antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 26.05.15
Strage piazza della Loggia, l'ultimo irriducibile: "C'è una confessione firmata dagli autori"
·
Il neofascista Vinciguerra, condannato all'ergastolo per la strage di Peteano, parla dal carcere. Mentre sta per cominciare a Milano il processo d'appello bis a 40 anni dalla strage di Brescia

"C'è una confessione scritta e firmata dagli autori della strage di piazza della Loggia. Di quanto avvenne a Brescia ho saputo durante la detenzione ma anche nel periodo della mia latitanza, iniziata ancor prima di quel 28 maggio 1974". Vincenzo Vinciguerra, ergastolano condannato per la strage di Peteano, non dice chi avrebbe questo documento ma rivela che "obiettivo della strage erano i manifestanti, non i carabinieri. Perché la strage di Brescia è la conseguenza di uno scontro durissimo all'interno dell'anticomunismo politico che governava l'Italia dal maggio 1947, da quando cioè, su richiesta degli Stati Uniti, Alcide De Gasperi allontanò i comunisti dal governo. In Piazza della Loggia i carabinieri si spostarono perché non dovevano essere loro a morire ma i manifestanti. Eseguirono un ordine". Sono parole pesanti quelle del neofascista di Ordine nuovo e Avanguardia nazionale che arrivano mentre sta per aprirsi il processo d'appello bis a quarant'anni dalla strage. Imputati domani a Milano, dopo che la Cassazione ha annullato la loro assoluzione, l'ex ispettore per il Triveneto di Ordine Nuovo, il medico veneziano Carlo Maria Maggi, e l'ex collaboratore dei Servizi segreti italiani, Maurizio Tramonte.

Dal carcere milanese di Opera dove lo abbiamo raggiunto per un'intervista, ottenuta dopo mesi di istanze e lettere, Vincenzo Vinciguerra, oggi sessantaseienne, racconta la sua verità. E non solo su Brescia. "Sono detenuto da 36 anni perché ho rivendicato un'azione. Ma non mi sono mai pentito. Né mai lo farò. Perché Peteano non è stato un reato ma un atto di guerra".

Quel 31 maggio del 1972 a Peteano morirono tre giovani carabinieri nel tentativo di aprire il cofano di una Fiat 500 imbottita di esplosivo. Dieci anni dopo lei decise di confessare l'attentato. Perché?
"Le indagini portarono all'incriminazione di sei cittadini goriziani innocenti. Non avrei potuto tacere. La mia è stata una scelta umana ma soprattutto politica. Ho confessato perché volevo che i depistatori di tutte le stragi fossero puniti. E ora, mi trovo con l'ergastolo sul groppone e giudici che non hanno fatto niente nonostante i nomi, gli elementi e i fatti che in questi anni ho fornito".

I depistatori di quali stragi?
"Non una delle stragi italiane è riconducibile all'aggressività di un neofascismo in cerca di rivincita e vendetta. Dalla fallita strage del 25 aprile 1969 a Milano a quella riuscita del 12 dicembre in piazza Fontana, dal mancato massacro del 7 aprile 1973 sul treno Torino-Roma a quello compiuto da Gianfranco Bertoli il 17 maggio dello stesso anno in via Fatebenefratelli a Milano, dalla strage di Brescia fino all'Italicus è stata accertata la matrice politica anticomunista come anticomunisti erano il potere politico e lo Stato".

Conferma quindi la tesi che la strategia della tensione sia stata il frutto di una collaborazione tra ambienti neri ed alcuni apparati dello Stato? Avrebbero collaborato anche gli ex Nar Fioravanti, Cavallini e Mambro?
"I Nar non sono mai esistiti. La sigla è mutuata dalla cellula di base dei Fasci di azione rivoluzionaria (Far), operanti negli anni dell'immediato dopoguerra sotto la direzione di Pino Romualdi, e legati ai servizi segreti americani ed israeliani. Lo spontaneismo dei Nar è un'invenzione giornalistica. I giudici di Bologna hanno definito Fioravanti e soci spontaneisti solo a parole. Tesi che sottoscrivo senza riserve. Chi erano i capi ed i referenti di questo gruppo? I fratelli Fabio e Alfredo De Felice, Massimiliano Fachini, Paolo Signorelli, Aldo Semerari, fra gli altri".

La procura di Bologna ha di recente archiviato la pista palestinese per la strage del 2 agosto 1980. Lei crede che ci sia altro e altre responsabilità dietro a quei morti?
"La strage un risultato l'ha avuto: ha fatto relegare in secondo piano la strage di Ustica, compiuta nel corso di una operazione militare segreta di cui i vertici politici e militari italiani erano preventivamente informati. Il Partito comunista, in quell'anno, poteva contare ancora sul 30 per cento dei voti. Di certo qualcosa sarebbe cambiato se fosse venuto alla luce che un aereo civile, con 81 persone a bordo, era stato abbattuto da un aereo dell'Alleanza atlantica nel corso di un'azione di guerra. I palestinesi? La valigia contenente esplosivo che detona per errore, per difetto, per il calore? L'esplosivo esplode solo se innescato. Diciamo che la pista palestinese doveva consentire alla famiglia Fioravanti di tornare in libertà, come "atto dovuto" perché "innocenti", dimenticando gli altri dieci morti a loro carico".

Lei è l'unico dei condannati per strage ancora in carcere. Sono tutti fuori, anche Fioravanti, Mambro e Ciavardini...
"Non è possibile un confronto fra me e quella che io definisco la "famiglia Adams", Jerry e Morticia Fioravanti. A Peteano di Sagrado è stato colpito un obiettivo militare con la perentoria esclusione del coinvolgimento, anche involontario, di civili, donne e bambini. A Bologna è stato compiuto un massacro contro la popolazione civile. I due episodi non sono comparabili... In via Fani, il 16 marzo 1978, sono stati uccisi i cinque agenti della scorta di Aldo Moro; un anno dopo, sempre a Roma, in piazza Nicosia, sono stati uccisi in una sparatoria fra la folla due poliziotti; a Salerno, nel 1982, nel corso di un attacco ad un autocolonna militare ne sono stati uccisi altri due. Insomma, la strage si configura giuridicamente quando il numero dei morti può essere indeterminato, ma è stata una scelta politica quella di non contestarla ai brigatisti rossi e ai militanti di sinistra, anche quando, come a Primavalle nel 1973, hanno tentato di sterminare una famiglia con il fuoco. In Italia c'è stata una guerra civile. Io ho ucciso soldati di uno Stato che ancora oggi considero nemico, ma mai ho ucciso civili. Mai donne o bambini. In una logica militare e di guerra non ho nulla da rimproverarmi, questo sia ben chiaro. Non altrettanto possono dire quanti hanno piazzato bombe nelle banche, nelle piazze, nei treni e nelle stazioni ferroviarie per colpire la popolazione civile mettendo in preventivo la morte di innocenti. Ribadisco: Peteano è stato un atto di guerra".

Che ha provocato tre morti. Perché ha rinunciato all'appello?
"Mi sono costituito, mi sono assunto la responsabilità, in dibattimento ho fatto arrivare come testimone Stefano Delle Chiaie per confermarla (cosa che ha fatto), non ho avanzato richieste alla Corte di assise, obbligandola ad emettere una sentenza di condanna all'ergastolo. Avrei dovuto fare appello contro me stesso? E, poi, io non credo nella giustizia italiana e mai ho fatto appello contro le sentenze anche sbagliatissime, per altri fatti, emesse nei miei confronti. A differenza di tutti gli altri, compresi i brigatisti rossi, che sono giunti in Cassazione, io sono coerente".

In passato lei ha dichiarato che le chiesero di uccidere un uomo politico molto importante, Mariano Rumor, già presiedente del consiglio. Chi le chiese di farlo?
"Furono Carlo Maria Maggi e Delfo Zorzi a chiedermi di uccidere Mariano Rumor, per la semplice ragione - ma questo lo compresi dopo - che aveva tradito i congiurati del dicembre 1969 vietando la manifestazione indetta dal Msi per il 14 dicembre, che doveva condurre alla proclamazione dello stato di emergenza".

In carcere ha mai saputo o parlato con altri dell'omicidio di Piersanti Mattarella?
"Si parla di tante cose... Non ho notizie dirette sull'omicidio Mattarella, avvenuto quando io ero già in carcere. Mi sembra comunque singolare che sia stato disatteso il riconoscimento di Valerio Fioravanti da parte della moglie di Piersanti Mattarella. Direi che Valerio Fioravanti sia stato escluso a priori dal sospetto che avesse ucciso il presidente della regione siciliana, tant'è che sono state ignorate anche le accuse arrivate dal fratello Cristiano. Non credo che la mafia palermitana avesse interesse ad uccidere Piersanti Mattarella. Probabilmente la sua morte è stata decisa a Roma e non a Palermo. Ma questa è una mia opinione".

Perché Cristiano Fioravanti accusò il fratello? Che rapporti c'erano fra i due?
"Cristiano Fioravanti era un "collaboratore di giustizia", quindi obbligato a dire tutto quello che sapeva, anche sul conto del fratello Valerio che può essere considerato un pentito "ufficioso". I loro rapporti erano ottimi: dopo il suo arresto a Padova l'unico nome che Valerio Fioravanti non fece, fra quanti erano presenti e partecipanti all'omicidio di due carabinieri, fu proprio quello del fratello Cristiano. Tutti gli altri, compresa Francesca Mambro, li candidò all'ergastolo".

Eppure oggi a scontare l'ergastolo c'è solo lei. Sono fuori anche gli assassini di Aldo Moro
"Di certo non perché abbiano scontato la loro condanna... Le stragi sono state un mezzo per favorire il potere, e quest'ultimo non può che garantire impunità a chi le ha compiute per assicurarsi che la verità non possa emergere".

http://www.repubblica.it/cronaca/2015/05/25/news/l_ultimo_nero_irriducibile-115016486/

stragismo
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo