antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
27.10.20 Sicilia: Galassia nera, ultrà e capipopolo: ecco chi soffia sul fuoco dell’ira
21.10.20 Il popolo no mask che nasconde l’ultradestra
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 3.07.05
La Fininvest paga il pentito che ha scagionato Delfo Zorzi
·

Versati 6.000 marchi a Martino Siciliano

Dall’inchiesta Fininvest tracce su un pagamento al pentito di Piazza Fontana

Atti a Brescia che indaga su pressioni per far ritrattare l’accusatore di Zorzi, difeso da Pecorella

MILANO – Martino Siciliano, il «pentito» delle inchieste sulle stragi di piazza Fontana e piazza della Loggia, risulta essere stato pagato – nel 1994 – con 6mila marchi tedeschi (incassati da Siciliano in Francia) provenienti da uno dei conti svizzeri che – oggi – gli inquirenti ritengono riconducibili all’architettura finanziaria protagonista di ingenti frodi fiscali e falsi nei bilanci Fininvest/Mediaset nella compravendita di diritti cine-tv. Il dato spunta da un rivolo dell’inchiesta Mediaset della Procura di Milano, che per competenza territoriale ha trasmesso una rogatoria svizzera (su conti bancari nell’orbita della «Arner Sa») alla Procura di Brescia, titolare già di un fascicolo su una differente ipotesi di pagamento a Siciliano, datata 1998 e a suo dire ispirata da uno dei legali dell’imputato di strage (poi assolto) Delfo Zorzi, l’on. Gaetano Pecorella.
Nell’ambito delle accuse mosse a Silvio Berlusconi nell’inchiesta Mediaset, la «Arner» è scandagliata perché nel suo banchiere Paolo Del Bue i pm individuano un «fiduciario della famiglia Berlusconi», che con l’avvocato Mills avrebbe «prelevato in contanti e occultato», tra il 1992e il 1994, oltre 63 milioni di dollari stornati dalla Fininvest e in precedenza accumulati su conti esteri con «beneficiari economici» i figli Marina e Piersilvio.
Fuori da questa coincidenza di salvadanai di partenza, invece, allo stato nessun elemento collega i protagonisti dell’inchiesta Mediaset agli ipotizzati (nuovo e vecchio) pagamenti a Siciliano. E se Pecorella è da tempo indagato a Brescia per favoreggiamento (con il legale di Siciliano), altri due suoi colleghi, a dispetto di una richiesta di condanna a 2 anni e 4 mesi con l’accusa d’aver intermediato la promessa al pentito di 115mila dollari in cambio di una ritrattazione, sono già stati assolti due volte a Brescia «per non aver commesso il fatto».
lferrarella@corriere.it
Luigi Ferrarella

www.corriere.it

documentazione
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo