antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Presentato “Neofascismo in grigio”, ultimo libro di Claudio Vercelli
- Giulietti: "La Costituzione antifascista non è in lockdown, guai se la Rai dà spazio agli squadristi"
- Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
1.03.21 Argentina Voli della morte
12.02.21 Bugie contro Falcone sul delitto Mattarella: il neofascista Fioravanti torna sotto accusa
7.02.21 Dalla difesa della razza all’apologia del fascismo le Marche laboratorio della destra più nera
23.01.21 Neonazisti. Gruppi armati sono presenti anche in Italia
23.01.21 Il delirio del suprematista di Savona: “Hitler come Cristo guida luce”. La missione di una guerra la razziale “contro negri e degenerati”
19.12.20 Casapound: convegni, nuovi slogan e alleanze elettorali. L'idillio tricolore tra la "tartaruga nera" e Meloni
19.12.20 L'ultradestra torna a casa: abbandona Salvini e abbraccia Fratelli d'Italia
12.12.20 Report: Cinque sfumature di nero 07/12/2020
10.12.20 Anastasia, la setta bio-nazista che spaventa la Germania dalla nostra corrispondente
3.12.20 I vecchi mostri La destra estrema è qui per restare, ma non si deve smettere di combatterla
12.11.20 Neonazisti, franchisti e ultradestra: la rete fascista che cavalca le proteste in tutta Europa
9.11.20 Stati Uniti, i 940 "gruppi d'odio" che mettono in stato d'allerta l'Fbi dopo la sconfitta di Trump
8.11.20 Chi c’è dietro il gruppo di Giorgia Meloni
6.11.20 Covid, se l’ultra destra arruola negazionisti e capi delle proteste
27.10.20 Sicilia: Galassia nera, ultrà e capipopolo: ecco chi soffia sul fuoco dell’ira
21.10.20 Il popolo no mask che nasconde l’ultradestra
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 14.06.06
Genitori, 11 marzo: carcere illegittimo - appello alla citta'
·

Alcuni genitori dei fermati dell’11 marzo: carcere illegittimo
Antifa
Milano, 13 giu. (Apcom) –
“Ogni forma di violenza è da condannare, ma i nostri figli sono innocenti” dei reati loro contestati per i fatti dell’11 marzo a Milano, e la carcerazione è illegittima.
Lo sostengono genitori e difensori dei 24 esponenti dell’area antagonista milanese in custodia cautelare in carcere per gli scontri in corso Buenos Aires. La manifestazione, non autorizzata dalla questura, si proponeva di ostacolare il successivo corteo della Fiamma Tricolore in corso Venezia. “A oltre tre mesi dall’evento mi domando, e iniziano a chiederselo anche tanti milanesi, che senso abbia quella misura eccezionale” dichiara Juri Cerfoglio, parente di uno dei giovani in carcere, durante una controversa conferenza stampa a Palazzo Isimbardi, sede della Provincia di Milano, organizzata grazie a Rifondazione Comunista.

Sulla presunta illegittimità della carcerazione preventiva insiste anche Davide Steccanella, uno degli avvocati: “Quando abbiamo chiesto la sostituzione del carcere con altre misure cautelari come gli arresti domiciliari il tribunale del riesame l’ha negata con motivazioni inesistenti come il rischio che evadano e facciano altre manifestazioni analoghe. Questa è fantascienza giuridica” in quanto i giovani sono accusati di un reato che non è individuale, sostiene Steccanella, che aggiunge: “C’è stata disapplicazione della legge e la misura è palesemente illegittima”.

“Non mi interessa la geografia di quello che è successo lì – aggiunge il penalista Mirko Mazzali – ma quello che ha fatto ogni singolo soggetto. Abbiamo chiesto il processo fino allo sfinimento e sono convinto che si rivelerà come uno dei più grossi bluff rispetto agli imputati, perché coloro che sono in carcere sono, per la maggior parte, persone rifugiatesi nel portone di corso Buenos Aires 15, quelli cioè che meno hanno capito cosa stesse succedendo, mentre quelli che hanno bruciato la sede di An e lanciato i razzi non sono in carcere”.

“Chiediamo il rispetto del diritto e che i responsabili vengano giudicati individualmente per ciò che hanno fatto” aggiunge Silvia Fiore, madre di una delle sei ragazze fermate. I parenti dei giovani hanno organizzato sabato 17 giugno un corteo di solidarietà che partirà da piazza del Duomo alle 15. L’11 marzo vennero fermate 45 persone, per 34 venne confermato il carcere. Nei mesi successivi sono state rifiutate due istanze di scarcerazione e una al tribunale del riesame. L’imputazione è di concorso in devastazione, incendio e resistenza a pubblico ufficiale. Le indagini preliminari si sono concluse dopo due mesi, con due ulteriori arrestati poi rilasciati, e un numero finale di 29 indagati. L’udienza preliminare è stata fissata il 28 giugno.

Martedì, 13 Giugno 2006 – 07:00



appello

Siamo i genitori dei ragazzi arrestati in seguito ai disordini avvenuti in corso Buenos Aires durante la manifestazione dell’11 marzo scorso.

I nostri figli sono detenuti in carcere da oltre due mesi e mezzo senza processo e, finora, per molti di loro non vi è nessuna prova concreta della loro partecipazione agli atti violenti che hanno caratterizzato quella giornata.

Chiediamo:
Alla città di Milano, alle istituzioni e a tutta la cittadinanza, di aiutarci ad ottenere il rispetto dell’innocenza e quindi del diritto alla libertà dei nostri figli fino a quando non vengano dimostrate le loro personali e individuali responsabilità, diritti sanciti dall’art. 11 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e ribaditi dall’art. 108 della Costituzione Europea.
Ridate la libertà ai nostri figli
Ridateci la libertà di vederli vivere

repressione
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo