antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 4.02.20
Milano Spaccata la targa per ricordare Giuseppe Pinelli: era stata inaugurata a dicembre per i 50 anni di piazza Fontana
·
A dicembre anche il sindaco con le figlie del ferroviere anarchico alla cerimonia per piantare un albero in suo ricordo. La denuncia dell'Anpi. Sala: "Metteremo subito una nuova lapide"

03 febbraio 2020
Era stata inaugurata appena un mese e mezzo fa, il 12 dicembre, nell'anniversario della strage di piazza Fontana. Ma nella notte qualcuno ha spaccato la lapide in memoria di Giuseppe Pinelli, in piazzale Segesta, davanti la casa della famiglia dell'anarchico, considerato diciottesima vittima dell'attentato.

Era stato il sindaco Beppe Sala a scoprire la targa di marmo con la scritta rossa, mezzo secolo dopo le accuse e la morte tragica di Pinelli, avvenuta dopo un volo dalla finestra della Questura di Milano: "Chiedo scusa e perdono a nome della città - erano state le sue parole -. Alla famiglia, Milano non chiede però solo perdono: promette di lasciare un segno politico e sociale. Questa tragedia non doveva succedere e il senso di ingiustizia resta dentro. Il nostro dovere è elaborare una risposta e usare la memoria per lottare".
Ieri mattina la scoperta della targa vandalizzata, come denuncia Roberto Cenati, presidente dell'Anpi, l'associazione partigiani, che parla di "gravissima provocazione" e chiede "alle autorità di individuare i responsabili di questo ignobile atto". Reagisce subito anche il sindaco Sala: "Non basterà quanto accaduto la scorsa notte in piazzale Segesta a fermare la nostra volontà di restituire a Giuseppe Pinelli giustizia e rispetto. Lo scorso 12 dicembre alla presenza del Presidente della Repubblica Mattarella abbiamo commemorato le vittime della strage di Piazza Fontana. Pochi giorni prima sono stato io a scoprire quella lapide e a chiedere scusa alla famiglia Pinelli, per cui posso già dire che rimetteremo una nuova lapide lì dove l'abbiamo posata, a testimonianza di una città che conosce, vuole e difende la verità".


"Infame e indegno. Un gesto ignobile e un'offesa non solo alla famiglia ma alla città tutta che considera quella targa il simbolo di un riconoscimento alla figura e alla memoria di Pino Pinelli, 18esima vittima della strage di Piazza Fontana. Siamo certi che non sarà una vigliacca provocazione a cancellare la storia di un uomo a cui il nostro sindaco, nel cinquantesimo anniversario dell'attentato, ha voluto chiedere scusa per i troppi silenzi e le menzogne di cui è stato vittima. Siamo sicuri che la targa verrà presto ripristinata e ci auguriamo che le autorità individuino il prima possibile i responsabili dello sfregio": così la segretaria metropolitana del Pd Silvia Roggiani.

Beppe Sala: "Non basterà quanto accaduto la scorsa notte in piazzale Segesta a fermare la nostra volontà di restituire a Giuseppe Pinelli giustizia e rispetto. Lo scorso 12 dicembre alla presenza del Presidente della Repubblica Mattarella abbiamo commemorato le vittime della strage di Piazza Fontana. Pochi giorni prima sono stato io a scoprire quella lapide e a chiedere scusa alla famiglia Pinelli, per cui posso già dire che rimetteremo una nuova lapide lì dove l’abbiamo posata, a testimonianza di una città che conosce, vuole e difende la verità."

"Ce l'abbiamo fatta Pino: sei tornato a casa", avevano commentato dopo la posa della targa, Silvia e Claudia Pinelli, le due figlie, guardando la quercia rossa piantata in onore del padre davanti a sei cedri grigi, in piazzale Segesta. Cinquanta anni dopo la morte del loro papà che aveva 41 anni, le figlie del ferroviere anarchico, entrato vivo e uscito morto dalla questura di Milano a tre giorni dalla strage di piazza Fontana, avevano ringraziato Milano, che non ha dimenticato. Mancava la madre Licia, 91 anni, moglie del ferroviere: "Troppa emozione - dice la Claudia - verrà qui quando potrà stare un po' da sola. Però oggi vuole dire che è felice".

https://milano.repubblica.it/cronaca/2020/02/03/news/pinelli_spaccata_targa_piazza_fontana_milano_piazzale_segesta-247474757/?fbclid=IwAR14D3h1kmEblkos-WKJgDHvcrUsEN2sK0HwYOG2eUMm_O0zZB9p_YM3iY4

vandalismi_minacce
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo