antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 20.11.16
Grecia: Assalto di Alba Dorata a colpi di molotov ai profughi di Chios
·
Tende bruciate, due rifugiati – uno siriano e l’altro algerino- feriti. Volontari del campo: «La polizia sembrava dar man forte ai neonazi»

L’assalto a colpi di molotov, petardi, mazze ferrate e pietre contro un gruppo di 150 migranti, quasi tutti siriani, nell’isola di Chios, avvenuto venerdì notte, non ha fatto morti, ma feriti, sì. E una cinquantina di tende, dove vivevano accampate le famiglie da quest’estate, sono state distrutte, costringendo i rifugiati ad andarsene in fretta e furia con bambini e masserizie. Non si tratta, ovviamente, di un gesto ad opera di cittadini «arrabbiati ed impauriti», come qualcuno vorrebbe far credere, ma di scontri organizzati e messi in atto da membri e simpatizzanti di Alba Dorata.

Il giovane profugo siriano che è stato colpito alla testa da una grossa pietra, è stato ricoverato nell’ospedale di Chios. Un venticinquenne algerino, si trova in terapia intensiva, sempre nello stesso ospedale. È il bilancio di tre giorni di tensioni e attacchi contro il campo profughi di Souda, a Chios, che ospita circa quattromila persone.

Alba Dorata ha organizzato la sua «festa dell’odio» nell’isola, dedicata al «grande tema dell’immigrazione clandestina», e subito dopo – guarda caso – la tensione è salita alle stelle e sono partiti gli attacchi.

Alcuni profughi, molto probabilmente per rispondere alle provocazioni dei neonazisti, si sono impadroniti di fuochi d’artificio, sottratti da un negozio della zona. Hanno cercato di accenderli, ma molti sono caduti all’interno del campo. Un’azione di protesta legata, forse, anche alla paura di venire rimandati indietro in Turchia, e all’esasperazione dovuta alle lunghe procedure burocratiche di registrazione.

Gli estremisti di destra, tramite i social media, si sono dati subito appuntamento all’entrata del campo profughi, brandendo mazze di ferro e aste di legno. È partito anche il lancio di molotov, che hanno incendiato e distrutto decine di tende. Come ha dichiarato al quotidiano Efimerida Syndaktòn una volontaria del campo, dove vivono circa 4 mila profughi, i poliziotti, quando sono intervenuti, hanno rassicurato i profughi che la situazione era tornata alla calma e che non c’era motivo di avere paura. Poco dopo, tuttavia, il lancio di molotov e iniziato nuovamente, come se niente fosse. Quaranta profughi e tre volontari sono stati fermati per la sottrazione dei fuochi d’artificio. Ma quello che dovrebbe venire indagato a fondo, sono le relazioni tra parte degli agenti e i neonazisti autori dell’attacco xenofobo: secondo la stampa locale, alcuni poliziotti, nei momenti ad altissima tensione che ha vissuto Chios, sembravano essere in rapporti tutt’ altro che formali con i neonazisti greci.

Da parte sua, Amnesty International ha chiesto alla giustizia greca «di mobilitarsi immediatamente per poter individuare i responsabili di questi reati» e per riuscire a proteggere i profughi dai continui attacchi dell’estrema destra. Anche l’Alto commissariato Onu per i rifugiati Filippo Grandi ha espresso la sua «forte preoccupazione» per le violenze avvenute contro il centro di rifugiati di Souda. A Chios è giunto ieri il viceministro greco responsabile per le politiche dell’immigrazione, Jannis Balàfas. «Non permetteremo a elementi che non hanno assolutamente nulla a che fare con i cittadini dell’isola di Chios di terrorizzare e malmenare le persone in nome di ben note idee e dell’odio che mostrano verso tutto ciò che è diverso da loro. Non lo accetteremo», ha sottolineato Balàfas.

Teodoro Andreadis Synghellakis da il manifesto

http://www.osservatoriorepressione.info/grecia-assalto-alba-dorata-colpi-molotov-ai-profughi-chios/

news
r_internazionale


articolo precedente           articolo successivo