antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova
- Verona, il writer che combatte il fascismo con i colori
- Cesena Forza Nuova al liceo, appello del Comune all’autorità di ps
- Cesena Manifestazione di Forza Nuova davanti ai licei, 50 prof: "Sbagliato autorizzarla lì"
- Roma, corteo di donne affronta militanti CasaPound: "Qui i fascisti non li vogliamo"
- Udine, rassegna jazz lascia la città: “Non collaboriamo con il nuovo sindaco che ha vinto con i voti dei neofascisti”
- Migranti, marcia No Tav contro estremisti di destra: scontri con la Gendarmeria al confine tra Italia e Francia
- Ufficiale: Bologna vieta gadget e spazi pubblici a fascisti e razzisti
- Niente piazze ai fascisti sull'Appennino Bolognese, la sfida di Forza Nuova: "Presto in piazza"
- Livorno, Lega organizza comizio a teatro. Lavoratori scioperano per protesta: “Candidato xenofobo e omofobo”
- Liberi e Uguali si rifiuta di partecipare alla Tribuna elettorale Rai con CasaPound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 8.07.06
Centosedici parlamentari hanno firmato un appello per la scarcerazione
·

Centosedici parlamentari hanno firmato un appello per la scarcerazione
indymedia by dal giorno Friday, Jul. 07

“Questa è una battaglia di garanzia che deve valere per tutti” ha detto Saponaro, consigliere dei Verdi. I firmatari ribadiscono preoccupazione perchè la misura cautelare ha un sapore fortemente restrittivo.

Milano, 7 luglio 2006 – “Centosedici parlamentari hanno sottoscritto un appello delle famiglie per chiedere la scarcerazione” dei detenuti “arrestati nel corso della manifestazione”.

Lo ha detto il senatore di Rifondazione Paolo Grassi, intervenuto alla conferenza stampa indetta dai genitori dei 25 detenuti per i disordini avvenuti in corso Buenos Aires lo scorso 11 marzo.

L’appello è stato firmato da senatori e deputati del Prc, da esponenti della loro delegazione al Parlamento europeo, dai senatori del gruppo Insieme con l’Unione Verdi-Comunisti italiani, da deputati del gruppo Comunisti italiani, da un membro della delegazione del Pdci al Parlamento europeo, e dai deputati del gruppo dei Verdi.

Secondo Marcello Saponaro, consigliere regionale dei Verdi, “l’auspicio è che molti altri deputati e consiglieri anche non della cosiddetta sinistra firmino questo appello perchè questa è una battaglia di garanzia che deve valere per tutti”.

“Esprimiamo una forte preoccupazione riguardo la loro vicenda processuale e umana – si legge nell’appello -. Non può infatti essere condivisibile, da chiunque, una applicazione di misure restrittive della libertà personale dal sapore così punitivo, che fortemente risente del clima esasperato creato da una campagna elettorale dai toni asprissimi. Lo stesso clima che ha causato nei giorni successivi ai fatti una campagna mediatica dura e superficiale. Per questi motivi è finalmente giunto il momento di riacquistare tutti un barlume di ragione, necessario per rendersi conto che a distanza di oltre tre mesi vi sono ancora ben 25 persone detenute. Questi provvedimenti giudiziari, oltre a limitare pesantemente il diritto costituzionale di manifestare, eludono l’altro principio cardine del nostro ordinamento secondo il quale ‘la responsabilità penale è personale”. “Infatti – prosegue l’appello – la lettura delle ordinanze emesse dal tribunale, che paiono far discendere la responsabilità penale dalla semplice presenza in piazza durante una manifestazione, al di là della attribuibiliità di singole condotte, appaiono forzate ed eccessivamente politiche”.

Secondo i genitori dei detenuti, “questa prolungata carcerazione, più che una necessità giuridica, appare come un monito e francamente ci auguriamo che non si tratti di una sanzione anticipatoria della pena. Venticinque persone – concludono – pagano un prezzo troppo alto. Per evitare ulteriori stravolgimenti in negativo dei diritti di libertà personale, chiediamo a tutti, nelle proprie differenze, di firmre questo appello che chiede la scarcerazione dei tanti e tante che ancora sono detenuti”.

repressione
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo