antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Giulietti: "La Costituzione antifascista non è in lockdown, guai se la Rai dà spazio agli squadristi"
- Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
12.11.20 Neonazisti, franchisti e ultradestra: la rete fascista che cavalca le proteste in tutta Europa
9.11.20 Stati Uniti, i 940 "gruppi d'odio" che mettono in stato d'allerta l'Fbi dopo la sconfitta di Trump
8.11.20 Chi c’è dietro il gruppo di Giorgia Meloni
6.11.20 Covid, se l’ultra destra arruola negazionisti e capi delle proteste
27.10.20 Sicilia: Galassia nera, ultrà e capipopolo: ecco chi soffia sul fuoco dell’ira
21.10.20 Il popolo no mask che nasconde l’ultradestra
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 8.11.20
Giulietti: "La Costituzione antifascista non è in lockdown, guai se la Rai dà spazio agli squadristi"
·
Il presidente della Federazione nazionale della stampa italiana sul TgR del Lazio che ha dato spazio a una manifestazione di negazionisti e intervistato (senza mascherina) un fascista condannato per aver aggredito i giornalisti

7 novembre 2020

“Definire quanto è successo un fatto imbarazzante è usare un eufemismo. La Rai che non ha ancora mandato in onda la fiction su Mimmo Lucano è la stessa azienda che sembra dimenticare che esiste ancora una Costituzione antifascista e dà voce a personaggi che del fascismo si fanno vanto e che hanno sentenze di condanna per aver picchiato due giornalisti de l’Espresso. Qualcuno a Saxa Rubra dovrebbe ricordarsi che la Costituzione non è in lockdown”.

A parlare è Beppe Giulietti, presidente della Federazione nazionale della stampa italiana (Fnsi), che è stato di recente oggetto di una campagna di odio sui social media da parte di soggetti legati a quel mondo di cui Giuliano Castellino, esponente di punta di Forza Nuova, è parte dirigente.

Il TgR del Lazio, un Servizio Pubblico radiotelevisivo, ha dedicato un servizio alla manifestazione di questa mattina a Roma, indetta dai Gilet arancione dell’ex generale Pappalardo e dai fascisti di Forza Nuova. Nonostante il flop della partecipazione – una cinquantina stando all’agenzia Dire – il servizio è andato in onda con dentro una intervista a quel Giuliano Castellino, che così Articolo 21 in un recente articolo ha raccontato: “L’allergia di Giuliano Castellino per la libertà di stampa. Il leader di Forza Nuova continua ad aggredire i giornalisti”. Come la mettiamo?

La mettiamo male. Stiamo parlando di un’azienda, la Rai, che non ha ancora mandato in onda una fiction su Mimmo Lucano mentre offre un palco mediatico ad un personaggio che non solo rivendica il suo essere fascista, ma che è stato condannato in prima istanza a cinque anni di reclusione per aver picchiato due giornalisti de l’Espresso e di cui esiste un video che lo immortala, durante una recente manifestazione “negazionista” a Piazza del Popolo, finita con scontri con la polizia, aizzare i suoi camerati contro i giornalisti che erano lì per fare il loro mestiere. Qualcosa non va, e una cosa del genere merita una discussione serie. Non faccio appello ad una coscienza antifascista, che è come il coraggio di Don Abbondio, ma vorrei semplicemente far notare che la Rai ha un contratto di servizio con lo Stato italiano la cui cornice è data dalla Costituzione che, fino a prova contraria, è ancora in vigore e che è nata dalla resistenza al nazifascismo. La Costituzione non è in lockdown.

Tu ha fatto riferimento alla condanna inflitta da un tribunale della Repubblica a Castellino per aver malmenato due giornalisti, ma anche te, sia pure per fortuna solo a parole, sei stato oggetto di una campagna di odio dai fascisti della tastiera.


Come ho detto in una nostra precedente conversazione, lo ripeto oggi: certi attacchi per me sono una medaglia. Non sono certo un eroe, altri colleghi in prima fila nelle inchieste contro le organizzazioni criminali, diversi dei quali hanno ricevuto minacce di morte e fanno una vita blindata, come la collega di Repubblica Federica Angeli, e non è la sola, possono essere considerati tali, fuor di retorica. Ma la Federazione nazionale della stampa italiana verrebbe meno a un suo dovere se non fosse, come è, al fianco di colleghe e colleghi che sono oggetto di minacce e attacchi, anche fisici, da parte di delinquenti e camice nere. Lasciami aggiungere una cosa: la Rai ha motivato la mancata messa in onda della fiction su Mimmo Lucano adducendo motivi di carattere giudiziario, visto che era in corso un processo. Ora quel processo è finito con l’assoluzione dell’ex sindaco di Riace, mentre Castellino è stato condannato in un processo nel quale la Fnsi è stata parte civile, per reati gravi. Eppure a questo signore si porge un microfono, mentre si “silenzia” la fiction su Lucano. Lasciami aggiungere che, al di là dell’aspetto giudiziario che pure è importante, trovo francamente inaccettabile, intollerabile, che si sia quasi stabilita una sorta di equiparazione fascismo/antifascismo. Le loro minacce sono addirittura entrate nel capitolo artico 21 della Costituzione. Invece non è così. Finché la Costituzione non lo cambia, per riprendere un’abusata frase di Pertini, il fascismo non è un un‘opinione ma un reato. Si cambi la Costituzione, e allora ne discuteremo, ma allo stato attuale l’apologia del fascismo, dell’antisemitismo, del razzismo, cozza pesantemente con l’articolo 3 e con l’articolo 21. Penso che ci sia stato un lungo clima di disinteresse, di scarsa attenzione, culturale ancor prima che politica, ma questo non autorizza a perpetrare quello che resta un reato. Ci vuole che a un certo punto qualcuno provi anche ad alzare la voce. Ed è quello che molti di noi, la grande maggioranza, stanno facendo. Di certo, non ci ridurranno al silenzio.

A proposito di Costituzione “dimenticata” o messa in quarantena dal Servizio Pubblico radiotelevisivo. Senza memoria non c’è futuro per una società democratica, ebbe a dire Elie Wiesel, il premio Nobel per la pace, scomparso alcuni anni fa, sopravvissuto ai lager nazisti. Eppure la Rai stava per chiudere Rai Storia...

Un proposito sciagurato che è venuto meno grazie alla grande mobilitazione sui social media, dal pronunciamento di importanti esponenti del mondo della cultura e del giornalismo. Raccontare la Storia, non lasciar cadere su di essa l’oblio, è un compito fondamentale, qualificante, di un Servizio pubblico che fa comunicazione. Soprattutto quando si tratta della storia del nostro Paese, dei suoi momenti più tragici e al tempo stesso eroici, come è stata la resistenza al fascismo. Ora, io non sono mai stato un sostenitore della via giudiziaria al giornalismo, non mi appartiene come cultura e modo di concepire il mestiere, così come mi sono sempre battuto e continuerò a farlo, contro ogni forzatura censoria. Tuttavia non è che si possa chiudere questa vicenda nel silenzio, come fosse normale dare spazio e voce a squadristi e picchiatori. Una discussione va aperta, e spero, anzi sono certo, che l’Usigrai non si sottrarrà a questo impegno.

https://www.globalist.it/media/2020/11/07/giulietti-la-costituzione-antifascista-non-e-in-lockdown-guai-se-la-rai-da-spazio-agli-squadristi-2067711.html

manifestazioni antifa
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo