'azione. Ieri, i militanti di Casapound si sono presentati in forza al Municipio - mentre si teneva il primo incontro sul piano regolatore del sociale, “Roma ascolta Roma” - sbarrandone l'ingresso.

Diego ha provato a entrare dall'entrata principale, ma gli è stato impedita con la forza. Nel frattempo, è volato anche qualche spintone tra il ragazzo e i militanti fascisti. Dopo aver subito questo primo soprusso, e resosi contro dell'impossibilità di partecipare all'incontro, Diego si è diretto verso la sua la macchina per tornare a casa. Ma non si è accorto di essere seguito da cinque militanti di Casapound, che poi lo hanno aggredito, buttandolo a terra e picchiandolo violentemente con calci e pugni. Il risultato sono due costole rotte e quindici giorni di prognosi. Diego ha sporto denuncia ai carabinieri di Ostia e ha raccolto tutta la solidarietà del territorio, che non ne può più delle scorribande di Casapound.

Le aggressioni compiute dall'organizzazione fascista negli ultimi anni, a Ostia ma non solo, crescono a una velocità impressionante: in genere i camerati agiscono di notte, coperti dal buio, e se la prendono con persone che spesso si trovano isolate. Come nel caso di Diego che, nonostante sia stato stato picchiato in un parcheggio alla luce del giorno, ha dovuto sostenere un improbabile cinque contro uno. Tutto questo avviene in un clima di silenzio e omertà in cui le forze dell'ordine, che pure erano presenti fuori dal Municipio quando è avvenuta l'aggressione, si guardano bene dall'intervenire contro Casapound. Allo stesso modo, anche le istituzioni continuano a tollerare il fatto che un'organizzazione neofascista violenta e xenofoba continui le sue scorribande completamente impunita.

http://www.dinamopress.it/news/ostia-ragazzo-aggredito-da-cinque-fascisti-di-casapound

azioni_fasciste
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo