antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 3.05.09
Verona: Primo maggio senza Nicola
·
Primo maggio senza Nicola
Ad un anno dall'aggressione neofascista che uccise Tommasoli, Verona si mobilita con un lungo corteo cittadino. Per ribadire che quella violenza non fu affatto casuale come in molti ancora credono
Ad un anno esatto dall'aggressione che costò la vita a Nicola Tommasoli, Verona torna in piazza. Non solo per ricordare il ragazzo, morto quattro giorni più tardi senza mai essere uscito dal coma, ma anche per ribadire che quella tragica vicenda non è servita a capire e per invitare, finalmente, a farlo. Non ha capito il sindaco Flavio Tosi, che allora disse «è una su un milione» e poi «macché fascismo è solo disagio», salvo poi gridare alla «condanna esemplare» e costituirsi parte civile, come Comune danneggiato dalla «falsa» immagine che i media diedero della città, al processo contro i cinque giovani aggressori, di cui tre in odor di neofascismo. Non ha capito la maggioranza amministratrice, che, due mesi dopo la morte di Nicola, patrocinò un convegno con il fior fiore di razzisti, come Borghezio, neonazisti, come Piero Puschiavo, negazionisti, come don Abrahamovicz, di casa a Verona. Non hanno capito infine, neppure i cittadini meglio pensanti, che continuano a rimuovere le radici della violenza manifestata da molti giovani di questa città, travolti dall'ideologia fascio-calcistica.
Non solo, si commuovono vedendo il sindaco sfilare il 25 aprile, dimenticando che tra i suoi alleati c'è la crema del neofascismo e del tradizionalismo cattolico e che proprio lui, nel dicembre 2007, andò di persona a salutare gli organizzatori di un corteo neonazista, con cui peraltro fu immortalato. Così, mentre quattro dei cinque imputati per omicidio preterintenzionale sono ancora in carcere - Andrea Vesentini, l'unico che ha accettato di farsi interrogare dalla corte, è agli arresti domiciliari - e attendono la ripresa del processo prevista per il 29 maggio p.v., oggi un corteo scenderà di nuovo per le strade di Verona a dire che quella violenza, se non fu premeditata, non fu neppure casuale. Per questo la manifestazione, che non si prevede imponente come quella del 17 maggio dell'anno scorso che portò in piazza diecimila persone (ma allora Nicola era morto da poco), procederà lungo un percorso a tappe. Tappe che, dopo la partenza (alle 15) da piazza Santa Toscana - dove c'è la chiesa frequentata dagli integralisti cattolici, in cui si svolgono le messe in rito antico e in cui si rischiò di veder officiare cresime un vescovo argentino colluso con la dittatura (il manifesto, 18-19/10/2008) - serviranno per rinfrescare la memoria. Prima tappa alla galleria dell'Embassy per ricordare i soprusi subiti dai migranti, sgomberati da appartamenti in cui si viveva in condizioni igieniche precarie e con affitti di dubbia legalità. Poi, lungo la strada che porta verso il centro, la questione delle caserme Passalacqua e santa Marta, strappate da un coraggioso comitato nientemeno che alla Nato, promesse al quartiere e all'università (che soffocano) e che, pare, il Comune abbia intenzione di svendere per realizzare palazzi di edilizia privata e zone commerciali.
Seconda tappa nei pressi di lungadige Nicola Pasetto, altra eroica impresa di questa amministrazione, l'intitolazione di una strada a un deputato missino, in gioventù noto (e condannato) picchiatore fascista. Terza fermata alla chiesa di san Tomaso, che, quand'era sindaco di centro-centrosinistra il cattolicissimo Paolo Zanotto, divenne per una settimana rifugio di una parte della comunità rom di Boscomantico, a rischio di sgombero (lo sgombero riuscì poi a Flavio Tosi ma fatto con classe, senza tanti bau bau). Quarta e quinta tappa in centro storico, in due piazze adiacenti, piazza del Tribunale, da cui recentemente sono stati cacciati i senzatetto, e piazza Viviani, dove nella notte tra il tre e il quattro gennaio scorso fu aggredita una compagnia di ragazzi da parte di un gruppo di loschi figuri in odor di calcio-fascismo che non avevano gradito le osservazioni fatte sui loro cori razzisti da stadio. Una via crucis - ha detto qualcuno - e in fondo, aggiungendo la coazione a ripetere, è una definizione calzante. Anche perché il corteo finirà in corticella Leoni, dove Nicola e i suoi amici sono stati aggrediti e dove ieri è stato ricordato in silenzio. Oggi il dolore e la memoria si trasformeranno in parole, musica, gesti. In attesa che, a trasformarsi, sia la coscienza di una città ferita e ripiegata sulla sua opulenza, dove anche le domande sono di troppo.

http://www.ilmanifesto.it/il-manifesto/argomenti/numero/20090501/pagina/17/pezzo/248960/

news
r_veneto


articolo precedente           articolo successivo