antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Migrante pestato a sangue a Sassari Un 22enne della Guinea aggredito da cinque ragazzi in pieno centro
- Roma, spedizione razzista contro il fioraio a Cinecittà
- Bagheria, «Calmati fratello» e scatta il pestaggio: immigrato picchiato senza motivo con un cric
- Terracina, sparano piombini da unʼauto contro una bici: ferito operaio indiano
- Bologna Aggressione razzista in via Sant'Isaia
- Palermo, caccia al migrante: cinque minori profughi insultati e pestati
- Aprilia, spari da una finestra. Colpito immigrato
- Pistoia, il prete denuncia: "Spari contro un migrante ospite della parrocchia"
- Napoli, spari da uno scooter contro un gruppo di immigrati: ferito un venditore ambulante senegalese
- Immigrato ucciso ad Aprilia, il sospetto di ronde notturne.
- Follia razzista: Rimini Milano Vicenza Partinico
- Leghista litiga con uno straniero ed estrae la pistola in stazione Centrale a Milano: indaga la Polfer

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Scontri a Marina Centro, il corteo di Forza Nuova cerca di sfondare il cordone
- Padova Antifascisti cercano di impedire il comizio di Forza Nuova: cariche delle forze dell'ordine in pieno centro
- Grosseto Corteo antifascista, cori e bandiere: in piazza contro il raduno di CasaPound c’è Maremma Antifa
- Roma ricorda Renato Biagetti dodici anni dopo
- Ravenna Scontri e contestazioni durante la cerimonia per Ettore Muti
- Pontida, nel santuario della Lega Salvini contestato da diciassettenne: "Fascista, rovini l'Italia"
- "Sgomberate la sede abusiva di Casapound". L’appello del sindaco Pascucci a Salvini e Raggi
- "Chiedo con forza le dimissioni del Ministro Fontana. Le sue dichiarazioni violano la Costituzione" Carla Nespolo - Presidente nazionale ANPI
- Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova
- Verona, il writer che combatte il fascismo con i colori
- Cesena Forza Nuova al liceo, appello del Comune all’autorità di ps

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
26.07.18 Trattavia, le motivazioni della sentenza vanno lette ricordando stragi neofasciste, golpe e P2
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 21.11.16
Roma, dagli informatori segreti agli agenti tuttofare: ecco l'esercito di Carminati
·
Le talpe in divisa, i tecnici anti-cimici fino al vicequestore. Così l'ex Nar si affidava a una rete di poliziotti e carabinieri infedeli



L'arresto di Carminati del 4 dicembre 2014


Nell'esercito del nero Carminati c'è un mondo di mezzo fatto di divise. Uomini dello Stato, poliziotti e carabinieri, che hanno fatto quadrato attorno al Cecato. C'era chi lo informava di indagini su di lui e chi gli sbrigava la pratica per il passaporto. Chi lo accompagnava a visitare terreni da acquistare e chi si spendeva con importanti costruttori della città per fargli avere case in affitto. Chi gli offriva informazioni su certificati penali e chi gli procurava congegni elettronici per intralciare intercettazioni ambientali. Una rete di "buoni e insospettabili" che hanno garantito a uno dei Re di Roma di girare a testa alta per la città e a rafforzare il suo potere. Quel potere che 4 giorni fa ribadisce dal carcere, avvisando: "Ora sono il diavolo, ma con me prima parlava tutto il mondo".
Il Blog - La mossa del Cecato

GLI INFORMATORI L'ordinanza Mondo di Mezzo racconta di due poliziotti in borghese intercettati al distributore di corso Francia. Parlano con Carminati e gli svelano che la procura sta indagando su di lui. Lo mettono in guardia, informazioni che valgono oro e che consentono al Cecato di muoversi con più cautela. Chi sono? Si tratta di due agenti del commissariato Ponte Milvio, autisti e uomini ombra dell'allora dirigente del commissariato. Sarebbero loro le talpe. E, all'arrivo del questore D'Angelo sono stati spostati da lì, anche se per oltre un anno sono rimasti al loro posto.

L'AUTISTA TUTTOFARE "Tranquillo, ti faccio tutto io". Salvatore Nitti, ispettore ora in pensione, sempre del commissariato Ponte Milvio, ascoltato in udienza lo scorso lunedì come teste di Lacopo (gestore del distributore di corso Francia), ha ammesso, come fosse una cosa naturale, che lui faceva favori a Carminati. Il Cecato lo chiama e lui si mette a sua completa disposizione: lo accompagna quando non ha la macchina, gli dà appuntamento in ufficio e lo mette in contatto con il costruttore Pantanella per fargli affittare un appartamento per il figlio.

IL TECNICO ANTI-INTERCETTAZIONI Massimetto la Guardia, così Brugia e Carminati chiamavano Massimo Ursini, agente di polizia che ha procurato loro un congegno elettronico che contrastasse eventuali intercettazioni ambientali. Poi c'era Giampaolo De Pascali, in servizio alla presidenza della Repubblica per cui è stato predisposto un avviso di conclusione indagini per corruzione.

QUESTORI IN FINMECCANICA Tommaso Profeta, vicequestore della polizia di Stato, già capo della Protezione Civile romana in giunta Alemanno, è stato ascoltato come teste lo scorso 8 novembre. Il pm Luca Tescaroli ha chiesto la trascrizione delle intercettazioni lette in aula dopo la sua deposizione; evidentemente c'è qualcosa da chiarire. Nominato al vertice della sicurezza di Finmeccanica e alle dirette dipendenze del presidente Gianni De Gennaro (ex capo della polizia)non sembra essere legato a Carminati se non per la stessa passione per Finmeccanica. "Lo sai perché Massimo è intoccabile? - dice Buzzi in una telefonata - Perché era lui che portava i soldi per Finmeccanica! Bustoni di soldi! A tutti li ha portati Massimo! Non mi dice i nomi perché non me li dice...tutti! Finmeccanica! Capito?"

http://roma.repubblica.it/cronaca/2016/11/18/news/roma_dagli_informatori_segreti_agli_agenti_tuttofare_ecco_l_esercito_di_carminati-152264350/


La mossa del Cecato


Si affannano a negarne l'esistenza, si inerpicano per terreni impervi e concludono sempre che no, non può essere, la mafia a Roma non c'è.

Se avranno ragione, in punto di diritto, lo stabiliranno i giudici. Ma intanto la realtà si incarica di spuntare le frecce dei negazionisti ad ogni costo.

Così Massimo Carminati prende la parola per dire ciò che potrebbe dire se gli amici e gli amici degli amici lo lasceranno a marcire in galera. "Con me parlava il mondo". Di mezzo e non solo. E Carminati ci tiene a far sapere che quel mondo potrebbe passare per la stretta porta di un tribunale se solo lui decidesse di agevolarne l'ingresso. Se fosse mafia, sarebbe una minaccia preventiva.

Siccome, siamo sub iudice, chiamiamolo avvertimento. I boss, per quel che l'esperienza si è sforzata di dimostrare, parlano a mezze frasi, dicono e non dicono. E se decidono di aprire bocca è sempre per conseguire un obiettivo.

Quello di Carminati che forse non è un boss ma ha tutta l'aria di padroneggiare i fondamentali del ruolo, appare abbastanza esplicito. Per nulla innocente e molto preciso, diretto.

Anche per la circostanza in cui il Cecato ha inteso dichiarare quanto fosse estesa la sua rete di relazioni. Lo ha fatto in difesa di un poliziotto trovatosi nella posizione di cavalier servente e poi, scoperto, a farfugliare di quanto fosse all'oscuro della caratura criminale dell'imputato.

Il Cecato ha rischiato di ammettere implicitamente il proprio ruolo, pur di portare l'affondo. Ha dovuto sostenere di essere talmente in vista da avere una cerchia estesa quanto composita. In virtù di cosa? Perchè mai il mondo avrebbe dovuto parlare con lui?

Ecco perchè la sua uscita, dopo quella diretta ad additare l'Espresso e i suoi giornalisti come vera insidia nella sua fulgida carriera da Re di Roma, è un ulteriore salto di qualità. Negare di essere quello che si è non serve a nulla: ora si tratta di mettere all'incasso tutte quelle chiacchiere con il mondo e garantirsi un salvacondotto.

http://bellavia.blogautore.repubblica.it/2016/11/15/la-mossa-del-cecato/

documentazione
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo