antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti
- "Ammazza il negro", altre minacce contro la famiglia del Milanese che ha adottato senegalese
- Donna aggredita in pizzeria a Mereto di Tomba perché non parla friulano
- Ascoli, barista caccia cliente omosessuale: “Sono nazista, non voglio gay nel mio locale”

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake
- Libro sulle "atrocità partigiane", l'Anpi di Reggio Emilia contrattacca: presidio e minacce di denuncia

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra
13.01.19 La sede dei fascisti di Avanguardia Nazionale è in uno stabile del Comune di Roma
13.01.19 Calcio, la piaga nera del tifo fascista
17.12.18 Le sfumature nere della Lega di Salvini
20.11.18 Bolivia: Il neofascista italiano Diodato tra i registi della strage di Pando
18.11.18 CasaPound e Forza Nuova a confronto
14.11.18 FBI: Milizia neo-nazista addestrata dall'esercito americano in Ucraina, ora prepara i Suprematisti bianchi degli USA
12.11.18 Veneto Fronte Skinheads, radiografia dell'associazione
12.11.18 Così i neofascisti assediano Brescia

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 2.09.19
Il braccio destro di Carminati in video: "So chi è il mandante dell'omicidio Piscitelli"
·
"Mi chiamo Fabio Gaudenzi, la polizia sta venendo ad arrestarmi e mi consegnerò come prigioniero politico. Dal 1992 appartengo a un gruppo elitario di estrema destra denominato 'I fascisti di Roma nord' con a capo Massimo Carminati e di cui fanno parte Fabrizio Piscitelli, Luca e Fabrizio Caroccia, Maurizio Boccacci, Riccardo Brugia e Massimo Carminati". È un video di 1 minuto e 53 secondi quello pubblicato su youtube da Fabio Gaudenzi, braccio destro di Massimo Carminati, l'ex nar ora in carcere per associazione a delinquere di stampo mafioso.

"Vorrei essere processato e condannato per banda armata – prosegue Gaudenzi, anche lui condannato, a 2 anni e 8 mesi, nel maxi processo Mafia capitale ma con rito abbreviato e senza l'aggravante mafiosa - come dovrebbero esserlo Carminati e Brugia (entrambi in carcere per associazione a delinquere di stampo mafioso, ndr). Non siamo mafiosi ma fascisti, lo siamo sempre stati e lo saremo sempre. La mafia e la droga ci fanno schifo. Mi sto consegnando al questore e parlerà solo col magistrato Gratteri del mandante dell'assassino di Piscitelli perché questa è la mafia vera". Così ha concluso l'intervento video. Arrestato dalla polizia per traffico di armi ora gli investigatori lo stanno arrestando.

https://video.repubblica.it/edizione/roma/il-braccio-destro-di-carminati-in-video-so-chi-e-il-mandante-dell-omicidio-piscitelli/342769/343359?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P1-S1.8-T1




Fabio Gaudenzi, arrestato il braccio destro di Carminati. Il video shock: “Parlerò alla polizia del mandante dell’omicidio di Piscitelli”


2 Settembre 2019

Si chiama Fabio Gaudenzi. E’ stato condannato nel processo a Mafia Capitale. In un video pubblicato su YouTube sostiene di sapere chi ha ucciso Fabrizio Piscitelli, capo ultrà della Lazio conosciuto come Diabolik. Oggi è stato arrestato a Roma per possesso di armi da guerra.

“Tra poche ore finirà tutto – dice l’uomo in un video pubblicato il 2 settembre – mi sto consegnando alla polizia di Stato. Io, Fabio Gaudenzi, dopo 30 anni ho deciso di arrendermi visto che sono rimasto solo. Tutti i miei amici sono morti o in galera”. “Con la morte eccellente di un amico e per un segno del destino. Veniamo a voi, infami. Ho iniziato 30 anni fa la mia carriera politico-criminale, come dicono, con la morte eccellente di un amico e per un segno del destino si chiude oggi con un’altra morte eccellente”, quella di Piscitelli. “Faremo di tutto per vendicarti, Fabrizio”, aggiunge Gaudenzi.

Che poi stila una lista ” di nomi di uomini, di donne, di giovani, di vecchi che in questi 30 anni hanno pensato bene di comportarsi da merde nei nostri confronti” tra cui un maresciallo dei carabinieri. “Avete tutti tre mesi di tempo per lasciare la nostra città – afferma l’uomo – dopodiché il diavolo vi verrà a cercare e se sarete ancora a Roma non morirete solo voi, ma anche i vostri cari. Ricordatevi tutti che lo zoppo non dimentica“, conclude Gaudenzi estraendo una pistola e mostrandola alla videocamera.
Leggi Anche
Fabio Gaudenzi, arrestato il braccio destro di Carminati. Il video shock: “Parlerò alla polizia del mandante dell’omicidio di Piscitelli”

In un secondo filmato Gaudenzi nega l’appartenenza a un clan mafioso e sottolinea la matrice politica della sua azione e di quella dei suoi sodali: “Mi chiamo Fabio Gaudenzi, sono nato a Roma il 3-3-1972 – dice l’uomo nel video, pubblicato lo stesso giorno – Appartengo dal 1992 a un gruppo elitario di estrema destra denominato ‘I fascisti di Roma Nord’, con a capo Massimo Carminati”. “Mi consegno consapevole di subire dei processi”, afferma l’uomo.

“Siamo i ‘Fascisti di Roma Nord’- dice – e ora vi do la lista: Fabio Gaudenzi, Fabrizio Piscitelli, Luca Carocci, Fabrizio Carocci, Elio Di Scala, Maurizio Boccacci, Brugia Riccardo e Massimo Carminati. Mi consegno consapevole di subire dei processi, ma vorrei essere processato e se giusto condannato per banda armata, come dovrebbe essere per Massimo Carminati e Riccardo Brugia”.

“Noi non siamo mafiosi, ma siamo fascisti – afferma – lo siamo sempre stati e lo saremo sempre. A Massimo Carminati la mafia fa schifo, la droga fa schifo e anche a me fa schifo tutto questo, ma ne parleremo presto. Mi sto consegnando al Questore di Roma e parlerò del mandante dell’omicidio di Fabrizio Piscitelli e di tanto tanto altro, ma solo con il dottor Gratteri. Perché questa è la mafia vera, e non quella del 2014 (alludendo a Mafia capitale). Grazie e a presto”.

L’uomo è stato arrestato dai poliziotti della Squadra Mobile per possesso di armi da guerra. A quanto si apprende stamattina i vicini di casa avevano segnalato alle forze dell’ordine di aver sentito alcuni colpi di arma da fuoco. Intervenute sul posto le forze dell’ordine Gaudenzi avrebbe chiesto di parlare con la Polizia. Una volta in casa i poliziotti hanno trovato un revolver e una mitraglietta.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/09/02/fabio-gaudenzi-arrestato-il-braccio-destro-di-carminati-il-video-shock-parlero-alla-polizia-del-mandante-dellomicidio-di-piscitelli/5425459/






Fabio Gaudenzi parlerà per non fare la fine di Diabolik, ma non tradirà Carminati e i “camerati”


Con i suoi video Fabio Gaudenzi ha voluto mandare un messaggio: diventerà “un infame” per salvarsi la vita e non fare la fine dell’amico Fabrizio Piscitelli, ma non tradirà il suo ex capo Massimo Carminati e i segreti dei “camerati di Roma Nord”. Ma di chi ha paura l’ultras e malavitoso neofascista? Da chi sta scappando per consegnarsi alla polizia?

3 settembre 2019

Ha sparato diversi colpi di arma da fuoco, poi ha aspettato che la polizia lo venisse a prendere. Fabio Gaudenzi, estremista di destra ed ex leader del gruppo ultras della Roma Opposta Fazione, vicinissimo a Massimo Carminati con cui è stato condannato nel processo Mafia Capitale, si è consegnato alla polizia. Promette di raccontare la verità sull'omicidio di Fabrizio Piscitelli, Diabolik, il leader degli Irriducibili della Lazio ucciso lo scorso 7 agosto con un colpo alla nuca nel parco della Caffarella. In due video, molto diversi tra loro come abbiamo raccontato, il primo postato su YouTube il secondo rimbalzato su WhatsApp forse non destinato al diventare pubblico, Gaudenzi spiega la sua scelta.

Si identifica prima di tutto con la fede politica, si dice prima di tutto fascista e lancia un messaggio chiaro: parlerà dell'omicidio di Diabolik e svelerà chi sono i mandanti, ma non tradirà il suo ex capo Massimo Carminati e non tradirà i "camerati". Gaudenzi diventerà sì un'infame ma solo per salvarsi la vita: con le spalle al muro, decide di consegnarsi per salvarsi forse dagli stessi che hanno ucciso Diabolik. Così giustifica la sua scelta nel secondo video: "Oggi primo settembre 2019 è un giorno davvero speciale, prima di tutto perché tra pochi minuti inizierà il derby e per uno come me non ha più nessun valore. Oggi per la prima volta allo stadio non ci sarà Fabrizio Piscitelli e per chi sa è un segnale importante, perché prima di essere un trafficante di droga, un grande ultras e un vero amico, Diabolik era prima di tutto un camerata, l'ultimo, insieme a me, del gruppo storico dei fascisti di Roma Nord. Tra poche ore finirà tutto, mi sto consegnando alla Polizia di Stato, io, Fabio Gaudenzi, dopo 30 anni ho deciso di arrendermi, visto che sono rimasto solo. Tutti i miei amici sono morti o in galera: è per questo che ho deciso di fare tutto questo".
Chi sono i camerati di Roma Nord di cui parla Fabio Gaudenzi

Chi sono i camerati di Roma Nord lo dice invece nel primo filmato. Oltre a lui e Piscitelli, c'è ovviamente Carminati. Ci sono poi Maurizio Boccacci, leader dei gruppi dell'estrema destra più oltranzista, negazionista, antisemita e suprematista, in prima fila fuori il Divino Amore per i funerali di Diabolik; Elio Di Scala detto Kapplerino, a capo di una banda di neofascisti e rapinatori morto in uno scontro a fuoco nel 1994; Riccardo Brugia, anche lui vicinissimo a Carminati e condannato nel processo Mafia Capitale; i fratelli Luca Carroccia, morto suicida in carcere, e Fabrizio Carroccia ‘Er Mortadella' anche lui elemento di primo piano della Curva Sud.

Lancia accuse Gaudenzi, minacce di vendetta ed elenca tutta una serie di nomi di persone che in passato hanno testimoniato o hanno arrecato danno a Massimo Carminati. Addirittura riporta la stessa linea difensiva portata da Carminati nelle aule di giustizia, rifiutando l'etichetta di mafioso: "Noi non siamo mafiosi, ma siamo fascisti, lo siamo sempre stati e lo saremo sempre. A Massimo Carminati la mafia fa schifo, la droga fa schifo e anche a me fa schifo tutto questo, ma ne parleremo presto". Il messaggio è tutto per il Cecato: i tuoi segreti con me sono al sicuro, sembra dirgli Gaudenzi. Ma non è solo di lui che ha paura Gaudenzi. Ma chi è che vuole eliminarlo allora tanto da spingerlo a consegnarsi, a diventare un infame? Un indizio potrebbe arrivare dalla richiesta di parlare con Nicola Gratteri, procuratore capo a Catanzaro, magistrato noto per le sue inchieste contro la ‘ndrangheta.

https://roma.fanpage.it/fabio-gaudenzi-parlera-per-non-fare-la-fine-di-diabolik-ma-non-tradira-carminati-e-i-camerati/
http://roma.fanpage.it/

news
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo