antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 21.11.12
Berlino, crociata anti neonazi
·
Berlino, crociata anti neonazi

La Germania cerca un meccanismo che consenta di vietare l'attività politica del partito di estrema destra Npd.

di Pierluigi Mennitti

da Berlino
Il Nationaldemokratische partei Deutschland (Npd) è il braccio politico dell'estrema destra, da sempre in bilico fra populismo nazionalista e neonazismo.

Il Nationaldemokratische partei Deutschland (Npd) è il braccio politico dell'estrema destra, da sempre in bilico fra populismo nazionalista e neonazismo.

Un nuovo impulso alla battaglia contro l'estremismo di destra in Germania potrebbe arrivare dai singoli Länder.
La questione che da mesi impegna governo e partiti nazionali è quella di trovare un meccanismo che consenta di vietare l'attività politica del Nationaldemokratische partei Deutschland (Npd), il braccio politico dell'estrema destra da sempre in bilico fra populismo nazionalista e neonazismo.
Una questione delicata, che si intreccia con il ruolo svolto dagli infiltrati dei servizi di sicurezza nelle maglie del Npd, tutelato dalla costituzione e considerato decisivo per monitorare umori e intenzioni dell'universo radicale.
ULTIMO TENTATIVO NEL 2003. Già in passato, analoghe iniziative erano state bocciate dalla Corte costituzionale, non tanto perché un bando dall'attività politica avrebbe leso la libertà di opinione garantita anche alle forze estremiste, quanto perché avrebbe impedito l'opera degli infiltrati rendendo così più difficile mantenere contatti diretti con il magma sempre più effervescente del mondo neonazista. L'ultimo caso risale al 2003.
LA BATTAGLIA DELLE REGIONI. Ma ora il presidente della Conferenza dei ministri dell'Interno delle regioni tedesche, il cristiano-democratico Lorenz Caffier, ha annunciato al Financial Times Deutschland «che molti Länder sarebbero intenzionati ad agire da soli e ad avanzare una propria autonoma richiesta ai giudici di Karlsruhe, senza attendere la decisione del governo o del Bundestag».
Di fronte alle prudenze mostrate dai due altri organi istituzionali, le singole Regioni hanno deciso di non perdere altro tempo: «Non giudico le titubanze di governo e parlamento», ha detto Caffier al quotidiano finanziario, «e anzi spero che alla fine le resistenze vengano superate e che i due organi possano affiancare una loro richiesta a quella che presenteranno le regioni. Sarebbe un segnale forte, che rafforzerebbe anche le nostre spalle. Ma noi intendiamo muoverci anche autonomamente».
Il rischio boomerang per l'iniziativa
Manifestazioni neonazi a Berlino.

Manifestazioni neonazi a Berlino.

La decisione verrà presa nella Conferenza dei ministri dell'Interno in programma il 5 e 6 dicembre. Per presentare istanza alla Corte costituzionale è necessaria comunque l'unanimità di tutti i ministri, una condizione non scontata. I rappresentanti dell'Assia e della Bassa Sassonia condividono le preoccupazioni del titolare federale degli Interni, Hans-Peter Friedrich della Csu (il partito cristiano-sociale bavarese), che teme una nuova bocciatura da parte dei giudici di Karlsruhe basata ancora sul ruolo fondamentale che la costituzione affida al ruolo degli infiltrati dei servizi.
Se governo e Bundestag falliscono nuovamente di fronte alla Corte, questo il timore del ministro, sarà un boomerang che renderà ogni altra iniziativa ancora più difficile.
AUMENTO DI CONSENSI PER L'ESTREMA DESTRA. Caffier, che guida la sicurezza nella regione del Meklenburgo-Pomerania Anteriore, il Land nord-orientale stretto fra il Baltico e la Polonia dove l'Npd ha ottenuto recenti successi elettorali a livello comunale e regionale, è però più preoccupato per l'aumento di consensi per l'estrema destra, non solo elettorali.
L'attivismo dei gruppi extraparlamentari è in crescita, le manifestazioni sono sempre più numerose e violente, le vittorie elettorali sono solo il riflesso di una crescente penetrazione nel cuore della società civile.
Il fenomeno riguarda un po' tutta la Germania anche se appare più diffuso e preoccupante nelle regioni orientali, dove una tradizione democratica recente, e dunque più debole, si mescola con una maggiore incertezza economica e con tassi di disoccupazione più elevati.
LA CELLULA NEONAZISTA DI ZWICKAU. La stessa Corte ha classificato l'Npd come partito estremista. Le falle mostrate dai servizi di sicurezza negli ultimi casi di indagine, in particolare riguardo all'azione della cellula neonazista di Zwickau denominata Nationalsozialistische Untergrund (Sottosuolo nazionalsocialista, Nsu) potrebbero però creare un contesto diverso rispetto a quello del 2003.
Caffier, che si è dichiarato ottimista sulla possibilità di raggiungere un accordo unanime in seno alla Conferenza, ha ammesso i rischi cui andrebbe incontro anche l'iniziativa dei Länder: «Ma ogni politico democratico, convinto delle sue idee, deve anche assumersi qualche rischio. Chi decide di presentarsi di fronte ai giudici, sa bene di poter anche perdere. Sostanzieremo la nostra istanza con una documentazione estesa e ricca di fonti, dalla quale emerge la pericolosità dell'Npd per la sicurezza democratica della Germania. Il fatto che l'azione politica aggressiva di questo partito venga finanziata con il denaro pubblico dei contribuenti crea sempre maggior turbamento fra i cittadini. ? giunto il tempo di contribuire affinché venga presa una decisione».

Mercoledì, 21 Novembre 2012

http://www.lettera43.it/politica/berlino-crociata-anti-neonazi_4367573277.htm

documentazione
r_internazionale


articolo precedente           articolo successivo