antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti
- "Ammazza il negro", altre minacce contro la famiglia del Milanese che ha adottato senegalese
- Donna aggredita in pizzeria a Mereto di Tomba perché non parla friulano
- Ascoli, barista caccia cliente omosessuale: “Sono nazista, non voglio gay nel mio locale”

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake
- Libro sulle "atrocità partigiane", l'Anpi di Reggio Emilia contrattacca: presidio e minacce di denuncia

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra
13.01.19 La sede dei fascisti di Avanguardia Nazionale è in uno stabile del Comune di Roma
13.01.19 Calcio, la piaga nera del tifo fascista
17.12.18 Le sfumature nere della Lega di Salvini
20.11.18 Bolivia: Il neofascista italiano Diodato tra i registi della strage di Pando
18.11.18 CasaPound e Forza Nuova a confronto
14.11.18 FBI: Milizia neo-nazista addestrata dall'esercito americano in Ucraina, ora prepara i Suprematisti bianchi degli USA
12.11.18 Veneto Fronte Skinheads, radiografia dell'associazione
12.11.18 Così i neofascisti assediano Brescia

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 9.08.19
Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
·
agosto 2019

"Le nostre strade si erano divise da tempo". Non sente il bisogno di aggiungere altre parole Fabrizio Toffolo, quando l’Adnkronos lo contatta per chiedergli un ricordo di Fabrizio 'Diablo' Piscitelli. Toffolo aveva condiviso anni di militanza in Curva Nord fianco a fianco con Diabolik fin da ragazzo. Nei primi anni 2000 i due componevano il quartetto di comando degli Irriducibili e dell’intera curva Nord insieme a Yuri Alviti e Paolo Arcivieri.

"Non vado più allo stadio dal 2006", aggiunge ancora Toffolo, che è stato gambizzato per ben due volte: prima nel 2007, poi ancora nel 2013. Toffolo non sente la necessità di ricordare l’ex amico né intende commentare in nessuna maniera l’omicidio. Non si esprime neppure sulla datata prossimità che nell’ultimo anno si è trasformata in qualcosa di più, in legame solido, a doppio filo, tra gli Irriducibili e la costola romana di Forza Nuova capeggiata da Giuliano Castellino.

Alcuni indizi. Fu immediata la solidarietà del leader di Forza Nuova Roma quando gli Irriducibili, il 24 aprile scorso, esposero lo striscione ‘onore a Benito Mussolini’ a Milano. Forza Nuova inviò alla stampa in tempo reale le immagini dello striscione corredate da un breve comunicato. Sempre Forza Nuova il 6 maggio scorso, in occasione dell’attentato alla sede degli Irriducibili in via Amulio, la strada parallela ad Acca Larenzia, per prima parlò di “bomba antifascista”, una tesi poi ripetuta da Piscitelli in qualità di leader del gruppo ultras laziale.

“Non saprei, dal momento che sono fuori dalla curva da anni non posso esprimermi neanche su questo”, dice ancora Toffolo. Al quale, delle insistenti voci tutte interne alla tifoseria, attribuivano il contenuto di un volantino ostile alla gestione della curva Nord così condotta da 'Diabolik' diffuso nel febbraio scorso. “Siamo stati troppo tempo alla finestra – recitava il comunicato firmato ‘Ordine Lazio’ – è ora di dire basta a una gestione di curva senza ideali o meglio uno ce n’è: il dio denaro. Tanti tifosi sono stufi e ci siamo riuniti sotto questa unica bandiera, ‘Ordine Lazio’. Il nostro leader è ben noto è l’ex responsabile dei veri Irriducibili”.

Il riferimento a Toffolo è chiaro. E lui oggi sull’argomento risponde così all’Adnkronos: “Tanti tifosi nel tempo mi hanno chiesto di rientrare in curva – ammette Toffolo - ma io sono uno dei tanti disamorati da questa gestione societaria. Finché ci sarà questo presidente non tornerò”. E la medesima risposta Toffolo la ripete anche quando gli si domanda se, mancato Piscitelli, pensa di tornare a guidare una tifoseria ora orfana del suo leader.

https://it.notizie.yahoo.com/omicidio-diabolik-ex-leader-irriducibili-144659157.html?guccounter=1&guce_referrer=aHR0cHM6Ly93d3cuZ29vZ2xlLmNvbS8&guce_referrer_sig=AQAAAHwMiqCTfTD1My7Pw7icI8gTqi26gjDb8aFlN_CrJBT3LJJACddRNdyolx0XI_piO65LNircdgyQGczHplI2Eqs6EiLDaGeHtdZdI9iHffZfTd6BBouTPBqynVK3CGRVZgHiwrr6GhV7hbAlBzk42U6CeigcFf1fb070idzKMEPB





Diabolik, morte nera di un irriducibile



8 agosto 2019

Intorno alle 19 di mercoledì 7 agosto, un colpo di pistola calibro 7,65 ha ucciso Fabrizio Piscitelli detto “Diabolik”, il capo degli Irriducibili della Lazio. Ultras, neofascista, invischiato in storie di narcotraffico e criminalità organizzata, Diabolik è stato protagonista della trasformazione del tifo organizzato che affonda le radici nella “fine degli anni Settanta”

«Un colpo alla testa, in un parco pubblico, a Roma. Sì, ha commesso errori, tanti, ma nessun uomo merita di morire così. Riposa in pace, Diabolik». Questo è solo uno dei tantissimi messaggi di tifosi, laziali e non, che stanno riempiendo le bacheche social, siti di riferimento, radio calcistiche, per ricordare Fabrizio Piscitelli, 53 anni, capo indiscusso degli Irriducibili, freddato ieri sera al parco degli Acquedotti, a Cinecittà.

L’esito drammatico e inquietante di una vita giocata sempre sul limite, che ha reinventato nel bene e (soprattutto) nel male il ruolo del tifo organizzato, del suo rapporto con le società, con la politica, con i poteri e la criminalità organizzata. Non si può comprendere la vita di Piscitelli se la si separa dal suo ruolo e dalle sue scelte in una storia collettiva.

In principio, c’è la passione per la Lazio e per la curva, spazio di aggregazione e di costruzione di identità, taz domenicale fuori dal controllo, dove militare e contrapporsi agli avversari di fede e allo stato. Il 18 ottobre 1987, in una anonima partita casalinga di serie B, appare per la prima volta lo striscione con la scritta, cubitale, “Irriducibili”. Sul muretto centrale del vecchio Olimpico, un gruppo di pischelli si presenta con i bomber di ordinanza capovolti: una macchia arancione nel cuore del tifo biancoceleste, per testimoniare un’anomalia simbolica, la volontà di rompere con la tradizione e i riti dei gruppi degli anni Settanta. Niente tamburi, nessun rimando al folclore sudamericano, ma soltanto prove di tifo all’inglese: cori, stendardi, ironia e sarcasmo iconoclasta. Nasce in quegli anni l’ossessione estetica per uno stile di abbigliamento, casual, che sceglie l’anonimato per meglio misurarsi contro avversari e polizia.

Una scommessa che si presenta come “rivoluzione”, ma che affonda le radici nelle falde fasciste del tifo laziale, rivestendole di un immaginario anomalo, goliardico e antisistema. Un’operazione che punta a spazzare via gli ultimi elementi di un tifo organizzato formalmente apolitico (gli Eagles Supporters), che garantiva un’agibilità di curva trasversale.

Fabrizio Piscitelli fa parte del gruppo storico che lancia questa sfida, programmatica, che si propaga ben presto oltre i confini romani, dando il là a una rifondazione del mondo ultras. Quello che negli anni Settanta si presenta come uno spazio in cui traboccano stili e forme di aggregazione – contraddittorie – nate nei movimenti sociali e metropolitani, sull’affaccio dei Novanta si trasforma radicalmente: la curva ridefinisce lo spazio della “militanza”, nascono i convegni su “Curva Patria Nostra”, si costruisce un discorso pubblico sulle origini elitarie, la tradizione e la retorica imperiale, si afferma un linguaggio e una postura razzista strutturale. Ovviamente si tratta di una dialettica che risponde ai cambiamenti sociali e politici del tempo, ma quello spazio inizia a esprimere una soggettività e un’autonomia non più decifrabile con le lenti degli anni Settanta.

Il salto di paradigma è anche “produttivo”: il merchandising diventa terreno di operazioni economiche spregiudicate, di rafforzamento del “direttivo” come organo centrale di guida politica della curva, ma anche e soprattutto di rafforzamento identitario ed egemonico che conquista le nuove generazioni. Giovani e meno giovani scoprono l’orgoglio di Mr Enrich, le innovazioni di un tifo che segnerà gli anni Novanta, la forza di una curva compatta e organizzata: negozi, radio, sedi, locali, fanzine patinate, giornali e, più tardi, il web definiscono un “partito del tifo” mai visto prima, che surfa e accompagna il periodo d’oro della gestione Cragnotti, intestandosi un pezzo di scudetto del 2000 con la manifestazione di protesta davanti alla sede della Figc, a pochi giorni dalla chiusura del campionato.

In termini di sociologia elementare, potremmo parlare di una risposta identitaria (oggi diremmo sovranista?) all’affermazione neoliberale nel calcio. Alla privatizzazione della passione, ai recinti delle pay-tv, allo spezzatino che rompe la sacralità della domenica, alla negazione delle trasferte in treno, agli strumenti di controllo e repressione nelle curve – che anticipano la mattanza di Genova – si oppone l’invenzione di un popolo di tifosi traditi, romantici, nostalgici del «vero calcio di una volta», fatto di panini con la frittata, giocatori-eroi, partite campali e così via. Storie ovviamente fantasiose se non parziali, piegate alla ricerca di un’origine fondativa immaginaria, che definiscono un campo di battaglia, un esercito e un nemico.

Parallelamente, nella materialità delle scelte, si punta ad organizzare in proprio un pezzo di quella “valorizzazione”, tra vendita di biglietti, trasferte, merchandising, eventi, comunicazione. Finita l’era cragnottiana, la curva si muove a sostegno della società, sull’orlo del fallimento: nel marzo del 2005, il gruppo guida gli scontri davanti alla Agenzie delle entrate per sostenere la richiesta di Lotito di dilazionare il debito della società.

Nel frattempo si utilizza la rendita di posizione di una curva gestita come una testuggine per giocare sui tavoli della politica e nei giri al confine con la malavita. Lo “scempio” della presidente della Regione Lazio Renata Polverini, omaggiata in curva, che si siede a cavalcioni sulla balaustra su cui è poggiata la “pezza” raffigurante Gabriele Sandri (il tifoso ucciso dalla polizia stradale nel novembre del 2007) rappresenta un punto di rottura radicale per il gruppo, che decide di ritirare lo striscione per alcuni anni.

Anche in questo momento, repulisti interni e cronaca nera si inseguono: dopo mesi di tensioni Fabrizio Toffolo, uno dei membri storici del direttivo, si allontana dalla curva. Nel giugno 2013, come già avvenuto sei anni prima, lo stesso Toffolo viene gambizzato mentre passeggiava al parco della Caffarelletta. Si salva rifugiandosi nei garage di un’autofficina nei pressi del parco. Secondo gli inquirenti l’agguato è riconducibile a traffici di droga.

Questa lunga storia porta con sé un prezzo culturale altissimo: da una parte, una pedagogia e una identificazione del tifo con l’ideologia fascista e razzista, che spesso ha macchiato e compromesso la credibilità e le prestazioni sportive della stessa società, in Italia e in Europa. Basta ricordare la reiterata esposizione di striscioni razzisti – contro “gli immigrati spacciatori”, “stupratori”, ecc. – nei luoghi di ritrovo pre-partita del tifo laziale oppure l’omaggio a Mussolini dello scorso aprile, a Milano. Dall’altra, un delirio di onnipotenza, politica ed economica, che ha portato a una continua commistione con poteri in chiaro o di sottobosco, con ambienti criminali di rango, dediti al controllo del territorio o alle scalate societarie inverosimili.

La stessa battaglia contro le misure repressive nello stadio (tessera del tifoso, biglietti nominali, flagranza di reato, video sorveglianza) non va oltre i titoli di testa, la denuncia morale, incapace di costruire alleanze e strategie al di là delle identità di curva. Tutto questo, al di là del vittimismo di facciata, si svolge in una sorprendente contesto di prudenza e tolleranza da parte delle forze di polizia.

Le cronache degli ultimi anni ci parlano di una persona (a volte, un gruppo di persone) coinvolta in traffici internazionali di stupefacenti a cui sono stati sequestrati beni immobiliari milionari, indagata nell’inchiesta di “Mafia capitale” come sodale di Carminati, condannata per la vicenda della “cordata ungherese” e per diversi atti violenti e intimidatori: vicende in cui scompare il confine tra responsabilità personale e collettiva, dimensione pubblica e privata, ambito professionale e calcistico. Su questa forza e agibilità pubblica, che nemmeno gli anni del carcere e degli arresti domiciliari scalfiscono, si fonda il potere di Piscitelli, che gode di spazi di agibilità e collusioni sorprendenti.

I rapporti con Lotito vanno a fasi alterne, in base ai precari equilibri di manovra ma anche a quelli economici che ogni volta si riescono a raggiungere. La scelta del presidente della Lazio di affidare un ruolo di primo piano all’ex questore Nicolò D’Angelo, è letta dal gruppo come una dichiarazione di guerra, la rottura di quella agibilità fin qui garantita. Il 23 aprile di quest’anno, in curva nord, appare uno striscione chiarissimo: «Non ci compri un giocatore, ma ti compri l’ex Questore».

Negli ultimi mesi avvengono due fatti che forse oggi assumono un significato diverso, che travalicano la dimensione calcistica e del tifo: prima l’attentato dinamitardo alla sede di via Amulio, che prima ospitava una sezione di Forza Nuova; successivamente, e nonostante la vittoria della Coppa Italia, la contestazione nei confronti della società e l’annuncio per la prossima stagione della rinuncia allo storico striscione in curva, come forma di protesta contro le disposizioni del decreto sicurezza bis. Ma questa volta la stragrande maggioranza dei tifosi si dissocia e critica ferocemente le scelte del gruppo.

Proclami, prese di posizione, comportamenti e fatti che, ancora una volta, sfumano il confine tra interessi di gruppo, passione genuina, ambito calcistico e interesse privato. Questa mescolanza di elementi è la matrice di fondo in cui si è snodata la vita spericolata di Piscitelli. Separare un solo elemento rende illeggibile il quadro d’insieme.

Quello che lascia Diabolik assomiglia più a un campo minato che a una dote facilmente utilizzabile. Una curva in cui emergeranno vecchi rancori e nuove divisioni, in cui l’amore per la squadra e per il calcio va di pari passo con una gestione militare, violenta, opaca del potere di curva. In un mondo del calcio sospeso tra vecchi e nuove interessi economici, attraversato dalla guerra delle piattaforme, assediato da misure repressive che cancelleranno definitivamente i residui del tifo organizzato per come lo abbiamo conosciuto.

https://www.dinamopress.it/news/diabolik-morte-irriducibile/

documentazione
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo