antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Giulietti: "La Costituzione antifascista non è in lockdown, guai se la Rai dà spazio agli squadristi"
- Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
12.11.20 Neonazisti, franchisti e ultradestra: la rete fascista che cavalca le proteste in tutta Europa
9.11.20 Stati Uniti, i 940 "gruppi d'odio" che mettono in stato d'allerta l'Fbi dopo la sconfitta di Trump
8.11.20 Chi c’è dietro il gruppo di Giorgia Meloni
6.11.20 Covid, se l’ultra destra arruola negazionisti e capi delle proteste
27.10.20 Sicilia: Galassia nera, ultrà e capipopolo: ecco chi soffia sul fuoco dell’ira
21.10.20 Il popolo no mask che nasconde l’ultradestra
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 29.10.20
Scontri a Verona:La rivendicazione di Forza Nuova «È solo l'antipasto»
·
Castellini a Radio Cafè sugli scontri a Verona: «È solo l'antipasto, ma non è colpa della destra»

29 ottobre 2020

«Cosa devo dire a chi ha tirato sedie agli agenti? La polizia ha la sua responsabilità, lo Stato ha la sua responsabilità. Lo Stato è al colpo di coda e deve inventarsi gli infiltrati in queste manifestazioni», «E questo è solo l'inizio». Sono queste le parole del responsabile del Veneto di Forza Nuova, il veronese Luca Castellini, in merito agli scontri tra agenti e manifestanti di estrema destra al termine di un corteo ieri sera in centro a Verona.

L'AUDIO DELL'INTERVISTA

Dichiarazioni fatte al Morning Show, programma in onda sulle frequenze di Radio Cafè e condotto dalla coppia di speaker Alberto Gottardo ed Emiliano Pirri. Castellini non è nuovo alle esternazioni shock a Radio Cafè, l'ultima - nel novembre dello scorso anno - gli è costata il daspo a vita dal Bentegodi. Il leader di Forza Nuova era intervenuto sul caso Balotelli allo stadio scaligero sostenendo che il calciatore «non sarà mai stato del tutto italiano»

«Non è mica finita qui, evidentemente», ha ribadito Castellini, «io ho visto gente arrabbiata in piazza, con commercianti alla testa della manifestazione. Sedie e petardi contro i poliziotti sono la reazione di qualcuno alla situazione che abbiamo oggi c'è gente disperata, che non riesce a pagare l'asilo ai figli, che reagisce così. Ieri c'erano tremila persone a Verona, noi di Forza Nuova supportiamo la gente semplice che scende in piazza, disperata, e in qualche piazza succede qualche scaramuccia, che è la naturale conseguenza di risposta a questo sistema che vuole chiudere sempre di più con i lockdown. Queste situazioni di tensione succederanno sempre di più, ma non è colpa dell'estrema destra. Le piazze si infiammeranno, e questo è solo l'antipasto» .

https://www.larena.it/territori/citt%C3%A0/castellini-a-radio-cafe-sugli-scontri-a-verona-non-e-finita-qui-ma-non-e-colpa-della-destra-1.8313987





Guerriglia e lacrimogeni a Verona: serata di scontri tra manifestanti e polizia



I manifestanti si sono riuniti in piazza Cittadella e poi in piazza Brà, per dirigersi verso la Prefettura. Ma dopo i primi minuti di protesta pacifica, la situazione è precipitata nella zona di piazza Erbe

È stata una serata di scontri tra manifestanti e forze di polizia, quella del 28 ottobre a Verona, al termine della quale sono state fermate 12 persone, le cui posizioni e responsabilità saranno valute dagli uomini della Questura, mentre 5 agenti sono rimasti feriti.

Secondo quanto appreso dalla Polizia di Stato, il tutto ha preso il via intorno alle ore 21 in piazza Cittadella, dove inizialmente si è radunata una folla di circa 300-400 persone, che si è poi spostata in piazza Brà dove si sono aggiunti altri gruppi, fino a formare un corteo (di cui la Questura non era stata avvisata) che avrebbe contato circa 1500 individui (dato fornito dalle forze dell'ordine). Sempre secondo quanto riferito dalle forze dell'ordine, tra questi sarebbero stati presenti anche commercianti, insieme a venetisti, componenti dell'estrema destra e ultras, che dopo essersi raccolti hanno fatto partire il corteo a piedi che ha percorso via Roma, corso Cavour, corso Porta Borsari ed è arrivato in piazza Erbe, con l'obiettivo di raggiungere la Prefettura in via Santa Maria Antica. Lungo il tragitto la manifestazione si è svolta in modo pacifico, con i partecipanti che hanno duramente contestato il Governo all'urlo di «Vogliamo lavorare!»

A monitorare la situazione era presente la Polizia di Stato con i Reparti Mobili, i rinforzi del reparto di Padova e la Digos, che per circa mezzora avrebbe cercato di mediare per non far raggiungere la Prefettura al corteo, quando sarebbero partite le prime spinte e i primi contatti, seguiti poi da un lancio di oggetti. Stando alla Questura, bottiglie, petardi, sedie di alcuni bar e anche bombe carta sarebbero state indirizzate verso gli agenti, dando vita ad una serie tafferugli durati fino alle 23.30 circa. La Celere avrebbe risposto agli attacchi dapprima con una carica di alleggerimento, arrivando ad utilizzare i lacrimogeni per disperdere i manifestanti più violenti.

Una volta "svuotato" il campo di battaglia, hanno subito preso il via le indagini e la conta dei feriti. Come detto, 5 agenti sono hanno riportato alcune ferite, mentre 12 persone sono state fermate subito dopo e portate in Questura, dove sono al vaglio le loro posizioni. La Digos nel frattempo sta visionando i filmati delle telecamere della zona, per identificare i partecipanti e valutare poi le singole responsabilità.
Una manifestazione insomma che poco ha avuto a che fare con quella pacifica che si è svolta la stessa mattina in piazza Brà.

https://www.veronasera.it/cronaca/scontri-polizia-lacrimogeni-manifestazione-corteo-verona-29-ottobre-2020.html

iniziative_fasciste
r_veneto


articolo precedente           articolo successivo