antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti
- "Ammazza il negro", altre minacce contro la famiglia del Milanese che ha adottato senegalese

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake
- Libro sulle "atrocità partigiane", l'Anpi di Reggio Emilia contrattacca: presidio e minacce di denuncia

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra
13.01.19 La sede dei fascisti di Avanguardia Nazionale è in uno stabile del Comune di Roma

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 1.01.20
Arturo Scotto aggredito a Venezia: “Erano in otto a viso coperto e gridavano duce-duce”
·
L'ex deputato di Liberi e Uguali, ora dirigente nazionale di Articolo Uno, ha denunciato l'accaduto. "Bisogna smettere di pensare che sono ragazzate", ha scritto. Messaggi di solidarietà da Pietro Grasso, Roberto Speranza e il capogruppo Fornaro

1 Gennaio 2020

Arturo Scotto, dirigente nazionale di Articolo Uno- Mdp, è stato aggredito nella notte a Piazza San Marco a Venezia da un gruppo di ragazzi a volto coperto che inneggiavano al duce e facevano cori antisemiti. “Bisogna smetterla di pensare che sono ragazzate – ha scritto questa mattina su Facebook – Sono piccoli squadristi che si fanno forza nella logica del branco. Il fascismo è nato esattamente così“. Messaggi di solidarietà dagli esponenti di Liberi e Uguali: “I rigurgiti fascisti e antisemiti non possono essere tollerati”, ha scritto il capogruppo di Leu a Montecitorio, Federico Fornaro, in una nota.

Ieri l’ex deputato si trovava in Piazza San Marco per festeggiare l’arrivo del nuovo anno insieme alla moglie e al figlio di 14 anni. Un gruppo di ragazzi tra i 20 e i 25 anni ha intonato cori antisemiti, come “Anna Frank sei finita nel forno”, attirando l’attenzione della moglie Elsa, che ha chiesto loro di smetterla. Poi è intervenuto anche Scotto, che è stato preso a pugni da diverse persone. La prima a rendere nota la vicenda è stata la moglie Elsa Bertholet, che nella notte aveva raccontato la vicenda con un lungo post su Facebook, augurando “Buon Capodanno antifascista a tutti”. In mattinata anche l’ex deputato ha commentato l’aggressione: “Sono stato picchiato da una squadraccia in piazza San Marco, a Venezia, gridavano duce-duce. Erano in otto, e avevano il volto coperto”. racconta Scotto all’AdnKronos.”Io mi sono avvicinato, chiedendo di smetterla, per tutta risposta mi hanno aggredito, colpendomi con quattro pugni”. Scotto ha poi detto di aver sporto denuncia per l’aggressione.

Anche un altro ragazzo di vent’anni, intervenuto in loro soccorso, è stato malmenato: “Non so come si chiama, ma lo ringrazio per il coraggio e il disinteresse”. Poi il gruppo di ragazzi è fuggito. “Bisogna smetterla di pensare che sono ragazzate. Sono piccoli squadristi che si fanno forza nella logica del branco. Una cosa di cui preoccuparsi seriamente – ha scritto in mattinata Scotto sul proprio profilo – Il fascismo è nato così, esattamente all’alba degli anni venti del secolo scorso. Voglio ringraziare i tanti e le tante che mi hanno chiamato per la solidarietà e per condannare questi fatti. Siamo di più di quelli che vogliono portare l’Italia indietro”.

Subito è arrivata la solidarietà della politica: “Ho parlato con Arturo Scotto che mi ha raccontato dell’aggressione subita a Venezia” ha scritto il senatore Pietro Grasso, di Liberi e Uguali, su Facebook. “A lui, alla famiglia e al coraggioso ragazzo che ha provato a fermare i giovani fascisti va la mia solidarietà e un grande abbraccio”. Anche il capogruppo di LeU a Montecitorio, Federico Fornaro, ha denunciato l’accaduto in una nota: “Quanto successo ad Arturo Scotto e la sua famiglia, vittime di una vile aggressione di stampo fascista, è inaccettabile. I rigurgiti fascisti e antisemiti non possono essere tollerati. Lo sdoganamento verbale dell’odio e della violenza porta a fatti come questi. I responsabili vengano al più presto trovati”. Il segretario nazionale di Articolo Uno, Roberto Speranza, ha scritto su Twitter: “Un abbraccio fraterno ad @Arturo_Scotto aggredito stanotte da un gruppo di balordi che inneggiavano al duce. So che nessuna violenza fermerà il tuo impegno per la libertà e la democrazia e contro ogni forma di fascismo”.

Solidarietà anche dal deputato veneziano Pd Nicola Pellicani: “Venezia è una città antifascista, accogliente, aperta al mondo da secoli”.”Solidarietà ad Arturo Scotto e alla sua famiglia per la vile aggressione fascista subita a Venezia: uno sfregio anche alla storia e alla cultura di questa città – ha commentato il sottosegretario con delega all’Editoria, Andrea Martella – Si conferma la necessità di continuare a riempire ogni spazio di convivenza con forza di testimonianza democratica”.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/01/01/arturo-scotto-aggredito-a-venezia-erano-in-otto-a-viso-coperto-e-gridavano-duce-duce/5646148/

azioni_fasciste
r_veneto


articolo precedente           articolo successivo