antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova
- Verona, il writer che combatte il fascismo con i colori
- Cesena Forza Nuova al liceo, appello del Comune all’autorità di ps
- Cesena Manifestazione di Forza Nuova davanti ai licei, 50 prof: "Sbagliato autorizzarla lì"
- Roma, corteo di donne affronta militanti CasaPound: "Qui i fascisti non li vogliamo"
- Udine, rassegna jazz lascia la città: “Non collaboriamo con il nuovo sindaco che ha vinto con i voti dei neofascisti”
- Migranti, marcia No Tav contro estremisti di destra: scontri con la Gendarmeria al confine tra Italia e Francia
- Ufficiale: Bologna vieta gadget e spazi pubblici a fascisti e razzisti
- Niente piazze ai fascisti sull'Appennino Bolognese, la sfida di Forza Nuova: "Presto in piazza"
- Livorno, Lega organizza comizio a teatro. Lavoratori scioperano per protesta: “Candidato xenofobo e omofobo”
- Liberi e Uguali si rifiuta di partecipare alla Tribuna elettorale Rai con CasaPound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"
8.12.17 Se CasaPound entra anche nelle scuole: la sua associazione studentesca ha 200 rappresentanti in Italia

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 21.11.12
Berlino, crociata anti neonazi
·
Berlino, crociata anti neonazi

La Germania cerca un meccanismo che consenta di vietare l'attività politica del partito di estrema destra Npd.

di Pierluigi Mennitti

da Berlino
Il Nationaldemokratische partei Deutschland (Npd) è il braccio politico dell'estrema destra, da sempre in bilico fra populismo nazionalista e neonazismo.

Il Nationaldemokratische partei Deutschland (Npd) è il braccio politico dell'estrema destra, da sempre in bilico fra populismo nazionalista e neonazismo.

Un nuovo impulso alla battaglia contro l'estremismo di destra in Germania potrebbe arrivare dai singoli Länder.
La questione che da mesi impegna governo e partiti nazionali è quella di trovare un meccanismo che consenta di vietare l'attività politica del Nationaldemokratische partei Deutschland (Npd), il braccio politico dell'estrema destra da sempre in bilico fra populismo nazionalista e neonazismo.
Una questione delicata, che si intreccia con il ruolo svolto dagli infiltrati dei servizi di sicurezza nelle maglie del Npd, tutelato dalla costituzione e considerato decisivo per monitorare umori e intenzioni dell'universo radicale.
ULTIMO TENTATIVO NEL 2003. Già in passato, analoghe iniziative erano state bocciate dalla Corte costituzionale, non tanto perché un bando dall'attività politica avrebbe leso la libertà di opinione garantita anche alle forze estremiste, quanto perché avrebbe impedito l'opera degli infiltrati rendendo così più difficile mantenere contatti diretti con il magma sempre più effervescente del mondo neonazista. L'ultimo caso risale al 2003.
LA BATTAGLIA DELLE REGIONI. Ma ora il presidente della Conferenza dei ministri dell'Interno delle regioni tedesche, il cristiano-democratico Lorenz Caffier, ha annunciato al Financial Times Deutschland «che molti Länder sarebbero intenzionati ad agire da soli e ad avanzare una propria autonoma richiesta ai giudici di Karlsruhe, senza attendere la decisione del governo o del Bundestag».
Di fronte alle prudenze mostrate dai due altri organi istituzionali, le singole Regioni hanno deciso di non perdere altro tempo: «Non giudico le titubanze di governo e parlamento», ha detto Caffier al quotidiano finanziario, «e anzi spero che alla fine le resistenze vengano superate e che i due organi possano affiancare una loro richiesta a quella che presenteranno le regioni. Sarebbe un segnale forte, che rafforzerebbe anche le nostre spalle. Ma noi intendiamo muoverci anche autonomamente».
Il rischio boomerang per l'iniziativa
Manifestazioni neonazi a Berlino.

Manifestazioni neonazi a Berlino.

La decisione verrà presa nella Conferenza dei ministri dell'Interno in programma il 5 e 6 dicembre. Per presentare istanza alla Corte costituzionale è necessaria comunque l'unanimità di tutti i ministri, una condizione non scontata. I rappresentanti dell'Assia e della Bassa Sassonia condividono le preoccupazioni del titolare federale degli Interni, Hans-Peter Friedrich della Csu (il partito cristiano-sociale bavarese), che teme una nuova bocciatura da parte dei giudici di Karlsruhe basata ancora sul ruolo fondamentale che la costituzione affida al ruolo degli infiltrati dei servizi.
Se governo e Bundestag falliscono nuovamente di fronte alla Corte, questo il timore del ministro, sarà un boomerang che renderà ogni altra iniziativa ancora più difficile.
AUMENTO DI CONSENSI PER L'ESTREMA DESTRA. Caffier, che guida la sicurezza nella regione del Meklenburgo-Pomerania Anteriore, il Land nord-orientale stretto fra il Baltico e la Polonia dove l'Npd ha ottenuto recenti successi elettorali a livello comunale e regionale, è però più preoccupato per l'aumento di consensi per l'estrema destra, non solo elettorali.
L'attivismo dei gruppi extraparlamentari è in crescita, le manifestazioni sono sempre più numerose e violente, le vittorie elettorali sono solo il riflesso di una crescente penetrazione nel cuore della società civile.
Il fenomeno riguarda un po' tutta la Germania anche se appare più diffuso e preoccupante nelle regioni orientali, dove una tradizione democratica recente, e dunque più debole, si mescola con una maggiore incertezza economica e con tassi di disoccupazione più elevati.
LA CELLULA NEONAZISTA DI ZWICKAU. La stessa Corte ha classificato l'Npd come partito estremista. Le falle mostrate dai servizi di sicurezza negli ultimi casi di indagine, in particolare riguardo all'azione della cellula neonazista di Zwickau denominata Nationalsozialistische Untergrund (Sottosuolo nazionalsocialista, Nsu) potrebbero però creare un contesto diverso rispetto a quello del 2003.
Caffier, che si è dichiarato ottimista sulla possibilità di raggiungere un accordo unanime in seno alla Conferenza, ha ammesso i rischi cui andrebbe incontro anche l'iniziativa dei Länder: «Ma ogni politico democratico, convinto delle sue idee, deve anche assumersi qualche rischio. Chi decide di presentarsi di fronte ai giudici, sa bene di poter anche perdere. Sostanzieremo la nostra istanza con una documentazione estesa e ricca di fonti, dalla quale emerge la pericolosità dell'Npd per la sicurezza democratica della Germania. Il fatto che l'azione politica aggressiva di questo partito venga finanziata con il denaro pubblico dei contribuenti crea sempre maggior turbamento fra i cittadini. ? giunto il tempo di contribuire affinché venga presa una decisione».

Mercoledì, 21 Novembre 2012

http://www.lettera43.it/politica/berlino-crociata-anti-neonazi_4367573277.htm

documentazione
r_internazionale


articolo precedente           articolo successivo