antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova
- Verona, il writer che combatte il fascismo con i colori
- Cesena Forza Nuova al liceo, appello del Comune all’autorità di ps
- Cesena Manifestazione di Forza Nuova davanti ai licei, 50 prof: "Sbagliato autorizzarla lì"
- Roma, corteo di donne affronta militanti CasaPound: "Qui i fascisti non li vogliamo"
- Udine, rassegna jazz lascia la città: “Non collaboriamo con il nuovo sindaco che ha vinto con i voti dei neofascisti”
- Migranti, marcia No Tav contro estremisti di destra: scontri con la Gendarmeria al confine tra Italia e Francia
- Ufficiale: Bologna vieta gadget e spazi pubblici a fascisti e razzisti
- Niente piazze ai fascisti sull'Appennino Bolognese, la sfida di Forza Nuova: "Presto in piazza"
- Livorno, Lega organizza comizio a teatro. Lavoratori scioperano per protesta: “Candidato xenofobo e omofobo”
- Liberi e Uguali si rifiuta di partecipare alla Tribuna elettorale Rai con CasaPound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 27.05.15
Lecce Scontri prima del corteo di Casa Pound: notificato l'avviso di conclusione delle indagini ai dodici indagati
·
Lecce. Sono ufficialmente chiuse le indagini, relative agli scontri tra manifestanti delle opposte fazioni politiche di Casapound e "Binario 68 occupato" e i dodici indagati sono stati raggiunti nelle scorse ore, dalla notifica dell'avviso di conclusione delle stesse, disposto dal Procuratore Aggiunto Antonio De Donno.

Nelle prossime ore si attende la revoca dell'obbligo di dimora per gli indagati, tra cui compaiono quattro salentini: Carla, 27enne di Monteroni, Matteo, 24enne di Lecce (il giovane, figlio dell’ex consigliere comunale leccese dei Verdi, Mauro, fu pestato la sera del 2 gennaio 2012 da quattro estremisti di destra per le strade di Lecce); Paolo, 37enne di Lecce ed Alessandra, 37enne di Trepuzzi residente a Milano, appartenenti al gruppo "Binario 68 occupato" (il nome dello stabile in cui si radunavano gli"antifascisti") ed altre 8 persone provenienti da città del centro-nord ,Luigi Bassanti, 34enne di Lucca; Andrea Buonamici, 23enne di Monzumanno Terme (prov. di Pistoia); Marco Clemente, 37enne di Milano; Guido Giuseppe Giraldi, 25enne di Sesto Fiorentino (prov. Di Firenze); Attilio Granato, 39enne di Roma; Pierpaolo Mora, 30enne di Parma; Marco Racca, 32enne di Torino; Eugenio Palazzini, 31enne di Monte San Savino (prov. Di Arezzo).

Nel febbraio scorso, i quattro salentini, su disposizione del Gip Annalisa de Benedictis e gli altri 8 indagati (trattasi soprattutto di coordinatori regionali del movimento di estrema destra), erano stati raggiunti dall'"obbligo di dimora" nei loro comuni di residenza, con l’accusa di "rissa aggravata". L'operazione ha dunque visto l'intervento coordinato, di uomini delle Digos di Arezzo, Bologna, Lucca, Milano, Parma, Pistoia, Roma e Torino ed è stata illustrata, nei mesi scorsi, nel corso della conferenza stampa tenuta dal Procuratore Capo della Repubblica di Lecce, Cataldo Motta. Agli inizi di marzo, invece, gli avvocati degli indagati chiesero in sede di Riesame, la revoca del provvedimento, ma il collegio presieduto da Stefano Marzo, giudici a latere Anna Paola Capano ed Antonio Gatto ha deciso di rigettare la richiesta degli avvocati.

La rissa avvenuta durante la notte tra giovedì 4 e venerdì 5 settembre 2014, nei pressi di Piazza Sant’Oronzo, prima della Festa nazionale di Casa Pound- dal 5 al 7 settembre dello scorso anno, alla presenza di circa 400 militanti, provenienti da tutta Italia- che coinvolse i gruppi antagonisti del movimento di estrema destra e di Binario 68 occupato.I militanti di quest'ultimo gruppo, nell'ambito di una serie di contro-manifestazioni, si erano resi protagonisti di vari danneggiamenti e dell’occupazione per un lungo lasso di tempo, della stazione ferroviaria di Lecce ed infine della violenta colluttazione con gli appartenenti a Casapound. I partecipanti alla rissa, almeno una quarantina,si scontrarono per le strade di Lecce (la colluttazione avvenne intorno alle 2 di notte, in via degli Acaya, alle spalle di piazza Sant'Oronzo)a colpi di bottiglie, cinghie, calci e pugni, lasciandosi alle spalle devastazione e sangue. Le telefonate di alcuni privati cittadini, allarmati dai rumori e dalle urla, allertarono le forze dell'ordine; le telecamere cittadine,documentarono nei giorni successivi la violenza. Proprio dall’analisi dei filmati, gli agenti di polizia sono riusciti a risalire ai dodici responsabili degli scontri.

http://www.leccenews24.it/cronaca/scontri-prima-del-corteo-di-casa-pound-notificato-l-avviso-di-conclusione-delle-indagini-ai-dodici-indagati.htm

repressione
r_puglia


articolo precedente           articolo successivo