antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti
- "Ammazza il negro", altre minacce contro la famiglia del Milanese che ha adottato senegalese
- Donna aggredita in pizzeria a Mereto di Tomba perché non parla friulano
- Ascoli, barista caccia cliente omosessuale: “Sono nazista, non voglio gay nel mio locale”

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake
- Libro sulle "atrocità partigiane", l'Anpi di Reggio Emilia contrattacca: presidio e minacce di denuncia

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra
13.01.19 La sede dei fascisti di Avanguardia Nazionale è in uno stabile del Comune di Roma
13.01.19 Calcio, la piaga nera del tifo fascista
17.12.18 Le sfumature nere della Lega di Salvini
20.11.18 Bolivia: Il neofascista italiano Diodato tra i registi della strage di Pando
18.11.18 CasaPound e Forza Nuova a confronto
14.11.18 FBI: Milizia neo-nazista addestrata dall'esercito americano in Ucraina, ora prepara i Suprematisti bianchi degli USA

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 25.09.19
Gianluca Iannone, leader CasaPound condannato in appello per lo schiaffo futurista
·
Per quel ceffone in pieno viso - che procurò un occhio nero al giornalista Filippo Rossi- dovrà sborsare una multa di 800 euro e 1.500 di provvisionale. Confermata la condanna in primo grado: la difesa chiedeva la riqualificazione del reato in ingiuria

Lo «schiaffone futurista» gli costerà un po’. Per quel ceffone in pieno viso che procurò un occhio nero al giornalista Filippo Rossi, il leader di CasaPound Gianluca Iannone dovrà sborsare 800 euro di multa e 1.500 di provvisionale immediatamente esecutiva, cioè da versare subito. Più le spese legali di Rossi, assistito dall’avvocato Giacomo Barelli, e il risarcimento da quantificare in sede civile.

La sentenza

Il tribunale di Viterbo, chiamato a esprimersi in appello, ha confermato la sentenza di primo grado. Sulla prima decisione, di maggio 2018, il giudice Gaetano Mautone non ha messo penna: confermata la condanna e le cifre. Anche se, per la difesa, non c’era volontà di fare del male fisico: «Chiedevamo la riqualificazione del reato di lesioni in ingiuria reale – spiega l’avvocato Domenico Gorziglia -. Il gesto, effettivamente, c’è stato. Ma era più per colpire all’onore che non al fisico». Umiliare, insomma, e non picchiare; una tesi che, se fosse passata, avrebbe portato all’assoluzione di Iannone perché l’ingiuria non è più reato dal 2016. La difesa valuterà la strada del ricorso in Cassazione quando, entro i prossimi sessanta giorni, arriveranno le motivazioni della sentenza.

I fatti

Il 14 luglio 2012 Rossi riceve prima la telefona di «un certo Gianluca» che voleva incontrarlo, poi la visita di Iannone al quartiere medievale di San Pellegrino. A Viterbo era un’ordinaria notte di«Caffeina», il festival culturale che, da 13 anni, anima l’estate in città: presentazioni di libri, tanta gente a passeggio, Rossi e staff al quartier generale del festival, la segreteria in centro storico. Iannone arriva con militanti al seguito: indossano maglie di CasaPound con tartauga e frecce nere. «Traditore!», gli urla più volte. Poi altri insulti e il pugno che atterra Rossi. Il giorno dopo, mentre il direttore artistico della Fondazione Caffeina parla di «spedizione punitiva», una nota ufficiale di CasaPound minimizza: «Quante storie per uno schiaffone futurista!». E giù a citare esempi illustri, come il ceffone «di Umberto Boccioni ad Ardengo Soffici», un «gesto di marinettiana memoria», lo definiva il comunicato, giocando sull’incarico che Rossi aveva all’epoca come direttore del quotidiano online «Il futurista». «A Rossi - concludeva il leader delle tartarughe nere - voglio dire che altrettanto male possono fare la penna e le parole, ma gli effetti delle ingiurie durano più a lungo». Insomma: un modo, per il presidente dei neofascisti, di regolare i conti con un giornalista che, con certe critiche a CasaPound, aveva passato il segno.

Nessun pentimento

Una denuncia e un processo dopo, nessun pentimento. Anzi: linea dura, in barba perfino all’ipotesi di accordo ventilata dal suo avvocato Domenico Di Tullio l’anno scorso, pochi giorni prima della sentenza di primo grado: «Non solo non ho mai fatto nessuna donazione per sottrarmi alla querela – scrisse Iannone sulla pagina Facebook CasaPound Viterbo - ma non ho neanche lontanamente intenzione di farne alcuna se questi sono i termini. Anzi, visto come si sta ponendo il signor Filippo Rossi, sarebbe quasi da schiaffeggiare di nuovo…». Ma gli schiaffoni - futuristi o meno - non sono gratis.

24 settembre 2019

https://roma.corriere.it/notizie/cronaca/19_settembre_24/gianluca-iannone-leader-casapound-condannato-appello-lo-schiaffo-futurista-e4fb07e6-ded0-11e9-a10b-ca7db0bcf850.shtml

repressione_F
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo