antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 3.07.05
Dssa: dossier su Destra Nazionale
·

Piccolo contributo controinformativo su Destra Nazionale.

1) Notizie generali su Destra Nazionale

Destra Nazionale è una relativamente giovane (nata a Firenze il 12 Agosto 2000) formazione dell’estrema destra italiana. Essa si rifà (come si può facilmente capire leggendo dal sito http://www.destranazionale.org ) all’MSI-Destra Nazionale di Giorgio Almirante. I principi su cui il movimento si fonda sono quelli del fascismo “sociale” e sono enunciati in una carta composta da 10 punti visibile all’indirizzo web: http://www.destranazionale.org/principi.html . Sul sito internet dell’organizzazione è riportata la composizione del corpo dirigente del partito (tra i componenti anche Riccardo Sindoca, mermbro dell’organizzazione parallela all’ONU International Parliament), insieme a proclami e dichiarazioni di vario tipo. Una fra tutte, la seguente: “Noi siamo le nuove legioni contro i nuovi barbari! Nei prossimi mesi l’Italia potrebbe essere investita da attacchi di una violenza inaudita da parte di paesi islamici del bacino Mediterraneo. La nostra Nazione potrebbe essere distrutta prima ancora che forze alleate intervengano in ausilio delle Forze Armate presenti sul territorio. 1500000 islamici sono già sul nostro territorio. Quanti di loro ci attaccheranno? Basteranno le sole Forze Armate e di Polizia a proteggerci? No! La nostra difesa parte da noi stessi con i Reparti di Protezione Nazionale che in caso di grave pericolo saranno un valido supporto alle Forze Armate Nazionali.” Tra le varie sezioni del sito ne è presente una dedicata proprio ai sopra citati “reparti di Protezione Nazionale”, ovvero le “camicie grigie”, una sorta di formazione paramilitare costituita per “Collaborare, se richiesto, con le autorità dello Stato e con tutte le forze di polizia per concorrere agli atti richiesti alla tutela della sicurezza nazionale e dell’ordine pubblico in caso di gravi turbamenti”. A tale “corpo paramilitare” può aderire chiunque abbia l’intenzione di “esaltare i valori mai sopiti che da sempre sono presenti nel cuore di tutti gli italiani che sono: Dio – Patria – Famiglia”. Tra gli altri documenti pubblicati spicca un testo molto particolareggiato dedicato ai rapporti tra massoneria e fascismo.
Un discorso a parte è meritato dai links forniti dal sito, links che ben documentano la linea politica ultra atlantista di Destra Nazionale. Oltre ai vari Gioventù Universitaria, Partito Nazionalista Svizzero, Stormfront (un’organizzazione neonazista americana) e alla Società Italiana di Acuologia (di cui fanno parte due membri della direzione nazionale di DN, Riccardo Sindoca e Pasquale Romano) sono presenti collegamenti ai siti della Cia, della Vidcam (una società americana produttrice di equipaggiamenti per la polizia), del Pentagono, della Casa Bianca, dell’Aviazione e della Marina Statunitensi, del corpo dei Marines e alla “Patriot Page”, un sito internet americano dai toni fortemente nazionalistici. Volendo poi andare avanti nella navigazione del sito incontriamo una galleria fotografica sul conflitto iracheno, collegamenti all’ “Osservatorio sui delitti del Comunismo in Italia”, proclami anticomunisti (tanto per citarne uno: “Voi siete dei sovversivi, dei comunisti, volete distruggere i cardini della società, i valori fondamentali della nostra civiltà Cristiana, l’esistenza stessa del mondo libero, siete nemici che vanno combattuti con ogni mezzo”) e una foto di Pinochet presentato come cura contro il Comunismo.

Su Gaetano Saya,capo di DN

Capo di Destra Nazionale è Gaetano Saya, nato a Messina nel 1956, di cui su internet è pubblicato il seguente curriculum, visibile all’indirizzo web: http://www.destranazionale.org/curriculum.html

Gaetano Saya nasce a Messina nel 1956, cresciuto dal nonno Matteo Francesco, che aveva servito nel Regio Esercito ed era stato presente alla marcia su Roma, il quale gli aveva inculcato l’amore per la Patria; fin da giovanissimo simpatizza per il Movimento Sociale Italiano – Destra Nazionale e nel 1970 appena quattordicenne partecipa alle giornate di Reggio Calabria (rivolta per il capoluogo), a diciotto anni si arruola nel disciolto Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza, dopo l’addestramento e una breve permanenza, viene ingaggiato dai Servizi Segreti della N.A.T.O. esperto in ISPEG, controspionaggio e antiterrorismo. Raggiunti i massimi livelli si congeda nel 1997. Cooptato nel 1975 dal Generale Giuseppe Santovito, allora Capo del SISMI, viene iniziato in una Loggia Massonica riservata; da Apprendista di primo grado in breve diviene Maestro Venerabile della Loggia “Divulgazione 1” a carattere internazionale. Nel Novembre 1997, viene citato come principale teste d’accusa della Procura della Repubblica di Palermo, nel processo contro Giulio Andreotti dove Gaetano Saya accusa Andreotti di essere il mandante dell’omicidio del Generale dei Carabinieri Carlo Alberto dalla Chiesa; verità rivelatagli dal Generale ed amico fraterno Giuseppe Santovito. Congedatosi dai Servizi, e messosi in “sonno” Massonico, decide insieme ad un gruppo di provata fedeltà di dar vita al movimento politico, voluto da Almirante ed iniquamente soppresso, “Destra Nazionale”. Gaetano Saya diviene così il capo assoluto di questa formazione politica, brillante l’intuizione di creare all’interno del Partito i Reparti di Protezione Nazionale ovvero le camicie grigie. Laureato in Legge e Scienze Politiche, Cavaliere dell’Ordre International de la Paix, Gaetano Saya si presenterà alle prossime elezioni politiche al Senato della Repubblica nei collegi di Messina e provincia. Il primo Dicembre 2002 in Milano è stato nominato Presidente onorario dell’ U.N.F.P. (Unione Nazionale Forze di Polizia), il primo sindacato di Polizia interforze.
Unione Nazionale Forze di Polizia), il primo sindacato di Polizia interforze.
Facendo poi, un un qualsiasi motore, una ricerca su internet usando come parola chiave il nome “Gaetano Saya” compaiono molti interessanti documenti, due dei quali sono presentati qui di seguito.

“13 novembre – Al processo Andreotti, in corso a Palermo, Gaetano Saya, un teste citato dal Pm, che si e’ qualificato come “ex agente di una struttura segreta della Nato”, per la quale sostiene di avere svolto “lavoro di intelligence” sostiene che il senatore Giulio Andreotti sarebbe stato il mandante dell’ uccisione del prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa. Saya ha detto di averlo appreso dall’ex capo del Sismi, generale Giuseppe Santovito. “Santovito mi disse che la promozione a prefetto di Dalla Chiesa era una manovra – ha detto il teste – per eliminarlo, fara’ una brutta fine, lo fara’ uccidere Andreotti”. A domanda di Saya, Santovito avrebbe aggiunto: “morira’ per la storia delle carte trovate nel covo brigatista di via Montenevoso e per altro”. Saya ha detto di essere massone sin dall’ eta’ di 19 anni, di avere avuto stretti rapporti con ambienti massonici Usa e con Licio Gelli ed ha esibito al tribunale anche alcune lettere del “venerabile” di Arezzo. Dopo aver descritto i “canali massonici” che lo hanno portato in contatto con la massoneria e con strutture segrete della Nato, l’ ex 007 ha ricostruito il colloquio con Santovito. Era il 16 giugno 1982, giorno in cui sulla circonvallazione di Palermo fu compiuta una strage. Per uccidere il boss detenuto Alfio Ferlito i sicari eliminarono anche l’ autista e i tre carabinieri che lo stavano trasferendo da un carcere a un altro. Nelle imagini televisive compariva anche Dalla Chiesa. In quella occasione Saya chiese a Santovito di aiutarlo ad entrare nella polizia di Stato. Ma il generale gli rispose che era in difficolta’ per l’appartenenza alla P2. Al rilievo di Saya che nelle liste compariva anche Dalla Chiesa, il quale era stato invece promosso, il generale gli avrebbe “preannunciato” la fine imminente del prefetto per ordine di Andreotti. La ragione andava ricercata nel fatto che Dalla Chiesa avrebbe tenuto per se’ le carte trovate nel covo delle Br, nelle quali Moro esprimeva giudizi severi sul senatore. L’avvocatessa Giulia Bongiorno, della difesa, ha insistito per conoscere la struttura Nato dalla quale Saya dipendeva e veniva pagato. Il teste ha pero’ opposto il “segreto Nato”. Anche il presidente Francesco Ingargiola ha chiesto a Saya, che ora dice di essere segretario del Partito nazionale giustizialista (Destra Nazionale, NdR) con sede a Firenze, informazioni piu’ precise sulla sua attivita’. E alla fine, rivolto al pubblico ministero Roberto Scarpinato, ha detto: “Non abbiamo ancora capito chi e’ questo signore”. La testimonianza dell’ ex agente si e’ conclusa con una ispezione corporale in aula decisa per verificare il segno di appartenenza di Saya a una organizzazione massonica collegata con i servizi segreti: un tatuaggio sotto l’ ascella sinistra che raffigura una squadra e un compasso sovrastati da una stella fiammeggiante e dalla lettera “G”, iniziale della parola greca che vuol dire conoscenza. L’ esperimento si e’ svolto a porte chiuse. Il teste si e’ spogliato, ha alzato il braccio e ha mostrato il tatuaggio”

(Dal sito: http://elezioni.freeweb.supereva.it/moro97b.htm)

“Al processo per mafia contro Giulio Andreotti il teste dell’accusa, Gaetano Saya, ex agente dei servizi segreti, ha dichiarato che l’ex capo del Sismi morto da più di dieci anni, Giuseppe Sansovito, gli disse, in una conversazione avvenuta dopo la nomina a prefetto di Carlo Alberto Dalla Chiesa, che l’ex presidente del Consiglio «avrebbe fatto ammazzare il generale». Movente: «le carte di Aldo Moro trovate nel covo di via Montenevoso e le notizie sulla struttura paramilitare Stay Behind». Alla domanda della difesa come mai non ne avesse parlato prima, o almeno dopo l’uccisione di Dalla Chiesa, Saya risponde semplicemente: «non l’ho fatto».”

(Dal sito: http://www.centroimpastato.it/php/crono.php3?month=11&year=1997)

fonte indymedia

documentazione
r_nazionale


articolo precedente           articolo successivo