antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Giulietti: "La Costituzione antifascista non è in lockdown, guai se la Rai dà spazio agli squadristi"
- Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
12.11.20 Neonazisti, franchisti e ultradestra: la rete fascista che cavalca le proteste in tutta Europa
9.11.20 Stati Uniti, i 940 "gruppi d'odio" che mettono in stato d'allerta l'Fbi dopo la sconfitta di Trump
8.11.20 Chi c’è dietro il gruppo di Giorgia Meloni
6.11.20 Covid, se l’ultra destra arruola negazionisti e capi delle proteste
27.10.20 Sicilia: Galassia nera, ultrà e capipopolo: ecco chi soffia sul fuoco dell’ira
21.10.20 Il popolo no mask che nasconde l’ultradestra
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 20.06.20
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
·
Centri sociali, famiglie, politici insieme. Issata una bandiera rossa a Palazzo Trissino. Tensioni a fine serata e denunce in arrivo


I referenti del centro sociale Bocciodromo avevano annunciato che non si sarebbero attenuti alle prescrizioni del questore per la manifestazione antifascista prevista giovedì sera e così hanno fatto. Dalle 21.40, il «rompete le righe» dai megafoni in una piazza Castello gremita di ragazzi, genitori con passeggini e pensionati, tra bandiere (No Dal Molin, Asion Veneta Antifascista, Rifondazione Comunista, Anpi e Cub), tshirt con slogan, musica e tamburi. Presenti anche i politici, da Isabella Sala a Federico Formisano a Raffaele Colombara. Almeno 1.500 persone stando alla questura, con appartenenti ai centri sociali arrivati da tutto il Veneto e in particolare da Padova e Venezia. E quella che doveva essere una manifestazione antifascista statica, limitata allo spazio della piazza, così come imposto in primis dal decreto con le misure anti Covid, si è trasformata in un corteo. Aperto dallo striscione con la scritta rossa «Vicenza è antifascista», accompagnato da cori e mani che battevano il ritmo. «Siamo tutti antifascisti», «Vicenza libera» e ancora «Le nostre idee non moriranno mai» i cori del serpentone che è avanzato tra i fumogeni rossi alla vista di polizia e carabinieri presenti in gran numero e fino a piazza dei Signori, passando per corso Palladio e facendo tappa davanti a Palazzo Trissino, lì dove è stata affissa una bandiera con la scritta «Azione antifascista» sul balcone.

Il cordone

Proprio quando la testa del corteo avanzava alcuni dei manifestanti hanno fatto cordone per bloccare la zona di fronte al municipio e permettere ad altri di usare una scala per arrivare in alto e appendere la bandiera, mentre i fumogeni coloravano di rosso l’azione. Il messaggio ribadito al megafono, in riferimento all’abolizione della norma antifascista dal regolamento comunale, è stato chiaro: «Vogliamo il reinserimento della clausola anti fascista, vogliamo che finisca questa maledetta guerra tra poveri, noi continueremo a lottare finché non lo otterremo» le parole condivise con i partecipanti. E ancora accuse agli amministratori comunali: «Sono collusi con i neofascisti, chiediamo le dimissioni di Silvio Giovine, di Nicolò Naclerio e di Mattia Ierardi, che l’apertura ai fascisti cessi subito, Casapound è stata fatta entrate in Comune» le parole al megafono. Un attacco poi diretto a Giovine, assessore alle attività Produttive, oggetto di recente di minacce su Facebook: «Non ha mai aperto un libro di storia».

L’arrivo in piazza dei Signori

Attimi di tensione si sono poi registrati una volta arrivati in piazza dei Signori, la tappa finale del corteo avanzato sotto gli occhi delle forze dell’ordine (presente anche la polizia locale) con i reparti antisommossa della polizia che ha bloccato le vie di fuga dalla piazza anche per evitare azioni contro la sede del Msi. Alcuni giovani dei centri sociali padovani e veneziani sono corsi improvvisamente sotto i portici, verso piazzetta Palladio. Hanno poi spiegato di essere stati provocati da alcuni fascisti, ma dovrà essere chiarito. A chiedere agli amici di indietreggiare sono stati anche gli attivisti del No Dal Molin, davanti agli scudi alzati dei poliziotti. Nessuno scontro, ma conseguenze sì: almeno per i promotori del corteo. Una denuncia per inosservanza delle prescrizioni del questore e sanzione per aver violato le misure anticovid.

https://corrieredelveneto.corriere.it/vicenza/politica/20_giugno_19/vicenza-1500-tutto-veneto-la-manifestazione-antifascista-a9bd29dc-b203-11ea-ae3b-1a347b8e2e8e.shtml





VIDEO
Gli antagonisti veneti protestano contro la giunta vicentina

I ragazzi dei centri sociali del Nordest contestano le scelte della amministrazione comunale berica in tema di antifascismo

Ieri 18 giugno tra le «2500 e le tremila persone» sostengono gli organizzatori hanno marciato per il centro di Vicenza per protestare contro alcune decisioni in materia di antifascismo assunte dalla maggioranza di centrodestra che regge le sorti dell'amministrazione municipale della città palladiana. Il corteo si è svolto senza disordini sotto l'occhio vigile delle forze dell'ordine impegnate sul campo con una novantina di uomini. I promotori del corteo sono stati i giovani del centro sociale Il bocciodromo di Vicenza, supportati dalla intera galassia antagonista del Veneto. Durante il corteo, come documentato da Vienzatoday.it «un drappo antifascista» è stato collocato su una parete del palazzo comunale che dà su corso Palladio.“


19 giugno 2020

http://www.vicenzatoday.it/video/video-gli-antagonisti-veneti-protestano-contro-la-giunta-vicentina.html

manifestazioni antifa
r_veneto


articolo precedente           articolo successivo