antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
27.10.20 Sicilia: Galassia nera, ultrà e capipopolo: ecco chi soffia sul fuoco dell’ira
21.10.20 Il popolo no mask che nasconde l’ultradestra
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 3.03.20
Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
·
20 Feb, 2020

Nuova strage, ancora in Germania: l'artigianalità del terrore xenofobo in cerca di emulazione continua, costruisce una prospettiva sempre più funesta


Estremisti – ma perché non chiamarli, da subito e con chiarezza, terroristi? – di estrema destra. Decisi a fare piazza pulita di stranieri, persone diverse da loro per religione, origine o colore della pelle. Impastati dentro follie da lavaggio del cervello, deliranti riscritture della storia, sentimenti di vendetta che spesso condividono su piattaforme e social network ben prima di lanciarsi in strada. Un contagio forse no, ma di certo una linea nero sangue che li attiva a distanze spesso siderali e in tempi diversi, da Luca Traini a Macerata a Brenton Tarrant in Nuova Zelanda fino alla stessa Germania, Halle an der Saale, appena pochi mesi fa, con il fallito assalto a una moschea e comunque due morti sul terreno.

Dalla carneficina di Christchurch alle infinite località negli Stati Uniti, da El Paso a San Diego per rimanere ai casi più recenti, da troppi anni ormai assistiamo a una serie di stragi lontane ma unite, che ci paiono sempre uguali a se stesse e però sono ovviamente sempre diverse. Accomunate da indottrinamenti senza senso ma in cui finiscono per impigliarsi personalità spesso ai margini e in cui si ritrovano, come avevamo visto proprio nel caso di Stephan Balliet lo scorso autunno, ingredienti ricorrenti e per questo inquietanti. Dalle rivendicazioni, magari in video come pare pure in questo caso diffuso quasi una settimana prima, alla pianificazione pseudomilitare fino al rilancio sui social, che in questa occasione parrebbe invece mancare, in una mortale mescolanza di xenofobia, misoginia, antisemitismo e negazionismo, complottismi assortiti e deliranti. A cui molti partiti, come Alternativa per la Germania, hanno fornito negli ultimi tempi una pericolosa sponda di legittimità.

Ancora più pesante stavolta il bilancio di Hanau, vicino Francoforte, nell’Assia: undici morti secondo la polizia e quattro feriti gravi dopo un attentato nella piazza del Heumarkt, in particolare verso uno shisha-bar chiamato “Midnight”, locale dove si fuma il narghilè, e poi nel quartiere di Kesselstadt, sempre verso un negozio della stessa tipologia (l’“Arena Bar & Cafè”) frequentati entrambi dalla comunità turca. Secondo la Bild online nella lettera e nel video lasciati dall’uomo, il 43enne Tobias Rathien, ritrovato morto nella sua villetta insieme a una persona che potrebbe essere la madre ma secondo alcune fonti dev’essere ancora identificata, si affermerebbe che i popoli che non possono più essere espulsi dalla Germania vanno “annientati”. Tutto va ovviamente confermato e approfondito, anche per non incappare nei possibili passi falsi delle prime ore, anche perché circolano diverse altre ipotesi che vanno dai regolamenti di conti fra bande criminali ad altro. Ma alcune dinamiche lascerebbero appunto pensare all’ennesimo evento di matrice xenofoba e islamofoba.

Un nuovo “lupo solitario”? E quanto ha senso, di fronte a questa catena di attentati e stragi, continuare a chiamarli lupi solitari? Se lo sono nella pratica – lo stesso Balliet aveva in effetti agito in completa solitudine e perfino con “dilettantismo”, come dissero gli inquirenti, uccidendo comunque due persone – non sembrano esserlo nella suggestione e nell’effetto reticolare che stanno costruendo. Non solo perché Tarrant, mentre in perfetta serenità e in diretta social massacrava decine di persone in due diverse moschee di Christchurch lo scorso marzo, portava Traini e Anders Breivik, il mai pentito stragista di Utøya che uccise 77 persone sull’isola norvegese nel Tyrifjorden, scritti sui fucili e sui caricatori, omaggiandone le sanguinose azioni. Ma anche perché in certi contesti, come quello tedesco, lo stragismo è un’opzione sul tavolo per tanti militanti o simpatizzanti: secondo il governo tedesco la metà dei militanti di estrema destra, circa 12mila persone, sarebbero “pronti alla violenza”.

Come avevamo già visto, non solo l’idea di definirli “lupi solitari” non ci rassicura. Ma alla lunga si dimostra sostanzialmente inconsistente per il clima in cui agiscono e che spesso li alimenta, per i sostegni politici che individuano un po’ ovunque, per la presunta santificazione di cui vanno in cerca con i loro gesti – lo stesso Traini è diventato l’eroe dei razzisti italiani sul web. Perché se è vero che le singole azioni scattano per ragioni spesso microscopiche o inneschi territoriali e ovviamente in completa autonomia, lo sgangherato funzionamento di questa artigianalità del terrore xenofobo in cerca di emulazione continua costruisce una prospettiva ancora più funesta.

https://www.wired.it/attualita/politica/2020/02/20/hanau-strage-germania-terrorismo-xenofobo/

documentazione
r_internazionale


articolo precedente           articolo successivo