antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Giulietti: "La Costituzione antifascista non è in lockdown, guai se la Rai dà spazio agli squadristi"
- Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
23.01.21 Neonazisti. Gruppi armati sono presenti anche in Italia
23.01.21 Il delirio del suprematista di Savona: “Hitler come Cristo guida luce”. La missione di una guerra la razziale “contro negri e degenerati”
19.12.20 Casapound: convegni, nuovi slogan e alleanze elettorali. L'idillio tricolore tra la "tartaruga nera" e Meloni
19.12.20 L'ultradestra torna a casa: abbandona Salvini e abbraccia Fratelli d'Italia
12.12.20 Report: Cinque sfumature di nero 07/12/2020
10.12.20 Anastasia, la setta bio-nazista che spaventa la Germania dalla nostra corrispondente
3.12.20 I vecchi mostri La destra estrema è qui per restare, ma non si deve smettere di combatterla
12.11.20 Neonazisti, franchisti e ultradestra: la rete fascista che cavalca le proteste in tutta Europa
9.11.20 Stati Uniti, i 940 "gruppi d'odio" che mettono in stato d'allerta l'Fbi dopo la sconfitta di Trump
8.11.20 Chi c’è dietro il gruppo di Giorgia Meloni
6.11.20 Covid, se l’ultra destra arruola negazionisti e capi delle proteste
27.10.20 Sicilia: Galassia nera, ultrà e capipopolo: ecco chi soffia sul fuoco dell’ira
21.10.20 Il popolo no mask che nasconde l’ultradestra
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Report: Il virus nero
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 17.12.20
Cesena, inscenarono un funerale durante un'unione civile: 12 attivisti di Forza Nuova condannati
·
Il finto funerale messo in scena da Forza Nuova nel 2017 a Cesena
Diffamarono la coppia e la comunità Lgbtq. Esclusa l'imputazione di istigazione e propaganda all'odio. Arcigay: una "vittoria agrodolce, ora si sblocchi in fretta la legge contro l'omofobia"
16 Dicembre 2020

Dodici aderenti a Forza Nuova sono stati condannati in primo grado per diffamazione questa mattina in tribunale a Forlì dopo che il 5 febbraio 2017, durante la celebrazione di un'unione civile, avevano inscenato un funerale nella piazza municipale di Cesena, divulgando messaggi ritenuti denigratori nei confronti della coppia e di tutta la comunità Lgbtq.

Tutti dovranno pagare una multa di 2000 euro. Il giudice ha escluso l'imputazione di istigazione e propaganda all'odio così come richiesto dalla Procura. I condannati, che avevano sfilato di fronte agli uniti civilmente e ai loro ospiti portando in spalla una bara con l'iscrizione 'Matrimoni Gay funerale d'Italia', avevano anche affisso manifesti funebri inneggianti alla "fine della civiltà, delle nostre tradizioni, della famiglia naturale, unico cardine della nostra società e dei diritti dei bambini a crescere con una mamma ed un papà".

Nel procedimento si sono costituti parte civile il Comune di Cesena, l'Arcigay di Rimini e l'associazione Rete Lenford-Avvocatura per i diritti Lgbt che dovranno essere risarciti di 1000 euro ciascuno. I condannati dovranno inoltre sostenere le spese processuali e risarcire con 5000 euro i due uomini uniti civilmente.

È una "vittoria agrodolce", secondo Arcigay Rimini. Infatti, spiegano dall'associazione, "pur avendo l'ufficio del pubblico ministero seguito la linea in cui si accomuna la discriminazione omofobica al fenomeno 'razzismo', il Tribunale pare non sostenere questa interpretazione".

Ovviamente, chiosano dall'Arcigay, "vedremo le motivazioni della sentenza, che pure è una sentenza di condanna che deve mettere in guardia chi in futuro vorrà pensare di compiere altri atti omofobici", tuttavia l'associazione non nasconde che "è molto demoralizzante vivere in un Paese dove spesso, nelle nostre vite di persone Lgbt, è impossibile avere giustizia per dei palesi soprusi come quelli avvenuti a Cesena. Due persone non possono celebrare la loro unione civile senza la paura di trovarsi contestazioni neofasciste davanti al Comune, una situazione allucinante e un vuoto normativo che gridano giustizia".

Dunque, sintetizzano, la sentenza di oggi "rende ancora più evidente la profonda necessità di una legge contro le discriminazioni da orientamento sessuale e identità di genere", una legge che "dica chiaramente che questi comportamenti fascisti sono intollerabili". Da qui la richiesta che il Senato approvi rapidamente la legge che ha come primo firmatario l'onorevole Alessandro Zan.

https://bologna.repubblica.it/cronaca/2020/12/16/news/cesena_inscenarono_un_funerale_durante_un_unione_civile_12_attivisti_di_forza_nuova_condannati-278606995/




Finto funerale durante una unione civile: militanti di FN condannati a pagare oltre 30 mila euro


16 dicembre 2020

Lo ricorderete, il finto funerale inscenato da Forza Nuova a Cesena da un gruppo di militanti di Forza Nuova per protestare contro una unione civile che si stava celebrando in quel momento.
Oggi il Tribunale di Forlì ha condannato dieci militanti per diffamazione. Ognuno di loro dovrà versare 2000 euro come pena pecuniaria. Alla coppia è stato riconosciuto un risarcimento pari a 5000 euro, oltre alle spese legali.
Il finto funerale di Forza Nuova

Era il 5 febbraio del 2017 quando una coppia di uomini si univa civilmente nei locali del comune di Cesena.
Contemporaneamente, nella piazza municipale, alcuni aderenti a Forza Nuova mettevano in scena un finto funerale. “Matrimoni Gay funerale d’Italia” era la scritta apposta sulla bara portata a spalla. In giro per la città alcuni manifesti funebri recitavano: “fine della civiltà, delle nostre tradizioni, della famiglia naturale, unico cardine della nostra società e dei diritti dei bambini a crescere con una mamma ed un papà”.

La denuncia della coppia

I due uomini, però, decisero di sporgere denuncia contro gli attori di quella messa in scena. Oggi il tribunale ha dato loro ragione: quella è diffamazione.
Il giudice ha accolto le richieste dell’avv.ta Francesca Rupalti e dell’avv. Manuel Girola, entrambi soci di Avvocatura LGBTI- Rete Lenford e legali della coppia. Accolta anche la richiesta di risarcimento danni presentata dalla stessa Associazione come parte civile.

Una messa in scena carissima per Forza Nuova

A Rete Lenford i condannati risarciranno un danno di 1.000 euro oltre al pagamento delle spese di giudizio. Stessa cifra, per le stesse ragioni, è stata riconosciuta ad Arcigay Rimini, anch’essa parte civile nel processo.
Ognuna delle parti sarà risarcita anche delle spese legali pari a 1800 euro ciascuno.
In totale, la sceneggiata organizzata costerà ai militanti di Forza Nuova 29.800 euro più gli accessori di legge.

Miri: “Con la legge Zan conseguenze sarebbero state peggiori”

“Il caso portato davanti al Tribunale di Forlì avrebbe potuto sortire esiti ben più in linea con la gravità delle condotte contestate agli imputati, se la comunità LGBTIQ+ avesse goduto della tutela che il DDL Zan, oggi in attesa di essere calendarizzato per la sua discussione in Senato, intende apprestare – commenta il presidente di Rete Lenford, avv. Vincenzo Miri -. Il Pubblico Ministero, nel caso specifico, aveva inteso percorrere la via di un’interpretazione estensiva delle attuali norme che riguardano i crimini d’odio in ragione dei motivi razziali, etnici e religiosi. Ma il Tribunale non ha potuto seguirlo e ha ripiegato, quindi, su una condanna per un reato di minor impatto sociale quale è, per l’appunto, la diffamazione”.

Spiega Miri che si tratta di un “reato che tutela la reputazione individuale, ma non i diritti e la dignità della comunità LGBTIQ+ in quanto tale”. “Avvocatura per i diritti LGBTI – Rete Lenford auspica, pertanto, che la legge contro l’omofobia e la transfobia venga approvata quanto prima”, conclude il presidente.

https://www.gaypost.it/finto-funerale-unione-civile-forza-nuova-pagare-30-mila-euro?fbclid=IwAR1I9DHZ-wku-pYvyGWEJWqHvZQ6icGEGQa68HnqcHOVrcoA9_vVjNuo6uk

repressione_F
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo