antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Monza, tensione in centro tra Antifascisti e CasaPound. La Polizia carica
- "Niente spazi pubblici ai fascisti": patto di 5 Comuni del Bolognese
- Catania: manifestazione contro l'apertura della sede di Casa Pound
- Banchetto di Leverano Casapound in piazza, volano pugni e parole grosse
- Perugia CasaPound, 47 accademici chiedono no alla manifestazione
- Modena Manifestazione Antifascista Violente cariche della polizia
- Modena venerdi 15 dicembre h.20.30: fermiamo il corteo neonazista!
- Forlì, in 500 al corteo dopo i tafferugli con Forza Nuova
- Blitz fascista, sit-in davanti a Repubblica e Espresso
- Bologna Montagnola, presidio e tensione E fra le fiaccole spunta CasaPound
- Milano, scontri tra militanti di Forza Nuova e antagonisti
- Como, marcia Pd dopo blitz skinheads. Boldrini: “Fronte comune”. Ma Salvini: “Vogliono immigrazione fuori controllo”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"
8.12.17 Se CasaPound entra anche nelle scuole: la sua associazione studentesca ha 200 rappresentanti in Italia
6.12.17 Fascisti su Facebook, ecco i gruppi segreti con cui la galassia nera fa proseliti sul web
18.11.17 Milano L'avanzata neofascista, l'estrema destra tra periferie e lotte interne
16.11.17 La violenza di CasaPound a Ostia
15.11.17 Tutti i soldi e le società di CasaPound e Forza Nuova: così si finanziano i partiti neofascisti
9.11.17 Ostia, le bugie di CasaPound su Roberto Spada e quegli affari della leader Chiaraluce
7.11.17 La bolla di Casapound ad Ostia e l’eccezionalizzazione dei fascisti
5.11.17 Forza nuova Holding 2: Così ha provato a piazzare anche un quadro di Gauguin
4.11.17 Forza Nuova Holding: dai dentisti ai compro-oro, il tesoro milionario dei "poveri patrioti"
2.11.17 Tartarughe frecciate e inquinamento nero
27.10.17 Ex Forza Nuova:"Ora vi spiego Fiore e a che servono le ronde"
26.10.17 L'alleanza nera degli ultras romani: il caso Anna Frank è solo l'ultimo episodio
15.10.17 Casa Pound Milano S.p.a. – reportage 1 Pivert
2.10.17 Esclusivo: anche Matteo Salvini ha usato i soldi rubati da Bossi
17.09.17 Gran Bretagna: La minaccia dell'estrema destra islamofoba
27.08.17 “Addestrati e armati”. I gruppi neonazisti spaventano l’Europa
26.08.17 Wu Ming La polizia contro Pasolini, Pasolini contro la polizia
24.08.17 «Lealtà e Azione» fa la sua comparsa anche a Bologna
23.08.17 Le Fantasie Virili Di Ludwig

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |

pubblicato il 28.05.15
Calcio popolare, antirazzismo e antifascismo: l’alternativa possibile
·
Calcio scommesse, di nuovo.
Non si sorprenderà, quindi, il lettore della manciata di arrestati fra calciatori, dirigenti di società, direttori sportivi e finanziatori: con l’espressione calcio moderno, d’altra parte, si vuole intendere anche – e soprattutto – questo, il pallone è una questione di capitali e più il presidente di una società ‘x’ ne ha, più essa ha l’opportunità di progredire nel panorama calcistico.
Stavolta, però, tra società e singoli coinvolti, spuntano nomi a metà tra il professionismo e il dilettantismo: Pro Patria, Akragas, Santarcangelo et cetera.
Il capitalismo finanziario, attraverso la mafia e meccanismi mafiosi – ché nell’ultima inchiesta legata al Calcio Scommesse di questo si parla – gestisce le società sportive come ‘ordinarie’ aziende che si trovano a gestire ingenti somme di denaro e i profitti conseguenti.
Il giornalista Fabio Paglialunga, nella giornata di oggi, ha twittato:

Fulvio Paglialunga @FulvioPaglia
L'importanza dei Supporter Trust: Flora voleva prendere il Taranto, i tifosi non ne permisero l'ingresso, andò a Brindisi. Ora è arrestato.

Già, perché, in tutto questo, è presente un altro aspetto del football che sta man mano emergendo nel corso degli anni in cui gli scandali del calcio italiano hanno soverchiato i successi e così alcune società sportive hanno deciso che il modello del calcio moderno, legato al capitale e alle pay tv, andasse completamente cambiato: «L’alternativa è possibile e realizzabile, all’estero degli esempi già ci sono e non capisco perché in Italia non si riesca a capire come sia necessario questo cambiamento: in Inghilterra c’è lo United of Manchester che è sostanzialmente, un gruppo di tifosi distaccatosi dal celeberrimo Manchester United, che possiede una società, sta costruendo uno Stadio ed è tutto in mano ai tifosi. Gli esempi ci sono, la via è realizzabile, bisogna solo rimboccarsi le maniche».
A parlare è Tommaso Pierangelini dirigente dell’ASD Ardita, squadra che milita nel girone B del campionato romano di Terza Categoria e che il 23 maggio disputerà i playoff per giocarsi la promozione in Seconda Categoria, in un’intervista apparsa sul ‘Nuovo Corriere Laziale’ del 13 aprile per lo speciale ‘Pop Football’.

Azionariato popolare contro le società che puntano ai grandi capitali, dunque: «la visione del calcio popolare in Italia è ancora abbastanza sconosciuta ed è alle prime armi: solo recentemente qualche società sportiva sta uscendo allo scoperto per formare dei gruppi di tifosi che comprano azioni ella società, entrando così a far parte del Cda della stessa, come nel caso della Taras di Taranto» anche se «il nostro modello è diverso: la società è interamente dei tifosi, dei giocatori e di tutti coloro che vogliono farne parte: ad inizio anno ci si iscrive, si diventa soci e si ha diritto di scelta sul futuro della società, dai progetti sportivi a quelli sociali, anche sulla linea della società stessa».
Oltre all’ASD Ardita, se si dovesse rimanere confinati al panorama calcistico della Capitale, l’altra squadra di calcio popolare che già è inserita in un campionato di Seconda Categoria è l’Atletico San Lorenzo, che non possiede solo la squadra di calcio a 11: «il campo a San Lorenzo (lo storico quartiere romano nda) non è soltanto ad uso e consumo della squadra di Seconda Categoria ma anche per tutte le altre attività che facciamo, ovvero, quella del calcio per bambini, la squadra femminile e anche le due squadre, maschili e femminili, di basket», ha avuto modo di dire al ‘Nuovo Corriere Laziale’ Marco Acciari, dirigente della squadra femminile di Calcio a 5 dell’Atletico San Lorenzo.
In totale controtendenza rispetto all’attualità e alle infelici dichiarazioni del presidente della LND Belloli a riguardo, i rossoblù dell’Atletico San Lorenzo possiedono una squadra di calcio femminile «che sta andando molto bene, la squadra quest’anno ha disputato il suo primo campionato (organizzato dal CSI) e vince quasi sempre: l’alta classifica è la sua realtà, al contrario della squadra maschile (ride nda)»

Come prima già detto, inoltre, i pionieri del calcio popolare non sono solo a Roma, per quanto importanti siano gli esperimenti che si sono verificati nella Capitale in tal senso: il Centro Storico Lebowski ha per poco mancato la quarta promozione consecutiva perdendo per due a zero la finalissima playoff contro il Donocratico: ma in pochissimo tempo i grigioneri toscani hanno scalato le categorie del dilettantismo ritrovandosi a lottare per la Promozione a seguito di un campionato che li ha portati ad occupare posizioni d’alta classifica.
Come scriveva Fabio Belli, sempre sullo speciale ‘Pop Football': «C’è chi giura di aver visto stipate a Firenze per una partita di prima categoria almeno 1000 persone nella leggendaria curva ‘Moana pozzi’ del Centro Storico Lebowski, club che rivendica le proprie radici antirazziste e antifasciste e anche un pizzico di goliardia, come suggerisce il nome di battaglia dei propri aficionados».
Per non parlare della Quartograd, squadra campana, che «ha ottenuto due promozioni consecutive, salendo dalla Terza alla prima categoria in due anni» e ora, a seguito della vittoria contro il Città di Casoria, si giocherà la finalissima per la Promozione contro la Virtus Liburia.
E tra i dilettanti ci sono anche le società di AfroNapoli United, Liberi Nantes, San Precario, Spartak Lecce, Lokomotiv Flegrea e Stella Rossa 2006 per finire a quelle società che stanno muovendo i primi passi nei campionati amatoriali (CSI o UISP), come – due esempi per tutti – la Gagarin di Teramo e la Spartak Lidense di Ostia.
I cosmonauti teramani hanno, infatti, come obiettivo, quello dell’iscrizione in Terza Categoria per la prossima stagione: «il prossimo anno, il nostro obiettivo è quello dell’iscrizione alla terza categoria, come d’altra parte hanno già fatto alcune squadre romane: l’Ardita – ad esempio – ha condotto un percorso simile, nel corso degli anni si è sviluppata in campionati amatoriali e di Terza Categoria e ora si sta per affacciare in seconda», ha affermato Ignazio Tancredi e, così come per l’Atletico San Lorenzo, sulla maglia della Gagarin non c’è sponsor.

Infine lo Spartak Lidense che al sito Vocidisport.it ha dichiarato – per bocca di Luca Masi, dirigente accompagnatore e responsabile comunicazione della squadra – come gli obiettivi prefissati dalla squadra «possono essere distinti per scadenze: nel breve-brevissimo termine, ovvero quello che stiamo vivendo, ci riterremo soddisfatti nel creare una realtà di dimensione territoriale, ben riconoscibile e, magari, seguita nelle attività fuori e dentro al campo da un gruppo “fedele” di tifosi-soci. Nel medio termine – magari già dalla prossima stagione – ci piacerebbe partecipare ai campionati federali; l’idea quindi è quella di iscriversi alla Terza Categoria FIGC. Vedremo, nel corso di quest’anno, se sarà possibile a livello economico, organizzativo e tecnico. L’obiettivo finale, quello che ci renderebbe totalmente soddisfatti, è arrivare a gestire un campo sportivo, in modo da avere totale libertà d’azione e di iniziativa. Permettere a bambini e bambine del nostro quartiere di praticare questo sport a prezzi accessibili e in un ambiente sano e libero da ogni “malattia” del calcio mainstream, sarebbe il coronamento perfetto del progetto Spartak Lidense».

Insomma, per concludere con le parole di Pierangelini rilasciate al settimanale sportivo di un paio di mesi fa: «Questa, quella del calcio popolare, è l’unica alternativa: bisogna tentare con l’azionariato popolare e, dal momento che questo sistema ha fallito del tutto, è doveroso provarne un altro».

http://www.sinistraineuropa.it/approfondimenti/calcio-popolare-antirazzismo-e-antifascismo-lalternativa-possibile/

documentazione
r_nazionale


articolo precedente           articolo successivo