antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
"Niente spazi pubblici ai fascisti": patto di 5 Comuni del Bolognese
- Catania: manifestazione contro l'apertura della sede di Casa Pound
- Banchetto di Leverano Casapound in piazza, volano pugni e parole grosse
- Perugia CasaPound, 47 accademici chiedono no alla manifestazione
- Modena Manifestazione Antifascista Violente cariche della polizia
- Modena venerdi 15 dicembre h.20.30: fermiamo il corteo neonazista!
- Forlì, in 500 al corteo dopo i tafferugli con Forza Nuova
- Blitz fascista, sit-in davanti a Repubblica e Espresso
- Bologna Montagnola, presidio e tensione E fra le fiaccole spunta CasaPound
- Milano, scontri tra militanti di Forza Nuova e antagonisti
- Como, marcia Pd dopo blitz skinheads. Boldrini: “Fronte comune”. Ma Salvini: “Vogliono immigrazione fuori controllo”
- Il blitz degli skinhead a Como, il questore blocca la contromanifestazione di Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"
8.12.17 Se CasaPound entra anche nelle scuole: la sua associazione studentesca ha 200 rappresentanti in Italia
6.12.17 Fascisti su Facebook, ecco i gruppi segreti con cui la galassia nera fa proseliti sul web
18.11.17 Milano L'avanzata neofascista, l'estrema destra tra periferie e lotte interne
16.11.17 La violenza di CasaPound a Ostia
15.11.17 Tutti i soldi e le società di CasaPound e Forza Nuova: così si finanziano i partiti neofascisti
9.11.17 Ostia, le bugie di CasaPound su Roberto Spada e quegli affari della leader Chiaraluce
7.11.17 La bolla di Casapound ad Ostia e l’eccezionalizzazione dei fascisti
5.11.17 Forza nuova Holding 2: Così ha provato a piazzare anche un quadro di Gauguin
4.11.17 Forza Nuova Holding: dai dentisti ai compro-oro, il tesoro milionario dei "poveri patrioti"
2.11.17 Tartarughe frecciate e inquinamento nero
27.10.17 Ex Forza Nuova:"Ora vi spiego Fiore e a che servono le ronde"
26.10.17 L'alleanza nera degli ultras romani: il caso Anna Frank è solo l'ultimo episodio
15.10.17 Casa Pound Milano S.p.a. – reportage 1 Pivert
2.10.17 Esclusivo: anche Matteo Salvini ha usato i soldi rubati da Bossi
17.09.17 Gran Bretagna: La minaccia dell'estrema destra islamofoba
27.08.17 “Addestrati e armati”. I gruppi neonazisti spaventano l’Europa
26.08.17 Wu Ming La polizia contro Pasolini, Pasolini contro la polizia
24.08.17 «Lealtà e Azione» fa la sua comparsa anche a Bologna
23.08.17 Le Fantasie Virili Di Ludwig

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |

pubblicato il 15.04.06
Considerazioni sull'8 settembre
·

Riceviamo e pubblichiamo da Piero Stagno uno scritto redatto nel cinquantennale dell’armistizio del 8 settembre 1943.


5/9/2003

Cari amici,

lunedì è l’8 settembre, sessantesimo anniversario dell’armistizio, vide il gravissimo sbandamento dell’esercito italiano (ricordiamo tutti il film “tutti a casa” e tutti ne abbiamo sentito parlare in casa dai nostri genitori) e l’inizio dell’occupazione militare tedesca che per venti mesi insanguinò le nostre città e le nostre montagne.

Ma non è stata la “morte della Patria”, come una certa pubblicistica coi paraocchi dice da tempo.

Infatti per morire, prima bisogna essere vivi, ma la Patria era già morta: iniziò a morire il 3 gennaio 1925 e l’agonia proseguì con l’incarcerazione dei dissidenti, con l’abolizione della libertà di stampa e delle libere elezioni, con l’insegnamento della mistica fascista a scuola.

Già nei primi anni ‘30 la Patria era morta, nonostante la demagogia e la retorica del regime: era Patria quella che discriminava italiani in base alla loro ascendenza e li rendeva razza inferiore, era Patria quella che, oltre ad aver tolto la libertà ai suoi figli, stringeva un’alleanza cobn un’altra dittaura per togliere la libertà al mondo, era Patria quella che scatenava una guerra in chiaro contrasto con l’interesse nazionale?

A questa morte della Patria i 19 membri del Gran Consiglio si ribellarono il 25 luglio.

Grandi disse durante la riunione a Mussolini:”tu ci chiedi di scegliere fra la fedeltà a te e la fedeltà alla Patria. Noi non abbiamo dubbi” e i 19 scelsero la Patria, 5 pagando poi con la la vita questa loro nobile scelta.

A quel punto gli Italiani seppero, prima confusamente, poi in maniera sempre più chiara, che c’era un’altra Italia e quindi una speranza, nonostante l’infausto proclama di Badoglio del 26 luglio e l’inetta gestione dei 45 giorni che tante sciagure provocò.

E fu per questo, che la Patria in quel momento era l’altra Italia, il Re, che la Marina salpò da La Spezia, in base ad un ordine del Governo legittimo del Re (che era il contrario di quanto ordinato fino al giorno prima): l’ammiraglio Bergamini aveva giurato di agire per “il bene indissolubile del Re e della Patria” e si regolò di conseguenza; egli morì con tutto l’equipaggio della corazzata Roma, ma il resto della flotta raggiunse Malta.

Per questo il generale Ferrante Gonzaga (discendente di una delle famiglie più illustri d’Italia), morì l’8 settembre a Salerno combattendo contro i tedeschi (“per l’onore e la libertà della Patria” dice la scritta sotto il suo busto nel giardino di palazzo Gonzaga a Mantova).

Per questo gli ammiragli Mascherpa e Campioni resistono a Lero e sono fucilati.

Per questo la divisione Acqui resiste a Cefalonia, con una votazione fra i soldati che scelgono di combattere al comando del Generale Gandin; 8400 sono i morti, fra cui tutti gli ufficiali (165 fucilati).

Per questo circa dei 600.000 prigionieri in Germania, nonostante lusinghe e minacce, solo poche migliaia accettarono di arruolarsi con la RSI.

Per venire a fatti a noi vicini, per questo ci fu il combattimento di Cremeno, che domani sarà celebrato alla Caserma di Bolzaneto, per questo Aldo Gastaldi l’8 settembre nascose le armi e salì a Cichero (e fatti sinili avvennero in tutta Italia, Ignazio Vian a Cuneo e chissà quanti altri).

Per questo ci fu la Resistenza “venti mesi contro 20 anni”.

E vi pare che tutti questi sacrifici sarebbero potuto avvenire se non fosse stato che tutti questi uomini pensavano all’onore ed alla libertà d’Italia?

Non morte della Patria dunque, ma inizio della risurrezione del concetto di Patria, dopo la morte provocata dal fascismo.

Un caro saluto.

Piero Stagno

materiali storici
r_nazionale


articolo precedente           articolo successivo