antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 24.06.20
Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
·
Nella città veneta nei giorni scorsi è stata rimossa la "clausola" di antifascismo per l'occupazione di suolo pubblico. Ma è solo l'ultimo episodio di una lunga serie che mostra come la destra più radicale sia arrivata nei posti che contano

24 giugno 2020

Sono lontani nella nostra memoria collettiva i tempi in cui la provincia diventava terreno di scontro per dispute ideologiche: la Brescello di Giovannino Guareschi appare relegata alla mitologia della narrativa politica e le avventure di Don Camillo e Peppone hanno lasciato il posto al volto più feroce della provincia italiana, fatto di conservatorismo, di nuovi estremismi e di potere. Il "tranquillo" Veneto leghista targato Luca Zaia è epicentro di una restaurazione conservatrice, non urlata e molto pratica, una restaurazione che vede Vicenza come laboratorio principale di un modello che non è fatto di occupazioni e azioni violente in strada – i disordini sono solo dei segnali, come l'attacco al centro sociale Caracol Olol Jackson di metà giugno - ma punta direttamente a entrare nelle istituzioni con la compiacenza del centro-destra che in quelle zone, viste anche le percentuali bulgare, vede una carenza di classe dirigente.

Dal cimitero dei feti alla rimozione della clausola di antifascismo nei moduli per la richiesta di occupazione di suolo pubblico per eventi e manifestazioni, il capoluogo vicentino ha dato prova di essere un luogo dove la destra sperimenta un sovranismo in salsa nera per controllare il territorio. La rappresentazione plastica di questa unione è avvenuta con le elezioni amministrative del 2018, quando Francesco Rucco, ex AN e anima inquieta della destra veneta, è diventato sindaco di una coalizione di centrodestra allargata a Forza Nuova, Casapound e Veneto Fronte Skinheads. Ovviamente nessuna di queste tre sigle si è presentata sotto i propri vessilli, ma sotto le insegne di "Vicenza ai vicentini - Popolo della Famiglia" lista civica che ha radunato i neofascisti in ordine sparso raccogliendo una percentuale irrisoria ma inquinando e alterando una campagna elettorale che ha visto numerosi episodi di antisemitismo e di slogan neofascisti sui social.

Ma la lista neofascista e ultra-cattolica non è stato l’unico cavallo di Troia del centrodestra vicentino. La Lista Civica Rucco Sindaco che ha raccolto il 24 per cento dei voti è servita a far eleggere Nicolò Naclerio, uno degli esponenti di punta del Veneto Fronte Skinheads che successivamente è passato a Fratelli d’Italia ed è il delegato del primo cittadino alla Sicurezza. Naclerio in passato è stato candidato con la Lega Nord e nel 2013 cercò di organizzare assieme all’associazione "Giustizia Giusta" e al Veneto Fronte Skinheads un convegno per celebrare la figura del capitano delle S.S. Erich Priebke e ancora risulta aperta una vicenda che riguarda la costruzione di una villetta abusiva sul terreno di famiglia, sorta nonostante due pareri negativi nel corso degli anni passati del Comune di Vicenza; vicenda che appare ancora bloccata e che espone il sindaco Rucco e Naclerio ad un palese conflitto di interesse e di competenze.
Il sindaco Francesco Rucco e il...
Il sindaco Francesco Rucco e il delegato alla sicurezza Nicolò Naclerio

Il protagonista della contestata delibera che ha rimosso la clausola di antifascismo per la richiesta di occupazione di suolo pubblico è invece l’assessore al Commercio Silvio Giovine, in questi giorni vittima di gravi intimidazioni sui social network, che ha utilizzato la battaglia politica su questo provvedimento come trampolino di lancio nella politica che conta: rumors infatti lo danno candidato in pectore per il consiglio regionale tra le file di Fratelli d’Italia. Giovine è il volto pulito di questo esperimento, non si compromette troppo con i gruppi di estrema destra ma ne elogia sui social le iniziative come la distribuzione di pacchi alimentari in quarantena fatta da CasaPound. Un flirt che l’assessore nel corso delle scorse settimane ha continuato manifestando assieme alle "Mascherine tricolori", la scatola apartitica di CasaPound protagonista di ua recente manifestazione a Roma.

Il rapporto tra centrodestra ed neofascisti non si ferma alla città di Vicenza, ma investe anche la sua provincia: basti pensare ad esempio che ad Arzignano, l’ex coordinatore di Forza Nuova (fuoriuscito dall’organizzazione nella recente scissione) è stato eletto consigliere comunale nelle file della Lega alle scorse amministrative, un sodalizio che si è interrotto perché è stato espulso dal gruppo consiliare per "razzismo" dopo che su Facebook aveva contestato l’italianità della modella concittadina Maty Fall Diba, afrodiscendente senegalese che fu scelta per la copertina di Vogue di febbraio, argomentando che una veneta doc è bianca e non nera. Anche Alex Cioni, già Forza Nuova e noto alle cronache per aver indetto una marcia di ricordo per i caduti della Repubblica Sociale Italiana ha trovato ospitalità ed elezione a Schio tra i ranghi di una lista civica leghista per poi passare tra le fila di Fratelli d’Italia. Tra le ultime iniziative: ha polemizzato con un sacerdote che aveva esposto un pesce con la scritta in greco ΙΧΘΥΣ, ichthys sulla balconata della parrocchia, sostenendo sui social che il prete fosse una "sardina" nonostante per la simbologia cristiana quel pesce e quell’acronimo significhino «Gesù Cristo Figlio di Dio Salvatore».

Il punto di riferimento politico di tutta questa galassia è l’assessora all’Istruzione della Giunta Zaia, Elena Donazzan di Fratelli d’Italia che non ha mai nascosto le sue simpatie per il Duce che affermò "resta nel mio cuore nonostante qualche errore commesso" e che organizzò un party in maschera in solidarietà del gestore dello stabilimento balneare di Chioggia che fu denunciato per apologia di fascismo per la brandizzazione del suo lido in salsa fascista.

Anche per questa vicinanza strutturale che dura da anni la cancellazione della clausola di antifascismo a Vicenza è stata interpretata da qualcuno come un segnale di libertà di azione e la notte tra il 12 e 13 giugno, ignoti hanno lanciato delle bottiglie incendiarie contro il Centro Sociale Caracol Olol Jackson, lasciando come rivendicazione una molotov recante un adesivo "Boia chi molla".

A distanza di qualche giorno la risposta della Vicenza antifascista non si è fatta attendere e giovedì 18 giugno un presidio che si è trasformato in corteo indetto dal Bocciodromo ha riempito le strade di Vicenza con circa 3.000 partecipanti da tutto il Veneto. Una manifestazione che ha smosso molte polemiche e che porterà sicuramente la Digos a denunciare gli organizzatori per violazioni delle norme di sicurezza dettate dall’emergenza Covid-19 e dal superamento unilaterale delle prescrizioni previste, ma che ha portato in piazza dopo moltissimi anni tutte le anime della sinistra veneta.

Una manifestazione di popolo come non se ne vedevano da anni in Veneto e che ha significato l’inizio di una campagna elettorale che sarà infuocata. Perché il modello Vicenza è pronto a sbarcare in Regione dove Luca Zaia si prepara a festeggiare il terzo mandato.

https://espresso.repubblica.it/plus/articoli/2020/06/23/news/il-modello-vicenza-dove-neofascisti-ed-estremisti-siedono-al-palazzo-1.350369

documentazione
r_veneto


articolo precedente           articolo successivo