antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 26.05.15
Gorizia, bufera sull’assessore “vicina” a CasaPound
·
Piovono le richieste di dimissioni dell’assessore al Welfare Silvana Romano. «Sono salita sul palco a titolo personale. Mi rimetto al sindaco di Gorizia Ettore Romoli»

GORIZIA. «Se il sindaco mi chiederà di dimettermi da assessore accetterò senza esitare. Non sono attaccata alle poltrone, io. Ma per nessuno motivo mi dimetterò da consigliere comunale: lo devo per rispetto a chi mi ha eletto nel Popolo per Gorizia. Molti miei elettori erano assieme a me al Parco della Rimembranza a osservare la cerimonia di CasaPound».

L’assessore al Welfare Silvana Romano replica così alle svariate richieste di dimissioni giunte dalla sinistra in seguito alla sua presenza sul palco di CasaPound durante il comizio finale del corteo di sabato. Romano non ha parlato e ha spiegato di aver partecipato «a titolo personale, su invito del dottor Adriano Segatori, psichiatra dell’Ass con cui collaboro ottimamente nell’ambito del mio lavoro all’assessorato. Aggiungo che ero molto emozionata nel vedere tanti tricolori rendere omaggio ai nostri deportati e ai caduti della Grande guerra. Non capisco perché non mi hanno chiesto le dimissioni quando presenzio ufficialmente a manifestazioni di altra natura».

Il fuoco di fila su Silvana Romano è stato aperto dal segretario regionale della Cgil, Franco Belci: «La Cgil nazionale, quella del Fvg e quella di Gorizia non hanno aderito alla “contromanifestazione” per il raduno di CasaPound, pur comprendendone le ragioni, per evitare alla città e a èStoria qualche episodio di tensione nel quale, viste le premesse, non era escluso di trovarsi coinvolti. Ciascuno, ovviamente, aveva la possibilità di farlo a titolo personale. Poi è andato tutto bene, grazie anche al ruolo delle forze dell’ordine. Proprio di fronte a questa assunzione di responsabilità, condivisa dalla Cgil di Gorizia con l’Anpi e con quasi tutte le forze politiche antifasciste, che ha suscitato polemiche strumentali, chiediamo con fermezza al sindaco Romoli le dimissioni dell’assessore Romano che è salito sul palco di CasaPound: lei, invece, non ha dimostrato alcun senso di responsabilità, né politica né istituzionale».

«L’assessore Romano è salita sul palco a titolo personale. Non so perché l’abbia fatto. La giunta comunale e il sottoscritto sono assolutamente estranei a quanto accaduto. Deciderò nei prossimi giorni cosa fare dopo un confronto con Romano» afferma il sindaco di Gorizia Ettore Romoli. Da Roberto Saviano a Romano è un maggio denso di grattacapi. Dimissioni di Romano sono chieste anche da Giuseppe Cingolani, capogruppo del Pd, che ha annunciato un’interrogazione al sindaco: «Una cosa è affermare la libertà di chiunque di esprimere e manifestare le proprie idee. Tutt’altro è partecipare al corteo e al comizio di CasaPound, esprimendo attiva solidarietà verso un movimento i cui esponenti si autodefiniscono fascisti del terzo millennio».

Richiesta di dimissioni anche da Marco Rossi, segretario provinciale del Pd: «Trovo un fatto di una gravità sconcertante, oltraggioso verso i cittadini, verso la storia della città, verso i commercianti che hanno chiuso le serrande preoccupati». Da Ilaria Cecot per il Coordinamento del circolo di Gorizia-Alto Isontino di Sel: «Inaccettabile, offensivo ed anticostituzionale il gesto dell’assessore Romano che ha ritenuto istituzionalmente corretto salire sul palco del comizio organizzato dai, dichiaratamente militanti neo-fascisti, di CasaPound»).

Da Emanuele Traini, consigliere della Federazione della sinistra: «Chiediamo le dimissioni immediate dell’assessore e, nel caso fosse confermato il ruolo di rappresentanza del Comune di Gorizia, anche quelle del sindaco Romoli».

Pioggia di commenti contro Romano anche su Facebook. L’assessore svela intanto un altro particolare: «Una delegazione di CasaPound voleva consegnarmi sul palco un’offerta per sostenere le cure di un bambino, iniziativa che vede il Comune di Gorizia impegnato nella raccolta. Ho spiegato che non era il caso di farlo in quel momento, ma resta la generosità di CasaPound».

http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cronaca/2015/05/25/news/gorizia-bufera-sull-assessore-vicina-a-casapound-1.11491731

news
r_friuli


articolo precedente           articolo successivo