antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti
- "Ammazza il negro", altre minacce contro la famiglia del Milanese che ha adottato senegalese

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake
- Libro sulle "atrocità partigiane", l'Anpi di Reggio Emilia contrattacca: presidio e minacce di denuncia

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra
13.01.19 La sede dei fascisti di Avanguardia Nazionale è in uno stabile del Comune di Roma

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 27.11.19
Il Comune di Schio dice no alle pietre d’inciampo perché “divisive”
·
27 Novembre 2019

Qualcuno sostiene che la questione dell’odio sia tutta una montatura dei giornali. Al limite si tratta di pochi estremisti che ancora coltivano il sogno (impossibile, per Bruno Vespa) di un ritorno del Fascismo condito da una buona dose di negazionismo della Shoah. Sono quelli che quando si è dovuto votare per istituire la Commissione Segre si sono astenuti perché un organismo che nasceva per esaminare il fenomeno dell’odio in Italia non parlava esplicitamente delle persecuzioni dei cristiani in altre parti del mondo.
Le patetiche scuse della maggioranza per bocciare la mozione per ricordare gli ebrei morti nei campi di sterminio

Ma sono gli stessi che votano contro una mozione per installare delle pietre d’inciampo sostenendo che “è divisiva”. Succede a Schio dove il Partito Democratico ha presentato una mozione per chiedere di posizionare le “pietre d’inciampo” all’esterno delle abitazioni degli scledensi che morirono nei lager, fornendo un elenco di 14 vittime. In un comunicato pubblicato dal PD di Vicenza si legge che «la maggioranza [la lista civica Noi Cittadini NdR] ha bocciato la mozione perchè “divisiva” e perchè “non tiene conto delle morti da entrambe le parti”».

Leonardo Dalla Vecchia, capogruppo del PD in consiglio comunale scrive che «non ci sono giustificazioni, non ci sono alibi». «Queste iniziative rischiano di portare di nuovo odio e divisioni a Schio – afferma Alberto Bertoldo di “Noi Cittadini”, lista di maggioranza -. Occupiamoci di Schio e degli scledensi e lasciamo che le vittime riposino in pace».

Un altro consigliere di maggioranza, Renzo Sella sostiene: «Come possiamo pensare di ricordare solamente qualcuno, a discapito di altri? Non è forse questa un’altra forma di discriminazione? Temo che questa iniziativa venga strumentalizzata» riferisce il giornale di Vicenza. Le pietre d’inciampo sono i sampietrini della “memoria” dell’Olocausto creati dall’artista tedesco Gunter Demnig all’inizio degli anni Novanta e diffuse in molte città italiane. Sulla placca d’ottone della pietra viene inciso il nome della persona che abitava in quell’abitazione con la data di nascita, il campo di sterminio nel quale è stata deportata e – se è nota – la data della morte.

Vengono posizionate per dare un segno tangibile dell’assenza degli ebrei che durante il Fascismo sono stati mandati a morire nei campi di concentramento. Un modo per ricordare a chi abita le nostre città che quelle persone, fatte diventare numeri, abitavano a fianco degli italiani “di razza ariana” e che avrebbero potuto essere i bisnonni o i nonni dei nostri amici, i nostri (ormai anziani) vicini di casa. Le pietre d’inciampo sono divisive? Se si intende dire che dividono chi condanna gli orrori del nazifascismo da chi invece si rifugia in un meschino benaltrismo di facciata è senz’altro vero. L’obiettivo è quello di tenere memoria degli ebrei deportati nei campi di concentramento, è chiaro che si vogliono ricordare quelle vittime innocenti di quella guerra su base razziale scatenata contro persone ben precise. Non risulta del resto che gli ebrei vittime delle deportazioni abbiano fatto vittime o morti che debbano essere ricordate. Perché quali sarebbero “entrambe le parti”? Da una ci sono gli ebrei mandati a morire in Germania e dall’altra? Al solito chi usa queste argomentazioni non sa andare fino in fondo, forse per paura di scoprirsi troppo. E si torna così a parlare di odio, perché è evidente che non si può aver paura di ricordare quattordici innocenti mandati a morte dai fascisti perché ebrei. Forse si ha paura di far arrabbiare quelli che gli ebrei li odiano ancora oggi, con le stesse argomentazioni di settant’anni fa.

https://www.nextquotidiano.it/schio-dice-no-alle-pietre-dinciampo-perche-divisive/?fbclid=IwAR0jARWOhmq57-qwuULvkSspb0qxUFul-3U_rWX2LZuU9jNm0ipbhId3p3o

news
r_veneto


articolo precedente           articolo successivo