antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti
- "Ammazza il negro", altre minacce contro la famiglia del Milanese che ha adottato senegalese

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 5.03.19
Roma, Avanguardia Nazionale il 6 marzo celebrerà in pubblico il terrorista nero Franco Anselmi
·
Militante dei Nuclei armati rivoluzionari rimase ucciso 41 anni fa nel corso di una rapina all'armeria Centofanti. L'organizzazione promotrice è illegale, sciolta nel 1976 per ricostituzione del partito fascista

04 marzo 2019

Può un terrorista essere commemorato pubblicamente, in strada, a Roma, da un'organizzazione già sciolta per tentata ricostituzione del partito fascista e dunque fuori legge? E' quello che farà il 6 marzo nella capitale Avanguardia Nazionale per ricordare, a 41 anni dalla sua scomparsa, Franco Anselmi, ex Nuclei armati rivoluzionari, rimasto ucciso nel corso di una rapina all'armeria Centofanti nel quartiere Gianicolense (il terrorista fu colpito dal proprietario del negozio).

L'appuntamento è stato annunciato con una locandina dalla Comunità politica Avanguardia, sigla sotto la quale, da tempo, è rinata Avanguardia nazionale. I camerati si ritroveranno alle 16 in via Ramazzini 107, luogo dove Anselmi cadde a terra colpito durante la rapina. Era il 6 marzo 1978. Ma vediamo chi è stato Anselmi - il "martire dei Nar" - e perchè la figura e le "gesta" del terrorista nero vengono oggi celebrate dagli avanguardisti. Il primo grosso fatto di cronaca che vede protagonista Anselmi risale al 28 maggio 1976: ha 22 anni quando, a fianco di Sandro Saccucci, è impegnato nel raid di Sezze Romano, in provincia di Latina, in cui morirà colpito da due pallottole il giovane comunista Luigi Di Rosa. Anselmi diventa una figura rilevante nell'ambiente del terrorismo nero.

Quando il 18 marzo dello stesso anno, a Milano, in via Mancinelli, un commando fascista uccide Fausto Tinelli e Lorenzo Iannucci (noti come Fausto e Iaio), a rivendicare il duplice delitto è l'"Esercito nazionale rivoluzionario-Brigata Combattente Franco Anselmi". E' una delle sigle dell'arcipelago dei Nar che praticano l'anticomunismo armato. Da quel gruppo erano venuti gli assassini, da Roma a Milano, per "colpire nel mucchio". Adesso, nel 41esimo anniversario della sua morte, Anselmi è celebrato dai camerati che hanno resuscitato Avanguardia nazionale. L'organizzazione fu sciolta nel 1976 per ricostituzione del partito fascista: per lo Stato italiano è dunque fuori legge. Ma tant'è, da tempo ha ripreso a organizzare eventi e ritrovi, dal centro al nord Italia.

Ora Avanguardia celebra pubblicamente un terrorista ucciso in una rapina. Per strada. "Come è possibile che le autorità - prefetto, questore - permettano un'evento simile?", chiede l'Osservatorio sulle nuove destre. Il caso ricorda un'altra vicenda simile: ambientata al cimitero Maggiore di Milano a maggio 2017. Fu un sedicente prete, don Orlando Amendola, detto il "cappellano dei camerati" , a ricordare con una cerimonia il quarantennale della morte di Salvatore Umberto Vivirito, ex militante neofascista di Avanguardia Nazionale, morto il 21 maggio 1977, a soli 22 anni, a seguito di una ferita da arma da fuoco rimediata nel corso di una rapina, due giorni prima, a una gioielleria di piazza Udine, a Milano.

Vivirito assassinò, crivellandolo con sei colpi di pistola, il titolare del negozio, Ernesto Bernini (anche la moglie di quest’ultimo rimase gravemente ferita). L’assalto doveva servire — stando agli avanguardisti — per finanziare un non precisato gruppo eversivo di estrema destra di cui lo squadrista, assieme ad altri “sanbabilini”, faceva parte dopo lo scioglimento di Avanguardia. La commemorazione di Vivirito al cimitero Maggiore si chiuse con il rito fascista del “presente” (come mostrò un video pubblicato da "Repubblica"). Eseguito da tutti, don Amendola compreso. Il sacerdote - si scoprì poi che fu scomunicato dall'ordine straniero a cui apparteneva - si esibì nel saluto romano.

https://www.repubblica.it/cronaca/2019/03/04/news/avanguardia-220713931/?ref=RHPPBT-BH-I0-C4-P13-S1.4-T1

iniziative_fasciste
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo