antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Monza, tensione in centro tra Antifascisti e CasaPound. La Polizia carica
- "Niente spazi pubblici ai fascisti": patto di 5 Comuni del Bolognese
- Catania: manifestazione contro l'apertura della sede di Casa Pound
- Banchetto di Leverano Casapound in piazza, volano pugni e parole grosse
- Perugia CasaPound, 47 accademici chiedono no alla manifestazione
- Modena Manifestazione Antifascista Violente cariche della polizia
- Modena venerdi 15 dicembre h.20.30: fermiamo il corteo neonazista!
- Forlì, in 500 al corteo dopo i tafferugli con Forza Nuova
- Blitz fascista, sit-in davanti a Repubblica e Espresso
- Bologna Montagnola, presidio e tensione E fra le fiaccole spunta CasaPound
- Milano, scontri tra militanti di Forza Nuova e antagonisti
- Como, marcia Pd dopo blitz skinheads. Boldrini: “Fronte comune”. Ma Salvini: “Vogliono immigrazione fuori controllo”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"
8.12.17 Se CasaPound entra anche nelle scuole: la sua associazione studentesca ha 200 rappresentanti in Italia
6.12.17 Fascisti su Facebook, ecco i gruppi segreti con cui la galassia nera fa proseliti sul web
18.11.17 Milano L'avanzata neofascista, l'estrema destra tra periferie e lotte interne
16.11.17 La violenza di CasaPound a Ostia
15.11.17 Tutti i soldi e le società di CasaPound e Forza Nuova: così si finanziano i partiti neofascisti
9.11.17 Ostia, le bugie di CasaPound su Roberto Spada e quegli affari della leader Chiaraluce
7.11.17 La bolla di Casapound ad Ostia e l’eccezionalizzazione dei fascisti
5.11.17 Forza nuova Holding 2: Così ha provato a piazzare anche un quadro di Gauguin
4.11.17 Forza Nuova Holding: dai dentisti ai compro-oro, il tesoro milionario dei "poveri patrioti"
2.11.17 Tartarughe frecciate e inquinamento nero
27.10.17 Ex Forza Nuova:"Ora vi spiego Fiore e a che servono le ronde"
26.10.17 L'alleanza nera degli ultras romani: il caso Anna Frank è solo l'ultimo episodio
15.10.17 Casa Pound Milano S.p.a. – reportage 1 Pivert
2.10.17 Esclusivo: anche Matteo Salvini ha usato i soldi rubati da Bossi
17.09.17 Gran Bretagna: La minaccia dell'estrema destra islamofoba
27.08.17 “Addestrati e armati”. I gruppi neonazisti spaventano l’Europa
26.08.17 Wu Ming La polizia contro Pasolini, Pasolini contro la polizia
24.08.17 «Lealtà e Azione» fa la sua comparsa anche a Bologna
23.08.17 Le Fantasie Virili Di Ludwig

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |

pubblicato il 14.10.08
Pavia: denunce fasciste ed intimidazioni poliziesche
·



martedì 14 ottobre 2008

La deriva autoritaria che imperversa nel nostro paese è un dato tangibile che possiamo verificare quotidianamente: denunci i disservizi di Trenitalia? Sei licenziato!

Sei un bambino di etnia rom?Ti prendiamo le impronte digitali!

Sei comunista? Ti schediamo!

No, quest’ultimo non è uno scherzo e nemmeno una rievocazione propagandistica delle pratiche coercitive del ventennio fascista: Alessandro Savoldi, militante dei giovani comunisti e membro del collegio di garanzia provinciale del PRC pavese è stato schedato sabato 4 ottobre presso i locali della questura. Ma facciamo un passo indietro e ripercorriamo tutti i momenti di questa allarmante vicenda. Giovedì 2 ottobre.

Alessandro riceve una telefonata dall’ispettore Manzi della Digos di Pavia che lo avverte che il sabato seguente alle ore 10.00 si deve recare in questura per essere ascoltato su questioni di giustizia. Arriva il fatidico giorno e Alessandro viene ricevuto dall’ispettore Michele Boccardo, quest’ultimo gli comunica che il tribunale di Roma ha dato mandato alla Digos di Pavia di aprire un’indagine in merito ad una denuncia per diffamazione inoltrata dal segretario nazionale di Forza Nuova Roberto Fiore, per un articolo scritto da Savoldi e pubblicato sul sito www.giovanicomunistipavia.org.

Una volta accertata la paternità dell’articolo Alessandro diventa ufficialmente indagato, si compilano i verbali e quando l’incontro sembra volgere al termine l’ispettore gli comunica che bisogna procedere all’identificazione.

La richiesta sembra subito ambigua, infatti, l’identificazione era già avvenuta attraverso la consegna della patente di guida (come risulta dagli stessi verbali) e dalla dichiarazione di residenza e domicilio. Nemmeno il tempo di capire cosa stesse succedendo ed il compagno si trova sbattuto all’anti-crimine nell’ufficio della scientifica. I poliziotti procedono all’insolita “identificazione” che si trasforma in una vera e propria schedatura politica, prima gli vengono fatte le foto segnaletiche e poi gli vengono prese le impronte digitali come se avessero a che fare con un criminale.

Alessandro chiede spiegazioni, i poliziotti bofonchiano e dicono che si tratta di una normale procedura. Questa spiegazione non regge: altri compagni di Pavia sono stati denunciati da Roberto Fiore per diffamazione (tra cui il segretario provinciale del PRC Giuseppe Abbà e quello cittadino Pablo Genova) e a nessuno e stato riservato un simile trattamento.

Ci preme segnalare che Alessandro è incensurato e che la sua fedina penale è più bianca del latte..il suo reato? Quello di essere un militante comunista, di aver sempre difeso gli oppressi e gli sfruttati, di essersi schierato dalla parte dei rom della SNIA quando ondata razzista e xenofoba si era abbattuta sulla provincia pavese lo scorso anno, di essere da anni in prima linea nel movimento studentesco pavese. Quello della questura è stata un atto indegno, sproporzionato e intimidatorio che non può passare sotto silenzio, la gravità di questo gesto conferma la deriva autoritaria e repressiva dei tempi che corrono (all’indietro!)

Ancora una volta è il momento di riflettere, capire e agire perché quello che è successo a Pavia non capiti mai più.

Da Falce Martello

repressione
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo