antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 10.11.13
Brescia Botte all'ora dell'happy hour tensione in piazza Vescovado
·
Botte all'ora dell'happy hour tensione in piazza Vescovado

Gli investigatori avrebbero già individuato i responsabili della rissa: denunce su entrambi i fronti

Il presidio di palazzo Broletto è ormai sciolto. Un centinaio di antifascisti del centro sociale 28 Maggio di Rovato, di Rifondazione comunista e del comitato Cittadini di San Vigilio per la Costituzione ha appena consegnato in Prefettura un voluminoso dossier sul ritorno dell'aggressività di estrema destra in città e provincia, e si disperde in varie direzioni, quando dal fondo di piazza Paolo VI compare proprio un gruppetto di militanti di estrema destra. Una ventina di antifascisti stanno andando proprio da quella parte. Partono le provocazioni reciproche, e sotto il vòlto di via Trieste, all'incrocio con via Mazzini, si arriva alle mani. Volano tavoli, sedie, bottiglie del bar Sormani. Gli skinhead arretrano per via Trieste, qualcuno li insegue. Quando infine arriva la polizia per dividere i contendenti, gli animi sono caldi. C'è un contatto di 10 o 15 secondi tra gli agenti e gli antifascisti. Nessuno si fa male sul serio, tuttavia Monica, una del «28 Maggio» porta a casa il bernoccolo di una manganellata. ? storia di ieri pomeriggio.
Secondo la ricostruzione del portavoce del centro sociale di Rovato Giuseppe Corioni, dal fondo della piazza il gruppetto di estrema destra comincia a far roteare per aria cinture tolte dai pantaloni mentre il gruppo di antifascisti si avvicina. Questi reagiscono alla provocazione con i soliti slogan e nella strettoia della via si scatena il parapiglia. Una delle cinture rimane a terra, e Corioni ne mostra la scritta «Fronte veneto skinhead» a sottolineare la matrice dei provocatori.
IL PRESIDIO antifascista in Broletto è stato invece del tutto pacifico e indisturbato fino alla fine. Ma in piazzale Arnaldo si svolgeva una concomitante manifestazione di estrema destra e le teste più «calde« sono uscite dai ranghi per scatenare la rissa. Ma Corioni non ci sta a un epilogo che suona come ennesima prova di quanto sono andati a denunciare in Prefettura: «Era tutto il giorno che i fascisti si spostavano da una parte all'altra della città - dice -, inoltre per tutta la settimana sui social network hanno annunciato che si sarebbero avvicinati al nostro presidio. La Questura doveva tenerli a distanza e non l'ha fatto, e quando la situazione è degenerata si è rivolta contro di noi». Intanto proprio la Questura sta preparando un'articolata informativa all'autorità giudiziaria, in cui vengono delineate le azioni illecite di gruppetti ristretti dell'una e dell'altra parte. Gli investigatori, in ogni caso, hanno già individuato i responsabili della rissa e denunce sono scattate per alcuni esponenti di entrambe le parti. Erano passate da poco le 16.30, quando il presidio antifascista si stava disperdendo. Una mezz'ora prima Corioni, il segretario di Rifondazione comunista Fiorenzo Bertocchi, la coordinatrice dei «Cittadini di San Vigilio» Sara Gatta e il giovane Jacopo Favalli che denuncia una recente «aggressione fascista» subita al Carmine, erano stati ricevuti in delegazione da un funzionario della Prefettura. Avevano consegnato un corposo esposto con la denuncia di episodi di «pubblica e plateale ostentazione di simboli del fascismo» e la richiesta di «immediata chiusura» delle sedi Forza Nuova di via Croce in città e via Rango a Lumezzane, nonché la sede di Casa Pound in via Mazzini a San Vigilio di Concesio.
Da ieri la Prefettura ha in mano un lungo esposto sulle attività dei gruppi neofascisti. La richiesta di chiusura delle sedi è corredata da un elenco lungo una quindicina di pagine di azioni che sarebbero state messe in atto dall'estrema destra in città e provincia, nonché da dossier su Forza Nuova e Casa Pound. L'iniziativa - hanno spiegato i promotori durante il presidio scattato alle 14.30 davanti al Broletto -, è la prima risposta agli episodi di violenza che si stanno intensificando negli ultimi tempi.
CORIONI elenca l'aggressione «militare» alla sede di Rifondazione a Lonato, le due bombe carta a breve distanza al «28 Maggio», la «squadraccia» che un paio di settimane fa ha provato a entrare nel circolo Arci del Carmine. E la stessa sera, proprio a seguito di quell'episodio Favalli dice di essere stato «aggredito da una dozzina di fascisti». Per ultimo, ieri mattina in centro sono stati trovati volantini con la scritta «cercasi infame di professione per smascherare fascisti...». Insomma, una situazione a forte rischio di degenerazione.
«I fascisti si appropriano dello spazio lasciato libero dalla Lega, sfruttano le difficoltà economiche e puntano a risposte autoritarie sul modello greco di Alba Dorata - argomenta Bertocchi -, ma non cadremo nel tranello». E prima ancora dell'ultima rissa, anche per Gatta è «l'ora di chiedere alle istituzioni una risposta sulla costituzionalità di queste presenze».


Mimmo Varone

http://www.bresciaoggi.it/stories/dalla_home/587949_botte_allora_dellhappy_hour_tensione_in_piazza_vescovado/?refresh_ce&scroll=156

iniziative_fasciste
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo