antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 31.05.13
CiaoFranca: stuprata perché antifascista e non perché ??bella?!
·
Franca Rame. Io l??ho conosciuta. Ho avuto questa grande fortuna. Una idealista, fino in fondo, che quando si è resa conto che la politica e la rappresentanza parlamentare non facevano per lei si è dimessa rinunciando allo stipendio, per coerenza, congedandosi pubblicamente. Una persona seria che, ricordo, quando Dario Fo vinse il Nobel lei raccoglieva progetti belli, utili, anche di donne, perché quei soldi li volevano spendere bene. Una che nel racconto sullo stupro ci ha spiegato che per umiliare una donna che fa politica si passa anche per il più antico strumento di oppressione.
Franca Rame fu sequestrata e stuprata da fascisti, quelli che ??non toccate le *nostre* donne? quando si parla di stranieri, e fu stuprata da loro che la odiavano perché di sinistra e femminista. Perché l??umiliazione, la mortificazione, lo stupro punitivo come arma contro le donne esiste. La matrice di quello stupro è fascista, autoritaria, perché c??era volontà di annientare un??altra idea e la persona che se ne faceva portatrice. Non dire questa cosa corrisponde a stuprarla un??altra volta.
Tale omissione, secondo i media online, è stata fatta dal Tg2 (che oggi chiede malamente scusa ?vergognandosi? di chi ha osato pensar male? ) in cui è stato detto:
??Una donna bellissima Franca, amata e odiata. Chi la definiva un??attrice di talento che sapeva mettere in gioco la propria carriera teatrale per un ideale di militanza politica totalizzante; chi invece la vedeva coma la pasionaria rossa che approfittava della propria bellezza fisica per imporre attenzione. Finché il 9 marzo del 1973 fu sequestrata e stuprata. Ci vollero 25 anni per scoprire i nomi degli aggressori, ma tutto era caduto in prescrizione??
Ideale di militanza politica totalizzante?!?
Pasionaria rossa che approfittava della propria bellezza fisica per imporre attenzione?!?
Finché fu sequestrata e stuprata?!?
Vorrei sapere cosa diamine sarebbe la militanza politica ??totalizzante?. Vorrei sapere cosa si vuole intendere dicendo che lei approfittava e bla bla ??finché? non fu sequestrata e stuprata. Che è? Una conseguenza? Se l??è cercata?
E?? mai possibile che quando si parla di una donna e una femminista non si riesce a risparmiarsi lo schizzo di veleno neppure per farle un necrologio?



Chi erano i fascisti che stuprarono Franca Rame su mandato del carabinieri

IL SEQUESTRO E LE VIOLENZE
SUBITE DA FRANCA RAME
Il 9 marzo 1973, Franca RAME, all??epoca molto impegnata insieme al marito, Dario FO, nell??attività di SOCCORSO ROSSO in favore dei carcerati e in particolare dei detenuti di estrema sinistra, veniva aggredita da alcuni sconosciuti a Milano, in Via Nirone, fatta salire con la forza su un furgone e sottoposta a violenza carnale.
Gli autori del gravissimo episodio erano rimasti sconosciuti, anche se la figura e l??impegno della vittima consentivano, sin dall??inizio, di attribuirlo con ragionevole certezza all??area di estrema destra milanese.
Una prima e più diretta indicazione in tal senso era giunta, nel 1987, da Angelo IZZO il quale, nel corso di dichiarazioni rese al Sostituto Procuratore della Repubblica di Milano, dr.ssa Maria Luisa Dameno, aveva dichiarato di aver appreso in carcere che il principale responsabile dell??aggressione a Franca RAME era stato Angelo ANGELI e che l??azione era stata suggerita da alcuni ufficiali dei Carabinieri della Divisione Pastrengo, nel quadro del sostanziale atteggiamento di ??cobelligeranza? esistente all??epoca fra alcuni settori di tale Divisione e gli estremisti di destra nella lotta contro il ??pericolo comunista?.
Nell??ambito della presente istruttoria, l??iniziale racconto di Angelo IZZO ha avuto una precisa conferma da Biagio PITARRESI, elemento di spicco della destra milanese negli anni ??70 e all??epoca vicino a Giancarlo ROGNONI e ai suoi uomini, pur senza far parte del gruppo La Fenice, prima di transitare nei ranghi della malavita comune.
Biagio PITARRESI ha infatti raccontato che l??azione contro Franca RAME era stata in un primo momento proposta proprio a lui, ma egli si era rifiutato ed era quindi subentrato Angelo ANGELI il quale aveva materialmente agito con altri camerati, fra cui un certo MULLER e un certo PATRIZIO (dep. PITARRESI,9.5.1995, f.5).
Biagio PITARRESI ha anche confermato che l??azione intimidatoria era stata ispirata da alcuni Carabinieri della Divisione Pastrengo, Comando dell??Arma con il quale sia PITARRESI sia ANGELI erano da tempo in contatto in funzione sia informativa sia di supporto in attività di provocazione contro gli ambienti di sinistra.
Angelo ANGELI, del resto, compare più volte negli atti di questa istruttoria (e in particolare nelle dichiarazioni di Carlo DIGILIO e Martino SICILIANO) quale soggetto molto legato, negli anni successivi, in particolare a Pietro BATTISTON (e con lui probabilmente coinvolto in traffici di armi), quale frequentatore dell??ambiente ordinovista veneziano e quale ospite, ancora negli anni ??80, della casa di Villa d??Adda dove DIGILIO e MALCANGI avevano trascorso una cospicua parte della loro latitanza.
Anche il probabile coinvolgimento quali suggeritori dell??azione di alcuni ufficiali della Divisione Pastrengo, alla luce delle complessive emergenze istruttorie di questi ultimi anni, non deve certo stupire.
186Si ricordi che, come ampiamente esposto nella prima sentenza-ordinanza di questo Ufficio, il Comando della Divisione Pastrengo era stato pesantemente coinvolto, nella prima metà degli anni ??70, in attività di collusione con strutture eversive e di
depistaggio delle indagini in corso, quali la copertura dei traffici di armi organizzati dal M.A.R. di Carlo FUMAGALLI e la ??chiusura? della fonte TURCO, e cioè Gianni CASALINI di Padova, con la soppressione delle relazioni contenenti le informazioni da questi già fornite e che avrebbero potuto essere di notevole importanza per le indagini in corso sulla cellula padovana di FREDA e VENTURA.


news
r_nazionale


articolo precedente           articolo successivo