antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Sondrio, insulti razzisti poi calci e pugni: senegalese in ospedale
- Raid punitivo contro alloggio di migranti: Piacenza, tre indagati
- Pisa, ancora un’aggressione omofoba: “Fate schifo”, poi sputi e pugni
- Genova Frasi razziste a immigrato, poi botte
- Sparano a uno straniero ed esultano, due persone nei guai nel Modenese
- Migrante pestato a sangue a Sassari Un 22enne della Guinea aggredito da cinque ragazzi in pieno centro
- Roma, spedizione razzista contro il fioraio a Cinecittà
- Bagheria, «Calmati fratello» e scatta il pestaggio: immigrato picchiato senza motivo con un cric
- Terracina, sparano piombini da unʼauto contro una bici: ferito operaio indiano
- Bologna Aggressione razzista in via Sant'Isaia
- Palermo, caccia al migrante: cinque minori profughi insultati e pestati
- Aprilia, spari da una finestra. Colpito immigrato

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Aggressione squadrista a Lanciano: risarcimento alla vittima e donazione a Ong Mediterranea
- Pizzarotti nega la sala civica a Forza Nuova: "Parma è antifascista"
- Trento C'è Di Stefano per CasaPound e gli anarchici lo ''accolgono'' con fumogeni e petardi: ''Via i fascisti''
- Bari, aggressione al corteo antifascista in via Crisanzio: blitz con mazze e catene
- Scontri a Marina Centro, il corteo di Forza Nuova cerca di sfondare il cordone
- Padova Antifascisti cercano di impedire il comizio di Forza Nuova: cariche delle forze dell'ordine in pieno centro
- Grosseto Corteo antifascista, cori e bandiere: in piazza contro il raduno di CasaPound c’è Maremma Antifa
- Roma ricorda Renato Biagetti dodici anni dopo
- Ravenna Scontri e contestazioni durante la cerimonia per Ettore Muti
- Pontida, nel santuario della Lega Salvini contestato da diciassettenne: "Fascista, rovini l'Italia"
- "Sgomberate la sede abusiva di Casapound". L’appello del sindaco Pascucci a Salvini e Raggi
- "Chiedo con forza le dimissioni del Ministro Fontana. Le sue dichiarazioni violano la Costituzione" Carla Nespolo - Presidente nazionale ANPI

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
17.10.18 Processo Cavallini, Ansaldi parla di Fioravanti: ''È un uomo della P2''
12.10.18 I legami pericolosi tra il partito di Matteo Salvini e la 'ndrangheta
24.09.18 Stati nazisti d’America, tra svastiche, Hitler e sostenitori dello "sterminio necessario"
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
26.07.18 Trattavia, le motivazioni della sentenza vanno lette ricordando stragi neofasciste, golpe e P2
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 15.04.06
Considerazioni sull'8 settembre
·

Riceviamo e pubblichiamo da Piero Stagno uno scritto redatto nel cinquantennale dell’armistizio del 8 settembre 1943.


5/9/2003

Cari amici,

lunedì è l’8 settembre, sessantesimo anniversario dell’armistizio, vide il gravissimo sbandamento dell’esercito italiano (ricordiamo tutti il film “tutti a casa” e tutti ne abbiamo sentito parlare in casa dai nostri genitori) e l’inizio dell’occupazione militare tedesca che per venti mesi insanguinò le nostre città e le nostre montagne.

Ma non è stata la “morte della Patria”, come una certa pubblicistica coi paraocchi dice da tempo.

Infatti per morire, prima bisogna essere vivi, ma la Patria era già morta: iniziò a morire il 3 gennaio 1925 e l’agonia proseguì con l’incarcerazione dei dissidenti, con l’abolizione della libertà di stampa e delle libere elezioni, con l’insegnamento della mistica fascista a scuola.

Già nei primi anni ‘30 la Patria era morta, nonostante la demagogia e la retorica del regime: era Patria quella che discriminava italiani in base alla loro ascendenza e li rendeva razza inferiore, era Patria quella che, oltre ad aver tolto la libertà ai suoi figli, stringeva un’alleanza cobn un’altra dittaura per togliere la libertà al mondo, era Patria quella che scatenava una guerra in chiaro contrasto con l’interesse nazionale?

A questa morte della Patria i 19 membri del Gran Consiglio si ribellarono il 25 luglio.

Grandi disse durante la riunione a Mussolini:”tu ci chiedi di scegliere fra la fedeltà a te e la fedeltà alla Patria. Noi non abbiamo dubbi” e i 19 scelsero la Patria, 5 pagando poi con la la vita questa loro nobile scelta.

A quel punto gli Italiani seppero, prima confusamente, poi in maniera sempre più chiara, che c’era un’altra Italia e quindi una speranza, nonostante l’infausto proclama di Badoglio del 26 luglio e l’inetta gestione dei 45 giorni che tante sciagure provocò.

E fu per questo, che la Patria in quel momento era l’altra Italia, il Re, che la Marina salpò da La Spezia, in base ad un ordine del Governo legittimo del Re (che era il contrario di quanto ordinato fino al giorno prima): l’ammiraglio Bergamini aveva giurato di agire per “il bene indissolubile del Re e della Patria” e si regolò di conseguenza; egli morì con tutto l’equipaggio della corazzata Roma, ma il resto della flotta raggiunse Malta.

Per questo il generale Ferrante Gonzaga (discendente di una delle famiglie più illustri d’Italia), morì l’8 settembre a Salerno combattendo contro i tedeschi (“per l’onore e la libertà della Patria” dice la scritta sotto il suo busto nel giardino di palazzo Gonzaga a Mantova).

Per questo gli ammiragli Mascherpa e Campioni resistono a Lero e sono fucilati.

Per questo la divisione Acqui resiste a Cefalonia, con una votazione fra i soldati che scelgono di combattere al comando del Generale Gandin; 8400 sono i morti, fra cui tutti gli ufficiali (165 fucilati).

Per questo circa dei 600.000 prigionieri in Germania, nonostante lusinghe e minacce, solo poche migliaia accettarono di arruolarsi con la RSI.

Per venire a fatti a noi vicini, per questo ci fu il combattimento di Cremeno, che domani sarà celebrato alla Caserma di Bolzaneto, per questo Aldo Gastaldi l’8 settembre nascose le armi e salì a Cichero (e fatti sinili avvennero in tutta Italia, Ignazio Vian a Cuneo e chissà quanti altri).

Per questo ci fu la Resistenza “venti mesi contro 20 anni”.

E vi pare che tutti questi sacrifici sarebbero potuto avvenire se non fosse stato che tutti questi uomini pensavano all’onore ed alla libertà d’Italia?

Non morte della Patria dunque, ma inizio della risurrezione del concetto di Patria, dopo la morte provocata dal fascismo.

Un caro saluto.

Piero Stagno

materiali storici
r_nazionale


articolo precedente           articolo successivo