antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Giulietti: "La Costituzione antifascista non è in lockdown, guai se la Rai dà spazio agli squadristi"
- Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
19.12.20 Casapound: convegni, nuovi slogan e alleanze elettorali. L'idillio tricolore tra la "tartaruga nera" e Meloni
19.12.20 L'ultradestra torna a casa: abbandona Salvini e abbraccia Fratelli d'Italia
12.12.20 Report: Cinque sfumature di nero 07/12/2020
10.12.20 Anastasia, la setta bio-nazista che spaventa la Germania dalla nostra corrispondente
3.12.20 I vecchi mostri La destra estrema è qui per restare, ma non si deve smettere di combatterla
12.11.20 Neonazisti, franchisti e ultradestra: la rete fascista che cavalca le proteste in tutta Europa
9.11.20 Stati Uniti, i 940 "gruppi d'odio" che mettono in stato d'allerta l'Fbi dopo la sconfitta di Trump
8.11.20 Chi c’è dietro il gruppo di Giorgia Meloni
6.11.20 Covid, se l’ultra destra arruola negazionisti e capi delle proteste
27.10.20 Sicilia: Galassia nera, ultrà e capipopolo: ecco chi soffia sul fuoco dell’ira
21.10.20 Il popolo no mask che nasconde l’ultradestra
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Report: Il virus nero
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 21.11.07
Attacchi sempre più frequenti a gay e trans
·

Da “D – La Repubblica delle Donne”
Attacchi sempre più frequenti a gay e trans
Mentre la Chiesa e una certa politica fomentano l’odio. Una dettagliata inchiesta del settimanale di Repubblica D

Ambra Radaelli, 19 novembre 2007
Il clima omofobo ha raggiunto sfumature persecutorie». Lo hanno detto Titti De Simone, Franco Grillini e Vladimir Luxuria in un’interrogazione parlamentare, lo ribadisce la cronaca ogni settimana.

«Le aggressioni sono salite, nell’ultimo anno, anche del 35 per cento», avverte Luca Trentini, membro della segreteria nazionale Arcigay con delega ai diritti umani e alla lotta alla violenza. Nel 2006, ricorda Barbara Pollastrini, «sono state 30 le persone transgender uccise»: l’ultima è Stefania Coppi, a fine luglio a Roma. Più recente (fine ottobre) l’assassinio di Antonio Saracino, in un’area del Cosentino frequentata da gay in cerca di intimità. «Negli stessi giorni», spiega Trentini, «a Catanzaro sono comparsi manifesti di Forza Nuova: “Basta froci». A maggio scorso si sono verificate cinque aggressioni omofobe – fisiche, verbali o attraverso volantini – in una sola settimana. E chissà quante non sono state denunciate, e chissà, senza arrivare a pestaggi e minacce, quante battute offensive, quanti gesti volgari. Il 40 per cento dei gay è stato preso in giro dai compagni di scuola, e quasi sempre l’insegnante è rimasto indifferente; il 27 per cento aggredito, a parole o a fatti. Lo dice la ricerca della Regione Toscana “Omofobia e servizi pubblici: scuola sanità sicurezza”.

L’Italia, una volta tanto, non sfigura: il segretario generale del Consiglio d’Europa, Terry Davis. ha detto: «L’omofobia cresce in Europa, e spesso sono le istituzioni a diffondere intolleranza e disprezzo». Chissà se si riferiva anche a Pier Gianni Prosperini (An), secondo cui »per i gay ci vuole la garrota» o a Paola Binetti (Margherita), che considera l’omosessualità «una devianza della personalità». O alla risoluzione del Comune di Verona che nel ‘95, giunta Sironi, lo impegnava a non deliberare in modo da “parificare i diritti delle coppie omosessuali a quelli delle famiglie naturali”: mai modificata, neppure dalla successiva giunta Zanotta, di centrosinistra. In ogni caso, a fine ottobre la Commissione Europea ha deciso di elaborare una Direttiva contro ogni discriminazione, compresi i soggetti glbt (gay lesbiche bisex transgender).

Tornando in Italia, nella violenza, sono coinvolte formazioni neofasciste», lo ha ribadito Aurelio Mancuso, presidente nazionale di Arcigay. Un ennesimo esempio? «L’invito” di Forza Nuova ai nostri associati a non celebrare il Pride a Catania» (abbiamo cercato i vertici di Forza Nuova, ma la segreteria del movimento non ci ha messo in contatto con loro). Qualche mese fa, Mancuso ha chiesto al ministro dell’Interno Amato di «mettere fuori legge tutti i movimenti organizzati che si richiamano al fascismo», senza risultati.

In compenso, il 17 ottobre «la Commissione Giustizia della Camera ha votato all’unanimità lo stralcio del pacchetto antiviolenza e la decisione di avviare la discussione su stalking ed estensione dei reati d’odio, previsti nella legge Mancino, anche per quelli contro le persone omosessuali. Se i capogruppo della Camera daranno il via libera, la Commissione potrà discutere e approvare i provvedimenti senza passare dall’aula, velocizzando di molto l’iter».

Dice Trentini: «I reati hanno acquistato visibilità, anche se non tutti si sentono di fare una denuncia che equivale a un coming out. I pestaggi sono opera anche di bande improvvisate, che obbediscono a un impulso del momento». Luoghi a rischio? «In passato pensavamo il Centro-Sud, ma non è più così. È da sfatare anche il mito della città più tollerante del paesino». Due estati fa, in Versilia. una ragazza è stata stuprata perché lesbica. «Quest’anno la situazione è stata tranquilla. Certo, è una zona dal forte turismo gay. E la visibilità indispettisce».

Tanto è vero che, spiega Cristina Gramolini, segretaria nazionale di Arcilesbica, «noi siamo parecchio prudenti. Anzitutto in quanto donne, quindi più esposte, e poi in quanto sessualmente non disponibili per l’uomo, anzi, portatrici di una sessualità non approvata». E che lo esclude: «Gli adolescenti chiamano “lesbiche’ le ragazze che rifiutano ìl corteggiamento».

Lo stigma si fa sentire di più «nei piccoli centri: molte si trasferiscono in città, sia dei Nord che del Sud». Anche per le donne sono a rischio i luoghi dove si è in tante e riconoscibili. «Le sedi della nostra associazione spesso non hanno insegna. Ma chi vuole colpirci sa di trovarci a concerti, discoteche, manifestazioni».
Aggressori politicizzati o no? Gramolini sottolinea come «più i movimenti sono antidemocratici e inclini alla forza, più costituiscono una minaccia per noi».

Situazione durissima per le trans. Fabianna Tozzi, presidente nazionale dì Crisalide AzioneTrans, non salva la città né il paese, il Nord né il Sud. «Qualsiasi dato è molto parziale: poche le denunce rispetto al reale fenomeno». Vittime, soprattutto le trans che si prostituiscono, «neppure considerate persone». Carnefici «i gruppi di estrema destra, ma anche gli insospettabili».

Non sono i soli colpevoli: ci sono i politici e la Chiesa. Per Trentini, «l’inasprirsi del dibattito sui diritti civili fa aumentare l’avversione». Gramolini accusa «chi parla di omosessualità come sciagura, di pericolo per la società. Qualcuno prende queste parole come un’esortazione ai fatti». «Il movimento transgender fa grandi passi», osserva Tozzi, «e questo irrita molti. In più la politica, non solo di destra, ha colpe gravissime. I discorsi di alcuni politici armano la mano di chi ci odia».

«A ME È SUCCESSO»
Paolo Ferigo, presidente del Centro di Iniziativa Gay, Arcigay di Milano

“In pizzeria, stavo discutendo con amici dell’organizzazione del Pride. e due uomini hanno iniziato a punzecchiarci. Noi li abbiamo ignorati ma, terminata la cena, siamo dovuti passare per forza accanto a loro. lo ne ho guardato uno alzando le sopracciglia, come per compatirlo. Mi è arrivato uno schiaffo. I miei amici sono intervenuti per allontanare l’aggressore, che gridava: «Ti ammazzo! io non sono gay, tu non mi puoi guardare negli occhi!». I due, scioccamente. sono passati davanti al locale con il furgone: abbiamo preso la targa e fatto denuncia. Nessuno ha mosso un dito: anzi, il proprietario della pizzeria si è rifiutato di chiamare la polizia. Però il giorno dopo ho ricevuto moltissimi messaggi di solidarietà, anche da sconosciuti, tra cui ristoratori che si sono scusati per il collega».

news
r_nazionale


articolo precedente           articolo successivo