antifa home page

Il Progetto

MAPPA GEOGRAFICA AGGRESSIONI FASCISTE

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Mirko minacciato davanti alla gay street da 4 ragazzi armati: “Fr*** di mer**, ti tagliamo la gola”
- Ferrara, aggressione omofoba contro un gruppo di giovani Lgbt. "Mussolini vi brucerebbe tutti"
- Aggressione omofoba ad Anzio, 22enne preso a pugni mentre passeggia insieme al fidanzato
- Torino, 13enne picchiata per la borsa arcobaleno: “Mi urlavano cagna e lesbica schifosa”
- Palermo, due ragazzi gay aggrediti con lancio di bottiglie. Uno ha il naso fratturato
- Foggia, sparano da un fuoristrada in corsa contro un gruppo di migranti: ferito al volto un 30enne del Mali
- “Gravissima violenza a San Berillo: lavoratrici del sesso massacrate dalla polizia”
- Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Renoize 21 Focene per Renato 27/08 e 3-4-5/09
- Desenzano, il no dello scrittore Francesco Permunian: "Non presento il mio libro dove manifesta Forza Nuova"
- "Milano è antifascista": il Comune estende l'obbligo di rispetto della Costituzione per chi prende in affitto gli spazi pubblici
- Genova, i pompieri si rifiutano di togliere uno striscione antifascista. Usb: “Non creava nessun pericolo, non è nostro compito”
- Vietata manifestazione estrema destra oggi pomeriggio. Raggi: “I fascisti a Roma non sfilano”
- Petizione dell'ANPI Veneto per le dimissioni di Elena Donazzan
- Roma, protesta Anpi: occupazione di Casapound a Ostia Associazioni antifasciste chiedono sgombero via delle Baleniere
- Presentato “Neofascismo in grigio”, ultimo libro di Claudio Vercelli
- Giulietti: "La Costituzione antifascista non è in lockdown, guai se la Rai dà spazio agli squadristi"
- Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
21.11.21 Eminenze nere La santa alleanza tra clero, ultradestra cattolica e negazionisti del Covid
16.11.21 Forza Nuova, gli affari tra Fiore e il capo dell’organizzazione Pro-Vita
16.11.21 Come i neofascisti hanno infiltrato i no green pass
6.11.21 La rete dei nazisti italiani pronti a combattere
5.11.21 Ruotolo: "Desegretare subito il fascicolo del leader di Forza Nuova" Interrogazione del senatore ai ministri Lamorgese e Di Maio
1.11.21 Voghera, non solo il caso Adriatici: sui social l’assessore di Fratelli d’Italia inneggia alla Decima mas e fa gli auguri ai “camerati”
27.10.21 Forza Nuova, il Parlamento rinuncia allo scioglimento per tutelare il governo
21.10.21 L’impero offshore del neofascista Delfo Zorzi gestito dall’avvocato svizzero di Licio Gelli
20.10.21 Forza Nuova, i milioni dei neofascisti all’estero tra società del giro di Fiore e di un ex Nar
12.10.21 Da dove arriva Forza Nuova
11.10.21 Fiore e Castellino, la folle escalation: «Dietro la lotta interna con Casapound»
1.10.21 Inchiesta Fanpage, Fidanza autosospeso da capodelegazione FdI a Parlamento Ue: “Attacchi strumentali”
1.10.21 Fanpage, Lobby Nera: inchiesta sulla destra neofascista
5.09.21 Ungheria Ultime notizie sul paese - Rapporto Amnesty International
26.06.21 La lunga ombra nera. Una mappa delle aggressioni fasciste
20.06.21 “Fascisti”, l’eterna scorciatoia di usare il termine sbagliato: da Trump a Salvini. “Veri rischi? Leader democratici senza ideali”
1.05.21 Fascisti su Marche: così la Regione diventa laboratorio della nuova destra
7.04.21 Per i Servizi tedeschi l'Afd è un partito di "estrema destra" da sorvegliare
31.03.21 L'eroe Mussolini e gli immigrati assassini: i fascio-fumetti invadono le scuole
1.03.21 Argentina Voli della morte
12.02.21 Bugie contro Falcone sul delitto Mattarella: il neofascista Fioravanti torna sotto accusa
7.02.21 Dalla difesa della razza all’apologia del fascismo le Marche laboratorio della destra più nera
23.01.21 Neonazisti. Gruppi armati sono presenti anche in Italia
23.01.21 Il delirio del suprematista di Savona: “Hitler come Cristo guida luce”. La missione di una guerra la razziale “contro negri e degenerati”
19.12.20 Casapound: convegni, nuovi slogan e alleanze elettorali. L'idillio tricolore tra la "tartaruga nera" e Meloni

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 20.10.21
Forza Nuova, i milioni dei neofascisti all’estero tra società del giro di Fiore e di un ex Nar
·
Decine di documenti societari e bancari ottenuti da Domani permettono di ricostruire la rete finanziaria dei neofascisti ora impegnati nella guerra ai vaccini, al Green pass e a quella che loro chiamano “Dittatura sanitaria”. Da Roma a Londra seguendo il flusso di denaro, provando a sbrogliare il reticolo di società estere e nostrane, una cosa è certa: Fiore, arrestato per l’assalto alla Cgil del 9 ottobre durante le proteste No green pass, ha costruito un piccolo impero.

19 ottobre 2021

Al civico 801 sulla via Tiberina a Roma c’è un casale ormai abbandonato che custodisce un pezzo di storia della destra neofascista. La sterpaglia copre il cancello di ingresso di questa villa occupata nei primi anni Duemila per realizzare il primo centro sociale neofascista: Casamontag, il marchio che ha reso celebre quell’esperienza.

L’ultima volta che il cancello coperto dei rovi è stato varcato era il 2014: i neofascisti di Forza Nuova avevano adibito la villa disabitata a tribunale fascista per punire un camerata ritenuto inaffidabile, colpevole di assumere droghe e di aver abusato di una ragazza del movimento. I capi gli spararono due colpi di avvertimento sfiorandogli l’orecchio.

Nello stesso periodo era già registrata presso quel casale abbandonato la società Opera Caffè, chiusa solo a marzo 2021: tra i soci Alessandro Fiore, rappresentante dell’associazione Pro-Vita dei conservatori cattolici, ma soprattutto figlio di Roberto Fiore, fondatore di Forza Nuova e ideologo di Terza Posizione, il gruppo neofascista che ha segnato la lotta politica alla fine degli anni Settanta e l’inizio degli Ottanta. Fiore senior è fuggito a Londra nel 1981, condannato per associazione sovversiva e banda armata, non ha mai scontato la pena. È rientrato in Italia da uomo libero, la sentenza mai eseguita è stata prescritta.

Da via Tiberina 801, direttrice nord della capitale, inizia questa storia di milioni e misteriosi tesori scomparsi che appartenevano ai gruppi armati delle destra eversiva italiana. Quasi due milioni di euro che passano da un conto a un altro con anomala rapidità da uno stato a un altro del continente. Protagonisti sono personaggi che legano le diverse sigle della lotta armata neofascista a cavallo tra i Settanta e gli Ottanta. Al centro dello schema finanziario ci sono società e uomini legati a Fiore. E con lui un imprenditore ex militante dei Nuclei armati rivoluzionari (Nar), legato ad altri vecchi camerati (sempre dei Nar) come Riccardo Brugia e Massimo Carminati, condannati entrambi di recente nell’inchiesta “Mondo di mezzo” che ha svelato il sistema di corruzione che governava Roma.

Decine di documenti societari e bancari ottenuti da Domani permettono di ricostruire il network finanziario dei neofascisti ora impegnati nella guerra ai vaccini, al green pass e a quella che loro chiamano “Dittatura sanitaria”. Da Roma a Londra seguendo il flusso di denaro, provando a sbrogliare il reticolo di società estere e nostrane, una cosa è certa: Fiore, arrestato per l’assalto alla Cgil del 9 ottobre durante le proteste No green pass, ha costruito un piccolo impero.

Sei giugno 2018, tribunale di Bologna. A una delle udienze del processo al quarto uomo della strage alla stazione del 2 agosto ‘80, la corte ascolta come testimone Francesca Mambro: protagonista degli anni di piombo, leader dei Nar condannata per l’attentato in cui morirono 85 persone. Avvocati e magistrati le chiedono di Fiore. Nelle parole della donna affiorano attriti di un tempo contro il vecchio capo di Terza Posizione. C’è, però, anche altro, Mambro lo dice chiaro: «Nel momento in cui c’è stato la loro decisione di andarsene ( di Fiore, ndr) ... chiesero i soldi a Giorgio Vale e Giorgio gli diede i soldi che aveva, che erano appunto la cassa di Terza Posizione. Erano abbastanza rispetto a un gruppo, un movimento che comunque si autofinanziava. Avevano bisogno di quei soldi soprattutto in un momento in cui tra l’altro c’erano tanti ragazzi che stavano andando latitanti perché raggiunti dai mandati di cattura». Questo è uno dei motivi che avrebbe convinto i Nar, dice Mambro, a progettare l’uccisione di Fiore prima che lui fuggisse a Londra. «Lui credo che a noi abbia sottratto non più di dieci milioni», ha detto in aula Giusva Fioravanti, che con Mambro è stato condannato per la strage. Dieci milioni, un buon capitale da far fruttare lontano dall’Italia. La cassa di Terza Posizione e in parte dei Nar è uno dei misteri meglio custoditi dagli ex terroristi neri. E di cui Mambro da noi contattata preferisce non parlare: «Sono storie di quarant’anni fa».

Eppure un triangolo nero unisce la Gran Bretagna all’Italia soprattutto negli anni recenti. Un triangolo fatto di bonifici e passaggi di denaro, attraverso il quale, di trasferimento in trasferimento, di conto corrente in conto corrente, si ritorna sempre al punto di partenza: i conti dei neofascisti che incendiarono l’Italia negli anni Settanta e Ottanta. C’è un triangolo nero, dunque, che unisce la Gran Bretagna all’Italia: bonifici che partono da Londra e arrivano a Roma, soldi che da Roma poi sotto altre forme tornano di nuovo in Gran Bretagna, a beneficio sempre delle stesse persone, i figli di Terza Posizione e dei Nar, confluiti in Forza Nuova oppure, dismesse le parvenze di militanti, diventati imprenditori e finanzieri.

Il Saint George Educational Trust, il veicolo usato da Fiore per foraggiare il complottismo sulla pandemia, è solo uno degli snodi di questo flusso di denaro. Fondato nel 1995 da Fiore assieme ai leader delle organizzazioni neofasciste britanniche, ha finanziato in Italia nel 2020 l’associazione Vicit Leo, costituita da un gruppo di professori anti vaccini e contro il Green pass. In Gran Bretagna il gruppo di Fiore ha infatti messo in piedi una articolata rete di apparenti organizzazioni cattoliche di benefiche.

Tre trust intitolati a tre santi: il trust di San Giorgio, evocativo del vecchio partito neofascista inglese, la Lega di San Giorgio; il trust di Saint Micheal the Archangel, il santo che negli Anni Trenta era stato scelto come protettore dalla fascistissima milizia Volontaria per la sicurezza nazionale; infine Saint Mark the Evangelist, il santo che si celebra il 25 aprile, la sola festività di quella data per i fascisti che non riconoscono la Festa della liberazione della Repubblica italiana. Il Trust Saint Mark è stato fondato solo nel 2015 e chiuso a marzo del 2020. Negli ultimi anni tutti e tre i trust, da quanto risulta dagli atti ufficiali, hanno aumentato il volume di entrate finanziarie.
02/03/2018 Roma, chiusura della campagna elettorale di Forza Nuova, nella foto Roberto Fiore

Fiore e l’amico di Carminati

Nel 1995 Fiore ha fondato a Londra il trust di Saint Michael The Archangel con l’obiettivo di «promuovere la religione cattolica romana e specialmente l’insegnamento sociale tradizionale della religione Cattolica Romana».
Atto costitutivo trust Sain Micheal Archangel: Fiore risulta il fondatore nel 1994 e poi verr\u00E0 registrato nel 1995

L’atto di costituzione del Saint George Educational Trust
Tra i suoi amministratori troviamo Beniamino Iannace, ex socio del leader di Forza Nuova. I documenti bancari ottenuti rivelano che dal trust partono bonifici verso una sconosciuta associazione missionaria Opera di San Michele Arcangelo e verso due società con sede a Roma: Da.Do Srl e Super Mario Gestioni srl. Entrambe riconducibili a Mario Zurlo, imprenditore romano e reduce dei Nuclei armati rivoluzionari. Il nome di Zurlo è emerso, seppure non da indagato, negli atti dell’inchiesta sull’associazione criminale capeggiata da Massimo Carminati, nota come “Mafia capitale” nonostante sia decaduta l’accusa di mafia. Nelle informative dell’indagine i carabinieri elencano una serie di contatti tra Zurlo e un altro reduce dei Nar, Riccardo Brugia, nonché braccio destro di Carminati.
Estratto informativa carabinieri indagine Mondo di mezzo su Carminati e Brugia, due ex nar amici di Zurlo

Gli atti dell’inchiesta Mafia Capitale raccontano il legame tra Mario Zurlo e Riccardo Brugia, braccio destro di Massimo Carminati

Zurlo è la figura centrale in questa triangolazione di denaro tra Londra e Roma. La destinazione finale di più della metà dei fondi è una società chiusa nel 2019: la Lions Marketing Ltd. Amministratori erano Zurlo e Stefano Pistilli, molto legato a Fiore e ai cattolici conservatori dell’associazione Pro-Vita. Pistilli ha avuto un ruolo anche in uno dei trust londinesi sciolto di recente. Zurlo, contattato da Domani, conferma la conoscenza con Fiore, «lo conosco da quando eravamo bambini» e spiega che la società con Pistilli «era per avviare un business in Inghilterra ma poi è stata chiusa». Come mai le associazioni e le società direttamente controllate da lui, o comunque a lui riconducibili, hanno ricevuto 1,8 milioni di euro tra il 2016 e il 2018, principalmente dai trust della galassia di Fiore? E perché nello stesso periodo periodo sui conti della Lions Marketing è approdato quasi un milione di euro dalla stessa galassia di società e associazioni? «Per telefono non spiego nulla, se volete ci vediamo di persona», dice Zurlo. Di certo c’è che tutto il denaro che viaggia tra l’Italia e l’Inghilterra ha una sola matrice di un solo colore: “nero”.. (1-continua)

https://www.editorialedomani.it/fatti/forza-nuova-scioglimento-fascismo-roberto-fiore-arrestato-inchiesta-soldi-estero-londra-roma-djzdm0f2



Affari neri
Come hanno fatto i neofascisti a sostenere le spese di questi quasi due anni di incontri, manifestazioni, iniziative contro i vaccini, le restrizioni e il green pass? Dai documenti ottenuti da Domani è certo che Roberto Fiore da quando era fuggito a Londra ha messo in piedi un sistema di aziende e trust attraverso il quale, solo tra il 2016 e il 2018, sono transitati almeno 1,8 milioni.
Saint George Educational Trust

Il Saint George Educational Trust è stato fondato nel 1989 da Roberto Fiore, condannato In Italia per banda armata, assieme ai leader dei movimenti neofascisti britannici, animatori della International Third Position, la versione internazionale dell’organizzazione terroristica Terza Posizione. Il nome richiama il partito neofascista britannico League of Saint George.

Oggi l’organizzazione ha sede a Andover, una cittadina di 60mila abitanti, a un’ora di treno da Londra. Il trust ha un portale dedicato alla propaganda cristiano-fascista che rimanda alla libreria cattolica tradizionale Carmel Brooks, domiciliata allo stesso indirizzo, per raccogliere fondi per gli arrestati nelle manifestazioni di Roma del 9 ottobre.

The Trust of Saint Michael The Archangel

Nel 1995 viene fondato a Londra il trust di St Michael The Archangel teoricamente per “promuovere la religione cattolica romana e specialmente l’insegnamento sociale tradizionale della religione Cattolica Romana”. Tra i suoi amministratori troviamo Beniamino Iannace, socio del leader di Forza Nuova, Roberto Fiore.

Dal trust partono bonifici verso l’associazione missionaria Opera di San Michele Arcangelo, in realtà amministrata da un altro socio di Fiore, Mario Zurlo, verso la Da.Do. Srl una società di ristorazione romana e verso la Super Mario Gestioni Srl, altra società di Zurlo.
Trust Saint Mark the Evangelist

Il trust di San Marco l’Evangelista , che si celebra il 25 aprile come la liberazione dal nazifascismo, è il più misterioso dei trust legati alla rete neofascista. Primo: fondato nel 2015, non ha mai destato attenzioni. Secondo: al contrario degli altri, il trust Saint Mark dichiara di operare “in Italia attraverso Londra”. Terzo: dopo aver finanziato per centinaia di migliaia di euro società italiane riferibili a Zurlo è stato chiuso a giugno 2020. Ha come amministratore Christian Albert Lindgreen, socio di Zurlo, finanziatore della fondazione Europa Terra Nostra, delle estreme destre europee a partire dal partito tedesco Afp.

Tutte le strade portano a Roma da Zurlo

L’ultima volta che gli italiani hanno sentito nominare Mario Zurlo è per via dell’inchiesta Mafia Capitale, dalla quale emergono i contatti tra Zurlo, ex soldato dei Nar, l’associazione i cui capi sono stati condannati per la strage di Bologna, e un altro ex Nat, Riccardo Brugia, diventato il braccio destro di Massimo Carminati. Negli ultimi anni, Zurlo è l’uomo che riceve, attraverso diversi canali, quasi due milioni di euro dai tre trust britannici riferibili al leader di Forza Nuova.

Zurlo abita in via Coletti 39 e lì hanno sede anche molte delle imprese beneficiarie dei fondi a partire dalla Super Mario Gestioni immobiliari, di cui è procuratore e che è controllata dalla “Fondazione San Marco”
Lions Marketing Ltd

Il flusso dei finanziamenti della rete neofascista parte dai trust inglesi arriva a Roma, ai conti correnti che fanno riferimento a Mario Zurlo e poi torna a Londra, al 485 di Fulham Palace Road, dove aveva sede la società Lions Marketing Ltd.

Attiva per 4 anni, dal dicembre 2015 al novembre 2019, circa lo stesso periodo di vita del trust of Saint Mark the Evangelist, la Lions Marketing Ltd è la terza punta del triangolo. Gli amministratori erano Zurlo e Stefano Pistilli, socio della famiglia Fiore e fondatore assieme al belga Escada del partito integralista cattolico, anti papa Francesco, “Coalition pour la vie et la famille”.

Nel 2018, durante un’udienza del processo per la strage di Bologna, durante la testimonianza della leader dei Nar, Francesca Mambro, erano affiorati vecchi attriti con Fiore. Mambro e Giusva Fioravanti, altro capo dei Nar, sospettavano che Fiore fosse scappato con la cassa dei militanti. Un mistero che dura ancora oggi, mentre Fiore e Zurlo movimentano milioni di euro.

documentazione
r_nazionale


articolo precedente           articolo successivo